Andrà tutto bene, ma è sufficiente un mantra perchè questo avvenga?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Andrà tutto bene… In questi giorni di emergenza, ripetiamo spesso questa frase, a voce, su un post, o dalla finestra di casa. È una frase che ci aiuta a tenere sù il morale, a vedere le circostanze drammatiche con ottimismo e con fiducia, sperando in un domani migliore. Sì, perché la speranza ci aiuta a superare le incertezze, il dolore, anche la pauraPaura. Una parola che non ci piace, che cerchiamo di evitare in tutti i modi, di esorcizzare con le battute e i meme, con l’impegno da bravi cittadini e con il ripetere del mantra “andrà tutto bene”. La Cina sta vincendo la sua battaglia con il virus, noi in Italia siamo nel cuore della tempesta che infuria, in America iniziano a capire l’entità dell’emergenza, e speriamo che imparino anche da noi. Così, troviamo buoni motivi per dire che andrà tutto bene. Ma, l’ombra rimane… in effetti, nel profondo del mio cuore, come faccio a sapere che andrà tutto bene?

Andrà tutto bene?
Non è facile essere positivi se ho appena perso un genitore, un fratello, la moglie o il marito, o anche un amico per colpa del virus. Non è facile dire che andrà tutto bene se il mio lavoro è ora in bilico, o addirittura l’ho perso. Non è facile, pensando che il mondo è effettivamente cambiato con questa pandemia. Andrà tutto bene? E se il virus dovesse prendere me? Vero, la mortalità è bassa, ma una percentuale incoraggiante non toglie quella paura… quella della morte. La grande incognita, il grande nemico. Effettivamente, è la paura della morte che attanaglia il cuore. E nel silenzio del mio letto riconosco con rinnovata consapevolezza che è proprio la morte l’ombra cupa e assordante che grava sulla mia anima
Ma come sconfiggerla? Come soffiare un vento di vita che allontani questa nube minacciosa? Ci proviamo in tutti i modi: dopandoci di serie tv, calcio, film e musica; immergendoci nel lavoro, negli hobby, nello sport; servendo le nostre famiglie e le nostre comunità; difendendo l’ambiente e combattendo le ingiustizie del sistema, sperando così di prepararci all’aldilà con un curriculum di buone azioni. Eppure, tutte queste cose, che hanno comunque un valore intrinseco, non sono la risposta. Non lo sono mai stata… Ma quindi? Che fare? A chi rivolgerci? Non ci rimane che l’angoscia dell’Urlo di Munch???

Andrà tutto bene!
C’è un’alternativa vera, valida, vincente. C’è una persona che ha preso di petto il problema della morte. Lo ha affrontato e lo ha vinto, perché aveva nell’anima degli anticorpi straordinari: la purezza, la giustizia, l’amore. E nonostante una morte cruenta e ignobile, è risuscitato, per sconfiggere il nemico numero uno, e “liberare tutti quelli che dal timore della morte erano tenuti schiavi per tutta la loro vita” (dalla Bibbia: Lettera agli Ebrei, capitolo 2, versetto 15). Gesù infatti è morto e risorto cosicché “chiunque crede in lui non muoia, ma abbia vita eterna” [dalla Bibbia: Vangelo di Giovanni, capitolo 3, versetto 16].

Per chi si affida profondamente e sinceramente a lui, il destino finale, al di là di una malattia, di un incidente, della morte stessa… è la vita! Una vita di una qualità infinitamente superiore a quella che conosciamo. “Dio abiterà con loro, essi saranno suoi popoli e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio. Egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né giro, né dolore, perché le cose di prima sono passate” [dalla Bibbia: Apocalisse, capitolo 21, versetti 3 e 4].
Chi crede in Gesù, chi si affida a lui, chi ha la prospettiva eterna, certa, del Vangelo, può amare genuinamente e può affrontare emergenze e crisi, perché può dire in maniera chiara e forte: “Andrà tutto bene!”

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ottimo servizio, grazie. Personalmente non mi sento un estremista fanatico, e l'equilibro è ciò che mi piace e quello di cui ho bisogno.

E mentre è giusto invitare ad osservare le regole credo sia anche buono attivare i campanelli d'allarme. Se lo facevano i nostri fratelli del primo secolo penso che non sbagliamo a farlo anche noi. Certamente il Mondo ha vissuto sempre momenti di crisi e sicuramente viviamo sempre in un momento profetico....

Ma è forse sbagliato dire che le crisi che il Pianeta vive in questi anni non hanno precedenti per la globalità che li riguarda? Come evangelici non abbiamo per anni ipotizzato un sistema mondiale sotto il controllo dell'anticristo? Ho come l'impressione che i fratelli del primo secolo "esagerassero" nell'aspettarsi la "fine" mentre noi corriamo il pericolo opposto.

Credo che meritino rispetto anche quei fratelli, forse più impauriti di tutti (?), che vedono in questi tempi i segni profetizzati.... Siete cristiani, mi sembra di capire.... ci saranno quei tempi che alcuni pensano siano questi?

Se si da cosa si differenzieranno da questi? Non è forse già successo che Gesù è venuto e chi lo aspettava non lo ha riconosciuto? Non è forse scritto da qualche parte che Gesù si interroga se troverà la fede?

E se oggi ubbidiamo tutti, globalmente ed autoconvincendoci per delle buonissime ragioni a limitarci nella libertà, non sarà molto più logico e giusto, magari in futuro, a fare la stessa cosa per sfamarci? Ripenso ai testimoni di Dio dell’Apocalisse, il mondo si scambiò dei regali e fece festa, alla loro uccisione.

Dei guai erano passati, ma ecco ne arrivarono altri. Magari non è così, è tutta una storia, e anche stavolta “andrà tutto bene”.

Ritratto di alex

Una giusta osservazione, meglio tenere accesi i campanelli.
Interessante anche l'accenno ai testimoni di Dio di apocalisse 11 che riportano ai due olivi di Zaccaria 4:1-14.
Per il profeta i due ulivi sono Giosuè e Zorobabele, uno è un capo politico e l'altro religioso della comunità ebraica dal ritorno dell'esilio babilonese.

I due sembrano sconfitti definitivamente ed il mondo festeggia, tra l'altro erano in grado di flagellare l'umanità, ma poi il racconto continua.

Davvero l'Apocalisse è un libro molto simbolico e da citare con il dovuto rispetto ed umiltà.

Però concordo con te, per anni il mondo evangelico ha profetizzato della venuta dell'Anticristo, prima del ritorno del Signore, che avrebbe accorpato l’umanità tutta contro Dio, vincendo anche i santi (ancora Apocalisse stavolta 13). Una vittoria fisica e una guerra nella mente, famoso il numero 666 utilizzato come marchio per nutrirsi.

Il Mondo, lo dice il fratello Danny, è sotto il dominio, permesso, del Nemico di Dio, e quando tutto il mondo è concorde in una direzione c'è da preoccuparsi.

Credo sia saggio, come fanno la maggior parte dei pastori oggi, ad attenersi alle disposizioni sanitarie rimanendo in allerta per il prossimo futuro.

Interessante al riguardo la decisione del Vaticano di tenere aperte le chiese parrocchiali per offrire, con le dovute cautele, assistenza spirituale ai più deboli...

Potrebbe interessarti..

  • In questi primi mesi del 2020, nonostante i buoni auspici che ci siamo scambiati, siamo stati bersagliati da notizie via via sempre più pessime. L’infezione e l’epidemia da CORONAVIRUS arrivata anche in Italia è l'ultimissima brutta novità. Virus pandemici hanno fatto la storia dell'umanità: la storia ci ricorda come intere comunità sono state decimate dalla lebbra, dalla peste, il vaiolo, la tubercolosi e più recentemente l’aviaria, la sars ed ora il coronavirus.

  • È stato sottoscritto questa mattina a Palazzo Chigi, dal presidente della Conferenza episcopale italiana Gualtiero Bassetti con il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte e il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, il protocollo che individua le misure di sicurezza sanitarie da rispettare per la ripresa delle celebrazioni liturgiche alla presenza dei fedeli a partire dal 18 maggio. Scarica qui il protocollo.

  • Andrà tutto bene… In questi giorni di emergenza, ripetiamo spesso questa frase, a voce, su un post, o dalla finestra di casa. È una frase che ci aiuta a tenere sù il morale, a vedere le circostanze drammatiche con ottimismo e con fiducia, sperando in un domani migliore. Sì, perché la speranza ci aiuta a superare le incertezze, il dolore, anche la paura… - qui il volantino in pdf

  • Brano: Ef 2:19-22; 1Pt 2:1-10 Tema: La circostanza attuale, che ha costretto molti fratelli del nord d’Italia a dover rinunciare al consueto incontro domenicale, a causa di un’ordinanza finalizzata a prevenire la diffusione del contagio da coronavirus, induce tutti noi a riflettere sulle ripercussioni che una tale ingiunzione avrebbe, qualora non dovesse r

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri