Matteo 18:15-35 - "Ti perdono oppure no?" - La potenza ed il pericolo del perdono

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Matteo 18:15-35 - Ma tu, vuoi guadagnare tuo fratello? - Perdonare e chiedere perdono... Una delle cose più difficili in assoluto, specie se bisogna farlo "col cuore", come ci insegna Gesù... Ma tutto dipende dal mio rapporto con Dio: nella misura in cui ho compreso quale enorme debito il Signore mi ha condonato versando il Suo sangue sulla croce, non vedrò l'ora di riconciliarmi col fratello o con la sorella che ha peccato contro di me, di chiedergli perdono se me lo chiede, e di perdonarlo davvero! La compassione che il Signore ha avuto per me diventerà la mia compassione per il fratello che ha sbagliato e che sta soffrendo: lo vorrò "guadagnare" e farò di tutto per tornare in comunione con lui! D'altronde, se invece sarò spietato contro il fratello o la sorella che mi ha offeso, neanche il Signore perdonerà il mio peccato: Dio si adirerà contro di me e mi darà in mano agli "aguzzini" spirituali, fin quando non mi umilierò e chiederò perdono e perdonerò... Invece di restare "legati", non è molto meglio "sciogliere" i legami spirituali che si creano ogni qualvolta pecchiamo gli uni contro gli altri?

Giuseppe Martelli
Roma 26 luglio 2020

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Nella vecchia sala evangelica in Via Campo Bruno (Borgata Finocchio) il fratello Californiano Alan Scott illustra quali sono i conflitti interiori che sorgono nella mente del credente. Con l'aiuto della Bibbia scopriamo come risolverli.
    Alcuni dei temi affrontati:

  • Un insegnamento non solo per sposati, ma per gestire la sofferenza in qualsiasi relazione.
    Un cuore aperto, una bocca chiusa. Una vita di preghiera nel matrimonio. Se non preghi diventi una preda.
    Resistenza nella sofferenza. Non sputare nel calice della sofferenza, BEVILO!
    Quando Gesù non ce la stava più facendo a portare la Sua croce, fisicamente, ha ricevuto aiuto. Il perdono è il disinfettante della ferita, perchè se non si perdona si morirà non a causa della ferita, bensì a causa dell'infezione.

  • Matteo 22:23-33 - No, non è bello sentirsi dire certe cose... Eppure è Gesù che un giorno disse queste parole a dei Sadducei, capi religiosi che non credevano nella resurrezione e in tutto ciò che non era dimostrabile razionalmente, come i miracoli, la vita eterna, l'esistenza degli angeli e dei demoni...

  • Visitando il Kosovo nel giugno del 1999 ho visto a quali estremi conseguenze può portare la vendetta. Parole di disprezzo scritte con il sangue delle persone uccise fanno rabbrividire come poche altre cose. Ho visto la vendetta sotto un'altra forma quando mi sono imbattuto in un dramma familiare. Un giovane viveva nascosto dietro una cortina mentre le sue sorelle lavoravano freneticamente a fare tappeti da vendere, per scontare un debito del fratello prima che i suoi creditori lo trovassero per porre fine alla sua
    vita.

  • Matteo 23:1-12 - "Guai a voi" ripetuto sei, sette volte. A chi è rivolta questa parola? Quale contrasto con l'inizio del vangelo di Matteo nella beatitudine sul sermone della montagna con quel "beati voi".

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta