2 Pietro 3:8-13 - Iniquità, cuori che si raffreddano, terra che brucia. Il Signore ritorna

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

ll primo giudizio di Dio sull'Umanità avvenne con l'acqua, il secondo sarà con il fuoco. Con il fratello Giuseppe affrontiamo una questione di cui non si parla molto. Il ritorno di Gesù, l'approccio a questa tematica non è fatta con l'intento di calcolare date, piuttosto sul focalizzare come il cristiano deve prepararsi in particolare sui pericoli degli utlimi tempi. Problematiche con cui l'Umanità, e la chiesa, ha dovuto da sempre confrontarsi. Tuttavia, per il concatenarsi di particolari situazioni, esse sembrano aumentate notevolmente.  - 2° Pietro 3:8-13 -

Ma voi, carissimi, non dimenticate quest'unica cosa: per il Signore un giorno è come mille anni, e mille anni sono come un giorno. Il Signore non ritarda l'adempimento della sua promessa, come pretendono alcuni; ma è paziente verso di voi, non volendo che qualcuno perisca, ma che tutti giungano al ravvedimento. Il giorno del Signore verrà come un ladro: in quel giorno i cieli passeranno stridendo, gli elementi infiammati si dissolveranno, la terra e le opere che sono in essa saranno bruciate.
Poiché dunque tutte queste cose devono dissolversi, quali non dovete essere voi, per santità di condotta e per pietà, mentre attendete e affrettate la venuta del giorno di Dio, in cui i cieli infocati si dissolveranno e gli elementi infiammati si scioglieranno! Ma, secondo la sua promessa, noi aspettiamo nuovi cieli e nuova terra, nei quali abiti la giustizia.
Perciò, carissimi, aspettando queste cose, fate in modo di essere trovati da lui immacolati e irreprensibili nella pace; e considerate che la pazienza del nostro Signore è per la vostra salvezza, come anche il nostro caro fratello Paolo vi ha scritto, secondo la sapienza che gli è stata data; e questo egli fa in tutte le sue lettere, in cui tratta di questi argomenti. In esse ci sono alcune cose difficili a capirsi, che gli uomini ignoranti e instabili travisano a loro perdizione come anche le altre Scritture.
Voi dunque, carissimi, sapendo già queste cose, state in guardia per non essere trascinati dall'errore degli scellerati e scadere così dalla vostra fermezza; ma crescete nella grazia e nella conoscenza del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo. A lui sia la gloria, ora e in eterno. Amen


--- Giuseppe Martelli ---
2 luglio 2017

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Potrebbe interessarti..

  • Che lo vogliamo oppure no, che lo sappiamo oppure no, non cambia il fatto che il Signore Gesù tornerà.
    --- Daniele Pasquale ---
    Roma 3 novembre 2002

  • Dio promise al profeta Zaccaria che negli ultimi giorni avrebbe agito come un muro di fuoco protettivo attorno al suo popolo: «IO, dice il Signore, sarò per lei un muro di fuoco tutto intorno, e sarò la sua gloria in mezzo a lei» (Zaccaria 2:5).

  • Quando queste cose vengono registrate ci vengono in mente le parole di Cristo durante il sermone profetico sul monte degli Ulivi riportate nel Vangelo di Marco al capitolo 13. Non ci vogliamo schierare con quanti gridano alla fine del mondo, magari ipotizzando date, però resta un fatto. La mia vita finirà, la tua vita per come la conosci finirà. Probabilmente prima della fine del pianeta Terra. Per certo lo stesso pianeta avrà termine. Dovremmo, quindi, prenderci cura del nostro destino eterno prima di aspettare la fine della Terra.

  • C'è stato un tempo in cui Gesù il Cristo, la Parola fatta carne, ha camminato tra le tenebre, squarciandole, qui sul Pianeta Terra. Questa venuta aveva realizzato un gran numero di profezie, così come la morte e la resurrezione. Gesù venne e, la cosa fa pensare, venne in mezzo ai suoi che lo aspettavano... ma non lo riconobbero, arriva il messia che attendevano e lo appendono alla croce. Ora sappiamo che questa fu una scelta di Gesù per permettere lo straordinario scambio alla croce tra Lui, giusto e irreprensibile, con te, peccatore incallito. Come me.

  • Egli non tarderà. Leggo questa certezza nelle profezie delle Scritture. E credo in queste profezie che non sono quelle dei Nostradamus delle nostre fiere, ma quelle del mio Dio.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri