Dall'innocenza alla perversione mentale - la guerra scatenata contro la tua mente per possederla

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

La mente - di Antoine Fracchiolla - Ogni uomo e donna crede a qualcosa, anche se non lo vuole, e questa sarà la verità oppure la menzogna. Interessanti riflessioni del fratello Antoine dove vengono, con l'uso delle Scritture, rilevate le strategie di Satana che si trasveste da tranquillo e pacifico consigliere fin dai tempi antichi. Lo scopo è quello di avere il controllo della mente dell'Umanità, illusa di vivere in una libertà di pensiero.

Questo controllo della mente ha un percorso nella storia che comincia da Genesi 3. Satana ha sedotto Eva nella sua mente, nel percorso del tempo l'Uomo peggiora nella perversione mentale, lo vediamo sotto i nostri occhi. L'inganno è stato quello di convincere l'Uomo di  poter acquisire più libertà, e più si convince di questo più Satana ha il controllo della sua mente, fino al punto che non potrà più comprare e vendere come vorrà, dovrà pensare esattamente come vorrà la bestia.
E' questo a cui l'umanità sta arrivando: l'Anticristo.

Il fratello ci invita a capire questo processo mentale che Satana sta preparando per dare spiegazione a quello che vediamo intorno a noi. Ma anche per apprezzare il valore del sangue di Gesù Cristo e amare veramente l'opera del Signore!

2° Parte - Dalla Perversione all conversione

3° Parte - Dalla conversione alla mente di Cristo

Fonte EKKLESIA TV

Vedi anche: 

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Questa immagine è ferma, non è un video, ma il nostro cervello la vede in movimento. Se la guardi in un punto fisso per avere conferma del movimento si ferma.

Capite come la nostra mente è facilmente violabile e attaccabile?
Per questo il nostro bisogno di Gesù, di restare ancorati alla Sua Parola. L'inganno è dietro la porta, in gioco ce il destino eterno.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri