Un africano considera lo schiavismo islamico inflitto agli africani

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Al giorno d'oggi ci sono parecchi afrocaraibici e afroamericani che si convertono all'Islam. Secondo le ricerche, questi nuovi islamici si sono convertiti primariamente perché avevano l'idea che l'Islam fosse una religione di "fratellanza" e di uguaglianza. Molti di loro credevano che l'Islam non avesse problemi razziali e che non fosse coinvolto nella tratta degli schiavi, come parecchi stati occidentali europei.

Continua qui

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Gli autori dei due dirottamenti di bus avvenuti qualche tempo fa in Germania sono stati due giovani musulmani cresciuti in quella nazione. Il loro obiettivo: attirare l’attenzione della gente sulla causa palestinese. Poco tempo dopo in un night-club di Tel Aviv è stato perpetrato un attentato terroristico i cui colpevoli erano giovani musulmani provenienti dalla Gran Bretagna.

  • Milioni di visualizzazioni su Facebook, destinate ad aumentare, per il video che prende in giro la cruenta e disumana propaganda dei jihadisti di Isis. I comici, manco a dirlo, sono israeliani.

  • Il caso contro Rimsha Masih, la ragazzina pakistana accusata di blasfemia, è stato chiuso dalla corte di Islamabad con un'assoluzione. La piccola Rimsha fu arrestata in agosto per aver dissacrato dei testi islamici, finendo per questo davanti a una corte per adulti con l'accusa di blasfemia (per questo tipo di reato in Pakistan si rischia l'ergastolo).
  • MAOMETTO: È PREDETTO IN DEUTERONOMIO 18?
     
    Ci sono delle profezie riguardanti Maometto, al di fuori del Corano? C'è qualche testo nella Sacra Scrittura che parla della sua venuta?
     
    Molti musulmani credono che nella Torà ci sia un riferimento preciso per la "profezia" che il Corano cita nelle sure 7:157 e 61:6 sulla persona di Maometto: è Deuteronomio 18:18 che dice: "io (il Signore) susciterò loro un profeta come te (Mosè), ...
  • Sopravviverà il cristianesimo in Medio Oriente?
    Dopo i fatti in Egitto, pubblichiamo l’estratto di un articolo di John Graz, direttore del dipartimento Affari Pubblici e Libertà Religiosa della Chiesa avventista mondiale e dell’Associazione Internazionale per la Libertà Religiosa. - Fonte: notizie avventiste

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri