MARTELLI Giuseppe

Figli unici

Nella Parola di Dio, fin dal racconto della creazione (cfr Ge 1:27) viene data grande importanza alla famiglia, sia sotto il profilo del rapporto fra marito e moglie, sia dal punto di vista della relazione fra genitori e figli. Questi ultimi, in particolare, rivestono una grande importanza nel quadro della concezione biblica della famiglia e della società, e non per nulla sono visti come un dono del Signore e come il bastone della vecchiaia per i loro genitori.

Il Salmo 127:3-5, in particolare, è molto chiaro ed esplicito in tal senso quando afferma[1]:

facebook icona twitter iconawhatapps icona

1 Corinzi 1:10-2:5 - Contese e sapienza umana... Cosa fare? - (Come evitare le divisioni) - Corinzi 1

Proseguendo nello studio della prima lettera ai Corinzi. Dopo i primi saluti, sicuramente più che formali del fratello Paolo, l'apostolo arriva subito ad un problema cruciale di questa chiesa locale: i partiti interni, le divisioni e le conseguenze che ne derivano. Un problema solo di allora?  Ascoltiamo attentamente e pratichiamo.

1° Corinzi 1:10-2:5

--------------------------

Roma 11 ottobre 2015

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Discepoli di Cristo

La parola “discepolo” deriva dal termine latino discipulus che significa “alunno, scolaro”, il quale a sua volta richiama il sostantivo greco mathetès e il relativo verbo manthàno, i quali rendono l’idea di “imparare” (come d'altronde il corrispondente vocabolo ebraico talmid).

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Atti 27:1-13 - Quel leggero vento in poppa e l'illusione di essere invincibili

Il viaggio nel "nostro" libro degli Atti degli Apostoli, che potremmo chiamare Atti dello Spirito Santo, sta per concludersi. Il racconto di Luca (Atti 27 1-13) sta giungendo al termine con il 4° viaggio di Paolo, quello diretto verso la Roma imperiale. Ancora un viaggio, ancora in nave.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Atti 25 - Pompa magna! Piace anche a te?

Un piccolo excursus storico sulla vita di corte degli anni 50. Siamo arrivati a meditare il capitolo 25 del libro degli Atti degli Apostoli e In effetti è un brano della Bibbia dove si parla poco di Dio e molto di io. Tuttavia il Signore riesce a parlarci anche da queste righe. Sapremmo trovarne spunto spirituale? Ascoltiamo il fratello Giuseppe.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Atti 22:30-23:35 - Paolo l'apostolo "furbacchione" - Un messaggio d'incoraggiamento per te!

Paolo è a Gerusalemme, tra i suoi fratelli ebrei. Aveva un grande desiderio di testimoniare di Gesù li dove, sotto gli occhi di tutti, aveva perseguitato i discepoli di Cristo.  Tuttavia il persecutore diviene, anche qui a "casa sua", perseguitato.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

I poveri al centro del cuore di Dio

Vi è mai successo che alcuni versetti della Bibbia vi siano sembrati in contrasto fra di loro, per cui avete sentito il bisogno di comprenderli più a fondo, sia nel loro contesto immediato che nell'ambito della più generale rivelazione biblica?
Se avete fatto quest'esperienza, probabilmente vi sarete imbattuti anche nell'apparente contraddizione data dai passi di Dt 15:4 e di At 4:34, da un lato, e di Mt 26:11, dall'altro.
 
Questi brani scritturali, infatti, parlano tutti della povertà ma affermano:
"Così, non vi sarà nessun povero in mezzo a voi, poiché il Signore senza dubbio

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Pagine

Abbonamento a MARTELLI Giuseppe

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri