Dalla lapidazione al linciaggio su Facebook - Tempi diversi stessi attori

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Dalla lapidazione al linciaggio su Facebook - Ecco il protagonista
E' questa la perversione più grande che viviamo in questi tempi in occidente, spia dello stato d'animo e dell'involuzione che viviamo (in effetti sembrerebbe che questo accade dalla Creazione, viviamo una involuzione e non una evoluzione).

Una dittatura che si riconosce democratica solo quando si deve votare chi già è al potere.
Ogni tentativo di esprimere un dissenso ed un punto di vista diverso è, dagli uomini di successo di oggi, demonizzato e la persona è data in pasto ai propri fans pronti a riempire il post accusatore dei peggiori insulti che fomentano i cuori instabili, sempre più numerosi.

E non è un caso che in questi ultimi tempi si è riusciti a far odiare organizzazioni e persone, colpevoli di dissentire su diverse questioni di stampo umanitario, che godevano una grande stima in precedenza. Il Papa, organizzazioni umanitarie, personaggi di spettacolo, diventano il nemico e giù gli insulti.

Anche Gesù oggi sarebbe accusato di "buonismo".

E così lo sono i discepoli che cercano di fare del Signore più che una persona da stimare ma piuttosto da imitare.
Tutto già previsto. Gli ultimi tempi saranno difficili e gli uomini saranno "egoisti..." e tanti etc.

Come cristiani, quindi, è necessario essere prudenti perché questi spiriti agiscono sui nostri istinti basilari, inquinati dal peccato, facilmente possono prendere il controllo delle nostre decisioni. Apparentemente i ragionamenti che conquistano menti sono atti a farti sentire prezioso, amato e di valore (si scimmiotta Dio). Subito dopo viene individuato il nemico che mina il tuo benessere.

Chi propugna questi pensieri si pone, quindi, come salvatore del tuo benessere a cui, ovviamente, devi dedizione, voto, etc...

Se dissenti, educatamente, da oggetto di adulazione diventi oggetto da odiare, e qui sta tutta la differenza con lo Spirito Santo.

Anche come cristiani siamo soggetti a queste sollecitazioni, essendo che il nostro vecchio uomo ha imparato a nuotare e nel battesimo non è affogato.

Come difendersi?

Non è affatto facile perchè i tempi sono "difficili", le logiche e le parole stanno perdendo valore, è vero tutto ed il contrario di tutto. In pochi giorni masse di persone sono spostate da questo a quel ragionamento, avvolte anche contrapposto.

L'unico baluardo resta la Parola.

Mentre tutti i governi umani falliscono, hanno fallito e falliranno, il governo del Cielo è infallibile.

Coraggio alziamo gli occhi, il Re dei Re è il nostro Signore ed il capitano che ci condurrà nel porto sicuro.
Facciamoci sempre la domanda guida: cosa farebbe Gesù?

Nella Bibbia ci sono diversi riferimenti a tempi come questi, per esempio:
- 1 TImoteo 4:1
- 2 Timoteo 3:1
- Matteo 24
Ma anche la splendida promessa in Deuteronomio 4:30 fatta ad Israele e, come stiamo imparando, a tutti quelli che tornano all'Eterno.

Ovviamente viviamo cose già vissute in passato, probabilmente con una maggiore propensione. La lapidazione del nemico, usando bugie, per il raggiungimento dei propri scopi è una pratica antichissima. Leggiamo per esempio in prima RE

La vigna di Naboth. Condotta scellerata di Achab e di Jezebel sua moglie
1Re 21:1 Dopo queste cose avvenne che Naboth di Jezreel aveva in Jezreel una vigna vicina al palazzo di Achab, re di Samaria.
2 Così Achab parlò a Naboth e gli disse: «Dammi la tua vigna per farne un orto, perché si trova vicina alla mia casa. In cambio ti darò una vigna migliore o, se preferisci, ti darò l'equivalente in denaro».
3 Ma Naboth rispose ad Achab: «Mi guardi l'Eterno dal cederti l'eredità dei miei padri!».
4 Perciò Achab tornò a casa sua triste e adirato per la risposta che Naboth di Jezreel gli aveva dato: «Non ti cederò l'eredità dei miei padri!». Si gettò sul suo letto, volse la faccia da un lato e non volle prendere cibo.
5 Allora Jezebel, sua moglie, venne da lui e gli disse: «Perché hai lo spirito così contristato e non mangi?».
6 Egli le rispose: «Perché ho parlato a Naboth di Jezreel e gli ho detto: "Cedimi la tua vigna per denaro o, se preferisci, ti darò un'altra vigna in cambio". Ma egli mi ha risposto: "Non ti cederò la mia vigna!"».
Complotto di Jezebel e uccisione di Naboth
7 Allora sua moglie Jezebel gli disse: «Non sei tu che regni ora sopra Israele? Alzati, prendi cibo e il tuo cuore si rallegri; la vigna di Naboth di Jezreel te la farò avere io».
8 Così ella scrisse alcune lettere a nome di Achab, le sigillò col suo sigillo e le mandò agli anziani ed ai notabili che abitavano nella stessa città con Naboth.
9 Nelle lettere scrisse così: «Bandite un digiuno e fate sedere Naboth in prima fila davanti al popolo;
10 ponetegli di fronte due scellerati che depongano contro di lui, dicendo: "Tu hai bestemmiato DIO e il re"; poi conducetelo fuori, lapidatelo e così muoia».
11 La gente della città di Naboth, gli anziani e i notabili che abitavano nella sua città fecero come Jezebel aveva mandato loro a dire, come era scritto nelle lettere che ella aveva loro inviato.
12 Bandirono il digiuno e fecero sedere Naboth davanti al popolo.
13 Poi vennero due scellerati che si sedettero di fronte a lui; e questi scellerati deposero contro Naboth davanti al popolo, dicendo: «Naboth ha maledetto DIO e il re». Quindi lo condussero fuori della città e lo lapidarono con pietre; così egli morì.
14 Poi mandarono a dire a Jezebel: «Naboth è stato lapidato ed è morto».
15 Quando Jezebel venne a sapere che Naboth era stato lapidato ed era morto, disse ad Achab: «Lèvati e prendi possesso della vigna di Naboth di Jezreel, che egli rifiutò di darti per denaro, perché Naboth non vive più ma è morto».
16 Come Achab udì che Naboth era morto, si levò e scese a prendere possesso della vigna di Naboth di Jezreel.

Avete notato la tecnica? Non è poi così diversa oggi. Uomini spietati pogono il loro oppositore alla berlina dei propri fans che, ubidienti al mandato, lo "uccidono".

Leggi anche qui:
https://www.evangelici.info/dalla-lapidazione-al-linciaggio-su-facebook-...

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Facebook e Instagram rimuovono mille account russi fake a sostegno della guerra

Meta ha annunciato di avere disabilitato 45 account di Facebook e 1.037 di Instagram operati da un gruppo di troll russo che prendeva di mira "politici, giornalisti, attori, celebrità e brand commerciali di tutto il mondo" che sostenevano l'Ucraina. Secondo quanto riferito da Meta, e rilanciato dal Kyiv Independent, per il gruppo lavoravano diverse centinaia di persone che venivano ricompensate in rubli per lasciare commenti pro-Russia in modo da creare l'illusione di un diffuso sostegno alla guerra della Russia in Ucraina.

6 agosto 2022

Potrebbe interessarti..

  • Oggi mi ha ben colpito la lucidità e chiarezza di un post di Lorenzo Tosa che riporto integralmente appena sotto alcune mie considerazioni dal valore di 50 cents. E' da qualche giorno che riflettevo di come sia diventato inutile impegnarsi in processi di Fact-checking. Ovvero quel processo che vorrebbe smascherare con dati, verifiche, logica, la validità di una notizia.

    Sembra che se qualcuno vuole credere ad una bugia continuerà a farlo, anche davanti alla dimostrazione del contrario.

  •  

    In una bella giornata di sole, quattro studenti avevano deciso di marinare la scuola.
    Il giorno seguente spiegano alla loro giovane insegnante che si era forato un pneumatico della loro auto. Con grande sollievo, ella sorride dicendo loro :"Non c'è problema per il compito di ieri. Vi interrogherò su un altro argomento. Sedete ciascuno al proprio posto e prendete un foglio e una penna".

     

  • Come cristiani evangelici, probabilmente da sempre, abbiamo denunciato momenti nei quali i giorni sarebbero stati più difficili per diverse concause, profetizzate. Abbiamo dichiarato, negli anni, tempi nei quali sarebbe stato facile sviarsi, perdere l'orientamento, peccare, smetteri di amare e perdonare. Vento di nuove dottrine, nuovi messia, falsi, avrebbero guidato l'Umanità verso il tramonto di questi tempi e l'alba di una nuova era.

  • Di seguito l'interessante presentazione del libro: Alla ricerca del continente della gioia. L'autore è di ambiente cattolico, seguiamo il consiglio Paolino di ritenere il bene di ogni cosa, ed è assolutamente godibile per la profondità delle riflessioni largamente condivisibili. Conoscersi per evolvere sembra essere una buon consiglio, conoscersi in giornaliere meditazioni davanti la Parola per evolvere nella comunione con il Signore è il Consiglio!

  • Difficilmente mi trovo impegnato in cosiderazioni "contro" piuttosto, per carattere e per il lavoro che il Signore continua a fare con infinita pazienza nel mio cuore, mi impegno in argomentazioni "per"; per l'edificazione per la crescita per l'amore, etc.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta