Efesini 2:1-9 - Morti nei peccati, prigionieri di una potenza aliena, per natura figli d'ira. Ma Dio... - John Piper

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Il fratello John prendendo spunto dal brano di Efesini 2:1-9 illustra la condizione dell'Uomo e la sua urgenza di consapevolizzare la necesità di un Salvatore. - Non eravamo, dunque, soltanto come in anticamera riguardo a Dio, eravamo in realtà nell'obitorio e qualunque cosa pensassimo o qualunque sentimento avessimo o qualunque azione facessimo, non erano pensieri, sentimenti ed azioni dello Spirito, ma della carne. Niente di quello che pensavamo, sentivamo o facevamo era spirituale, perché eravamo morti spiritualmente.
Tutto quello che pensavamo, sentivamo e facevamo proveniva da ciò che eravamo per natura, cioè eravamo figli d'ira.
Potete cominciare a vedere quanto estremamente terribile fosse la nostra condizione senza un Salvatore?
Poiché non avevamo una vita spirituale dentro di noi, ma solo morte, tutto ciò che facevamo era peccato; visto cosa è il peccato? Cosa può essere se non la mancanza della gloria di Dio? E chi può fare alcunché per la gloria di Dio mentre è spiritualmente morto?
Prima che venisse il Salvatore, quindi, prima che ci ricreasse e ci rendesse vivi, l'unica cosa che facevamo era peccare.

Leggi qui la meditazione di John Piper preparata nelle due domeniche precedenti la festa del natale.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • È possibile avere il corpo di un atleta, l'intelligenza di un genio o la personalità di una superstar ma non avere la vera vita. Cosa significa vivere veramente? Cosa significa avere nuova vita in Cristo? Perchè è necessario? L'apostolo Paolo mette a fuoco l'essenza della nuova vita contrastando quello che eravamo per natura con quello che siamo in Cristo. In questo contrasto vediamo splendere la ricchezza della grazia, misericordia e amore di Dio per noi in Cristo Gesù.

  • Di seguto l'edificante studio/meditazione di Samuele Negri sul tema della salvezza.
    Fu esposta in 4 parti nell'agosto del 2003 al campo biblico per ragazzi svoltosi a Poggio Ubertini.
    Di seguito i 4 file mp3

  • "E, perché siete figli, Dio ha mandato lo Spirito del Figlio suo nei nostri cuori, che grida: «Abbà, Padre». Così tu non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede per grazia di Dio" (Lettera ai Gala ti 4:6-7).

  • E' possibile per me avere un rapporto vero, stabile e significativo con Dio?
    Leggi qui l'opuscolo

    .

  • Luca 23 - Continuando nell'analisi dei discorsi di Gesù con le persone che lo incontrano giungiamo ad uno dei diaologhi più particolari considerato il luogo e la circostanza.  Assaporariamo nuovamente la meravigliosità del nostro Signore Gesù:

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri