Non per sempre ma la Porta è ancora aperta - Presto!

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Naufraghi di questa vita, tutti bisognosi di salvezza in un porto sicuro. Questa immagine, assai forte, evoca una storia accaduta molto tempo fa, Noè aveva avvertito che l'alluvione sarebbe arrivata, (2 Pietro 2:5) probabilmente vedendolo costruire questa immensa imbarcazione li dove non c'era l'acqua, lo avranno deriso.

- Il diluvio è arrivato ed è arrivato in questo modo:
"Come avvenne ai giorni di Noè, così pure avverrà ai giorni del Figlio dell'uomo. Si mangiava, si beveva, si prendeva moglie, si andava a marito, fino al giorno che Noè entrò nell'arca, e venne il diluvio che li fece perire tutti" - Luca 17:27
 

- Il diluvio è arrivato ed è arrivato per questo motivo:
Genesi 6
11 Or la terra era corrotta davanti a Dio; la terra era piena di violenza. 12 Dio guardò la terra; ed ecco, era corrotta, poiché tutti erano diventati corrotti sulla terra.
13 Allora Dio disse a Noè: «Nei miei decreti, la fine di ogni essere vivente è giunta poiché la terra, a causa degli uomini, è piena di violenza; ecco, io li distruggerò, insieme con la terra. 14 Fatti un'arca di legno di gofer..... 22 Noè fece così; fece tutto quello che Dio gli aveva comandato.


2 Pietro 2
Però ci furono anche falsi profeti tra il popolo, come ci saranno anche tra di voi falsi dottori che introdurranno occultamente eresie di perdizione, e, rinnegando il Signore che li ha riscattati, si attireranno addosso una rovina immediata. Molti li seguiranno nella loro dissolutezza; e a causa loro la via della verità sarà diffamata.
Nella loro cupidigia vi sfrutteranno con parole false; ma la loro condanna già da tempo è all'opera e la loro rovina non si farà aspettare.
Se Dio infatti non risparmiò gli angeli che avevano peccato, ma li inabissò, confinandoli in antri tenebrosi per esservi custoditi per il giudizio; se non risparmiò il mondo antico ma salvò, con altre sette persone, Noè, predicatore di giustizia, quando mandò il diluvio su un mondo di empi; se condannò alla distruzione le città di Sodoma e Gomorra, riducendole in cenere, perché servissero da esempio a quelli che in futuro sarebbero vissuti empiamente; e se salvò il giusto Lot che era rattristato dalla condotta dissoluta di quegli uomini scellerati 8 (quel giusto, infatti, per quanto vedeva e udiva, quando abitava tra di loro, si tormentava ogni giorno nella sua anima giusta a motivo delle loro opere inique), 9 ciò vuol dire che il Signore sa liberare i pii dalla prova e riservare gli ingiusti per la punizione nel giorno del giudizio; e soprattutto quelli che vanno dietro alla carne nei suoi desideri impuri e disprezzano l'autorità.
Audaci, arroganti, non hanno orrore di dir male delle dignità; mentre gli angeli, benché superiori a loro per forza e potenza, non portano contro quelle, davanti al Signore, alcun giudizio ingiurioso. Ma costoro, come bestie prive di ragione, destinate per natura a essere catturate e distrutte, dicono male di ciò che ignorano, e periranno nella propria corruzione, ricevendo il castigo come salario della loro iniquità. Essi trovano il loro piacere nel gozzovigliare in pieno giorno; sono macchie e vergogne; godono dei loro inganni mentre partecipano ai vostri banchetti. Hanno occhi pieni d'adulterio e non possono smetter di peccare; adescano le anime instabili; hanno il cuore esercitato alla cupidigia; sono figli di maledizione! Lasciata la strada diritta, si sono smarriti seguendo la via di Balaam, figlio di Beor, che amò un salario di iniquità, ma fu ripreso per la sua prevaricazione: un'asina muta, parlando con voce umana, represse la follia del profeta.
Costoro sono fonti senz'acqua e nuvole sospinte dal vento; a loro è riservata la caligine delle tenebre. Con discorsi pomposi e vuoti adescano, mediante i desideri della carne e le dissolutezze, quelli che si erano appena allontanati da coloro che vivono nell'errore; promettono loro la libertà, mentre essi stessi sono schiavi della corruzione, perché uno è schiavo di ciò che lo ha vinto.
Se infatti, dopo aver fuggito le corruzioni del mondo mediante la conoscenza del Signore e Salvatore Gesù Cristo, si lasciano di nuovo avviluppare in quelle e vincere, la loro condizione ultima diventa peggiore della prima. Perché sarebbe stato meglio per loro non aver conosciuto la via della giustizia, che, dopo averla conosciuta, voltare le spalle al santo comandamento che era stato dato loro. È avvenuto di loro quel che dice con verità il proverbio: «Il cane è tornato al suo vomito», e: «La scrofa lavata è tornata a rotolarsi nel fango».


- Il diluvio è arrivato e Dio chiuse la porta dell'arca

Gernesi 17: ...poi il SIGNORE lo chiuse dentro.
Il diluvio venne e la porta dell'arca fu chiusa, tutti perirono affogati, tranne chi era nell'arca.

LA STORIA SI STA RIPETENDO?
Da molto tempo la Bibbia ci dice che il Signore della Gloria, Gesù Cristo, tornerà. Molti i segni che avrebbero preannunciato il Suo ritorno. Eppure quante risate e prese in giro? C'è una Porta , quella della Grazia, che è ancora aperta ma si chiuderà. Oggi puoi scegliere di attraversarla, lasciando il bagaglio dei fallimenti e del peccato, complicità anche incosapevole con il nemico delle nostre anime, oggi puoi ricevere l'antitodo al male. Il male che è nel tuo cuore e che fa parte del tuo ancestrale retaggio, non puoi fare a meno di peccare, anche se tu non lo volessi. il giudizio di Dio pesa su di te. Questa è la cattiva notizia, tu meriti la condanna. 
La buona notizia è Gesù! Antivirus spirituale. Non è sufficiente conoscere che c'è una cura, bisogna assumerla.
 

Le molteplici difficoltà che l'Umanità vive da sempre ma che sembrano amplificarsi in questi ultimi anni, per esempio pestilenze come tumori, coronavirus, inquinamento e le problematiche ambientali terribili come il surriscaldamento, relazioni infrante, invasione di locuste, egoismi, i "prima noi" , le ipocrisie religiose, etc, fanno venire in mente le parole in Matteo 24, cioè  il fico che, sentendo la primavera arrivare, comincia a mettere i rametti e le prime foglie. Paragone citato da Gesù, Lui che è la porta, per ricordare che al manifestarsi degli eventi da Lui elencati, Lui è alla porta (Giovanni 10)

Oggi è l'ora del pentimento e del ravvedimento, sbrighiamoci! - Gesù potrebbe anche toranre oggi oppure tra mille anni, ma a noi ci appartiene solo oggi.

Vedi anche:


 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri