Che cosa significa il Natale per i musulmani?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Nel mondo musulmano il Natale non viene celebrato collettivamente, eccetto nelle comunità cristiane minoritarie in Medio Oriente anche se non vistosamente come in Occidente.

In Nord Africa non si festeggia del tutto. Per un cristiano occidentale che abita lì, l’assenza di immagini, suoni e consuetudini tipicamente natalizie, che fanno parte della nostra cultura, si fa sentire parecchio e può essere addirittura deprimente.

Esci per le strade e vai per negozi e non vedi luminarie o decorazioni. Entri nelle case il giorno di Natale ma non mangi un pranzo natalizio né ascolti un racconto di Natale, a meno che non vai a casa di uno dei pochi cristiani del luogo. Accendi la TV o la radio ma non trovi nessun programma natalizio o talvolta pochissimi, o addirittura nessun segnale che ricordi la nascita del Salvatore.

Nessuna “atmosfera o spirito del Natale”

Non è che i musulmani non sappiano cosa sia il Natale. In Nord Africa viene comunemente considerata una festività pagana “europea”. Agli occhi di molti si tratterebbe di una grande festa dove si mangia molto e si beve smisuratamente e così via – molto simile alla festa pagana che era all’origine, ai tempi dell’antica Roma.

È importante notare come la nascita di Cristo sia effettivamente riportata nel Corano, alla sura 19:16-35. Ciononostante, il messaggio dell’Incarnazione, che i cristiani affermano essere il vero significato del Natale, viene ostracizzato collettivamente nel mondo islamico.

Si adempie quel che è scritto:  "Egli era del mondo, e il mondo che lo ha fatto per mezzo di lui, ma il mondo non l'ha conosciuto. Egli è venuto in casa sua, i suoi non l'hanno ricevuto" (Gv 1: 10-11).

Il Corano, rispetto alla Bibbia, presenta una narrazione distorta dalla realtà a riguardo della nascita del Messia. Vi si legge che l'angelo Gabriele comunica alla vergine Maria “che darà alla luce un figlio “puro” come Segno per gli uomini e una Grazia da parte nostra.”

Lei si ritira in un luogo desertico per partorire da sola sotto una palma e, in seguito, ritorna al suo popolo con il bambino. Quando la rimproverano, credendo che abbia messo alla luce un figlio di fornicazione, Gesù dalla culla parla intellegibile in difesa di sua madre e si auto-proclama profeta. Il passaggio termina denunciando la dottrina cristiana dell’Incarnazione, travisata in termini politeistici  e la Trinità, fraintesa come sacra famiglia, dove Dio, Maria e Gesù costituiscono la 'Trinità cristiana' (S 5:116).

“Tale è Gesù, figlio di Maria, l’affermazione della verità su cui essi disputano. Non si addice a Allah procreare un figlio; sia gloria a Lui. (S.19: 88-92) Quindi, anche se i musulmani riconoscono la nascita miracolosa di Cristo come nato da una vergine, essi non festeggiano la nascita del Salvatore. Ma la speranza di salvazione che solo il Cristo Incarnato può dare è quello di cui hanno unicamente bisogno.

Forse questo messaggio potrebbe essere trasmesso meglio se facessimo a meno delle trappole superficiali che il Natale implica, (per quanto innocui possano sembrare), e far sì che il Natale  rappresenti piuttosto un ‘occasione per lodare e ringraziare Dio Salvatore per questo Suo “dono ineffabile”.

Gli angeli accompagnano la Sua unica nascita, con la lode:

"È NATO PER VOI UN SALVATORE, CHE È CRISTO IL SIGNORE!

Francesco Maggio

Chi è Francesco Maggio
Francesco Maggio è l'icona dell’evangelismo fra i musulmani in Italia. Sempre in prima linea con le chiese evangeliche l’attività prosegue con l’evangelizzazione dei musulmani, con la diffusione di letteratura e di materiale multimediale per insegnare ai credenti come raggiungere i musulmani, loro vicini, con il Vangelo. Si deve principalmente a lui negli ultimi 30 anni l’implementazione di modelli evangelistici rivolti specificamente ai musulmani, sempre più adottati dai cristiani italiani.

info@islamecom.org

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • "Buon Natale", presumibilmente la frase più ricorrente di queste ultime ore. Quella più messaggiata, blogata ed smssata.

    Di certo in molte case vi sarà stato un cenone. Fra poco, se non già fatto, verranno offerti i doni ai bambini che frettolosamente ne scartano uno già pensando al prossimo.

  • Condividiamo questa piccola ma significativa iniziativa che alcune sorelle nel quartiere di Finocchio (Roma) stanno organizando per le loro amiche, conoscenti di zona.

    Si tratta di un appuntamento, solo donne, nella sala di culto giovedì mattina (il 18 dicembre) per consumare un the insieme.

    Spesso queste iniziative, che prendono occasione da varie festività, sono motivo di evangelizzazione vera ed efficace.

  • MAOMETTO: È PREDETTO IN DEUTERONOMIO 18?
     
    Ci sono delle profezie riguardanti Maometto, al di fuori del Corano? C'è qualche testo nella Sacra Scrittura che parla della sua venuta?
     
    Molti musulmani credono che nella Torà ci sia un riferimento preciso per la "profezia" che il Corano cita nelle sure 7:157 e 61:6 sulla persona di Maometto: è Deuteronomio 18:18 che dice: "io (il Signore) susciterò loro un profeta come te (Mosè), ...
  • Scarica qui la locandina dei corsi - Corso di formazione apologetica - Islamecom - cui fondatore è Francesco Maggio - offre un'esperienza di apprendimento unica nel panorama evangelico italiano, interattiva, innovativa, supervisionata, pionieristica nel settore dell'apologetica verso l'Islam in Italia. Un supporto essenziale per tutte le chiese e per i credenti coinvolti e consapevoli del piano di Dio.

  • Un bimbo cambia ogni cosa - A Baby Changes Everything

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta