Giacomo 5:13-20 - Dipendere da Dio in ogni circostanza

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

A guardar bene, se siamo cristiani e magari cristiani evangelici, abbiamo acquisito molta conoscenza di quello che ha fatto Dio, di chi è Gesù e delle sue promesse e dei suoi ordini! Probabilmente molti di noi credono fermamente in quello che ha appreso e che continua ad apprendere sul vangelo. Tuttavia Lo scopo di Dio è farci dipendere da Lui. Ricordate il naufragio della fede dei discepoli di Gesù nella barca che pareva affondare? Erano con Gesù, credevano in Lui, con il vantaggio di poterlo avere davanti agli occhi Lui e le opere prodigiose che aveva compiuto. Ma nonostante questo era, ed è, cosa diversa e più profonda, avere fiducia in Lui. Aumentare le nozioni in merito a Gesù è importante, ma la cosa di cui ho più bisogno è accrescere la fede in Lui. Come mi comporto quando la barca ondeggia? Accresci la fede in me, Signore!
Predicazione tratta dal libro di Giacomo 5:13-20.
--- Giuseppe Martelli ---
Roma 25 settembre 2016

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In questo studio desideriamo esaminare, dal punto di vista della Parola di Dio, quali siano le caratteristiche, le cause e le conseguenze delle prove e delle tentazioni.
     
    Chi di noi è immune da questo genere di realtà? Chi di noi può affermare di non aver mai vissuto un periodo di difficoltà o di non aver mai dovuto affrontare una tentazione?
  • Un salmo profondamente messianico, nel senso tecnico del termine. Tuttavia resta, insieme alla stupefacente profezia, l'esperienza di un uomo, Davide, in una dura prova. Come reagisce? Cosa possiamo imparare? Da un incontro tra fratelli la meditazione del salmo 22.

  • "Ed ecco passava l'Eterno... un vento forte e impetuoso squarciava i monti e spezzava le rocce davanti all'Eterno, ma l'Eterno non era nel vento. Dopo il vento il terremoto, ma l'Eterno non era nel terremoto dopo il terremoto un fuoco, ma l'Eterno non era nel fuoco, dopo il fuoco una voce come un dolce sussurro..." (1 Re cap. 19 v. 12 )
  • E' un onore poter riscrivere la mia testimonianza ed avere l'opportunità di dare, grazie a Dio, speranza e incoraggiamento a chi ne avesse bisogno.
    Mi chiamo Davide, vivo a Sesto San Giovanni (Milano) sono nato il 22/09/1971 e dall'età di 16 anni, cioè dal 3/07/87 convivo, abbastanza bene, con una emiparesi sinistra causata da un trauma post-operatorio dovuto ad un'asportazione tumorale (gangliglioma - 17 casi in Italia) nella zona cerebrale destra.
    Da allora la mia vita è cambiata!
  • La lettera di Giacomo, il fratello del nostro Signore, non è un libro molto popolare. Questo è sorprendente, perché è un libro estremamente pratico. Oggi viviamo in un'era pratica, così pratica che molte persone non sopportano la sana dottrina. Se insegnerete la giustificazione,

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri