PIPER John

Amatemi - John Piper

"Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; e chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me." (Matteo 10:37)
"Gesù disse loro: «Se Dio fosse vostro Padre, mi amereste, perché io sono proceduto e vengo da Dio ... " (Giovanni 8:42).
GESÙ COMANDA DI AMARE
Ricordo d'aver letto un libro all'università che affermava: l'amore non può essere un sentimento perché viene comandato, e i sentimenti non possono essere comandati. In altri termini, l'amore deve essere semplicemente un atto della volontà o un'azione del

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Non siate in ansia per i bisogni della vita quotidiana - John Piper

Ci sono stati dei re che hanno ritenuto di grande efficacia tenere i propri sudditi in uno stato di ansia costante. Se la gente è ansiosa per lu propria vita cd è preoccupata, non sapendo come fare a procurarsi il pasto del giorno dopo, allora probabilmente sarà più disposta a fare la volontà del re per ottenere il cibo necessario dai magazzini del regno. L'ansia li tiene al loro posto. La paura dà stabilità alla monarchia.
GESÙ NON USA L'ANSIA COME MEZZO PER DARE STABILITÀ ALLA SUA SOVRANITÀ

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Morti nei peccati, prigionieri di una potenza aliena, per natura figli d'ira. Ma Dio... - John Piper

Il fratello John prendendo spunto dal brano di Efesini 2:1-9 illustra la condizione dell'Uomo e la sua urgenza di consapevolizzare la necesità di un Salvatore. - Non eravamo, dunque, soltanto come in anticamera riguardo a Dio, eravamo in realtà nell'obitorio e qualunque cosa pensassimo o qualunque sentimento avessimo o qualunque azione facessimo, non erano pensieri, sentimenti ed azioni dello Spirito, ma della carne. Niente di quello che pensavamo, sentivamo o facevamo era spirituale, perché eravamo morti spiritualmente.
Tutto quello che pensavamo, sentivamo e facevamo proveniva da ciò che eravamo per natura, cioè eravamo figli d'ira.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La gloria di Dio: il tesoro più grande da ricercare - John Piper

Dal Congresso Missione 2016 svolto a Montesilvano dal 2 al 5 giugno 2016, il fratello Joh Piper affronta la questione della gloria di Dio esponendola come il motivo stesso non solo della creazione dell'Uomo, ma di ogni cosa creata che sia infinitamente grande oppure microscopica. Ed è nella gloria di Dio che troviamo la gioia, e quando gioiamo in Dio lo glorifichiamo. Gli argomenti sviluppati sono:

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La passione di Dio per la Missione - John Piper

Dal Congresso Missione 2016 svolto a Montesilvano dal 2 al 5 giugno 2016.


02/06/2016 John Piper – Intervista – (sera)


03/06/2016 John Piper – La gloria di Dio: il tesoro più grande

facebook icona twitter iconawhatapps icona

L’Onnipotenza di Dio è la nostra speranza - John Piper

Il nome «Dio, l’Onnipotente» implica che Dio ha tutto il potere di fare ciò che vuole. La Scrittura conferma questa realtà continuamente e ci sono tre punti concreti in rapporto all’Onnipotenza di Dio che rafforzano la nostra speranza e fiducia in Dio.

1. Dio non può essere impedito da nessuno di compiere i Suoi piani

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La passione di Dio per la missione - 2 > 5 giugno 2016

Sei consapevole che la missione del Vangelo è una missione olistica, che si incarna nella vita di tutti i giorni, sia che tu sia chiamato a lasciare il tuo paese per una terra straniera sia che tu continui a vivere dove sei nato e cresciuto?

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La riconciliazione: grigia solidarietà o un obiettivo più sublime?

Così Paolo, in Romani 5:10-11, dopo aver detto: "Siamo stati riconciliati", prosegue con le parole: "Non solo, ma ci gloriamo anche in Dio per mezzo del nostro Signore Gesù Cristo, mediante il quale abbiamo ora ottenuto la riconciliazione". L'obiettivo di questa riconciliazione non è una semplice, grigia solidarietà, ma è che noi "ci gloriamo in Dio per mezzo del nostro Signore Gesù Cristo".
Il punto focale della riconciliazione è Dio.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Prendete la mia croce e seguitemi

"Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a sé stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la sua vita,
la perderà; ma chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà" (Matteo 16:24-25).
"Seguitemi, e io vi farò pescatori di uomini" (Marco 1:17).
"Io sono la luce del mondo; chi mi segue non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita" (Giovanni 8:12).
"Seguimi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti" (Matteo 8:22).
"Se vuoi essere per/etto, va', vendi ciò che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro nei cieli, poi, vieni e seguimi" (Matteo 19:21).

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La trasformazione nel discepolo di Gesù

L'azione dello Spirito Santo nel trasformarci non consiste in un intervento diretto sulle nostre cattive abitudini, ma nel produrre in noi una tale ammirazione per Gesù Cristo che quelle cattive abitudini risulteranno estranee e fuori luogo.
Jon Piper - Dio è il vangelo

La chiave per conformarsi a Cristo è contemplarlo!

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Pagine

Abbonamento a PIPER John

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri