Coronavirus: Dio ha il controllo, tu sei sotto il Suo controllo?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Anche in questi tempi di Coronavirus Dio ha il controllo. Una grande occasione! David Standridge
Fonte: Vita nella Grazia https://www.vitanellagrazia.org

Matteo 10:28-31
28 E non temete coloro che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l'anima; temete piuttosto colui che può far perire l'anima e il corpo nella geenna. 29 Due passeri non si vendono per un soldo? Eppure, non ne cade uno solo in terra senza il volere del Padre vostro. 30 Quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. 31 Non temete dunque; voi valete più di molti passeri.

Già dalla mattina siamo bombardati di informazioni. Telegiornali, e-mail, Facebook tutto ci inonda di notizie più o meno vere!
E poi mi rendo conto che sono chiuso in casa e il virus non può non far parte dei miei pensieri, mi fa male la gola? Ho tossito? Mi pizzica il naso? Devo misurarmi la febbre?

Te devi andare al lavoro? Hai bisogno di andare a comprare delle cose? Hai un parente che ha bisogno delle tue cure?

Gesù con queste parole in Matteo ha voluto mettere in prospettiva due aspetti importantissimi. E’ vero che possiamo morire fisicamente a quel tempo a causa della persecuzione per la fede, oggi almeno noi in Italia a causa di un virus con tutte le colpe annesse ma di cui è inutile lamentarci.

La morte più pericolosa è quella spirituale. Se non si ha creduto in Gesù Cristo come Salvatore e Signore si muore eternamente. I peccati che abbiamo commesso sono evidenti, il giudizio di Dio è chiaro, la soluzione è unica.
perché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore.

Le reazioni al virus sono le stesse che ho visto negli anni al messaggio del vangelo, sono giovane a me non tocca, sono allarmismi inutili, è un complotto per controllarci, non è grave come dicono, alla fine ci salviamo tutti o quasi, voglio ascoltare altre opinioni.

Sapete che vi voglio bene, il virus spirituale è molto più grave, ci pensi? Sei sicuro di avere creduto alla cura? Se ci hai creduto in questi giorni stai pregando per coloro che conosci che non sono salvati? Abbiamo amici che sono venuti anche in chiesa più volte stiamo pregando per loro?
Mettiamo in ordine le nostre priorità!

D’altra parte, la malattia, la sofferenza, la morte incutono una misura di paura! Ricordati, nel marasma intorno a te Dio ti vede. Sa ogni cosa di te e tu vali tanto! Non temere Dio si prende cura di te!

Non permettere al Coronavirus di toglierti la pace, sii sicuro nella tua fede nel Dio della Bibbia, non nelle tue opinioni.
Che Dio ci aiuti ad essere una luce di pace in un mondo spaventato, prendete del tempo per pregare per nome per le persone che conoscete che hanno bisogno della cura eterna. Chiedete al Signore come vi vuole usare nella loro vita.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In questi primi mesi del 2020, nonostante i buoni auspici che ci siamo scambiati, siamo stati bersagliati da notizie via via sempre più pessime. L’infezione e l’epidemia da CORONAVIRUS arrivata anche in Italia è l'ultimissima brutta novità. Virus pandemici hanno fatto la storia dell'umanità: la storia ci ricorda come intere comunità sono state decimate dalla lebbra, dalla peste, il vaiolo, la tubercolosi e più recentemente l’aviaria, la sars ed ora il coronavirus.

  • È stato sottoscritto questa mattina a Palazzo Chigi, dal presidente della Conferenza episcopale italiana Gualtiero Bassetti con il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte e il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, il protocollo che individua le misure di sicurezza sanitarie da rispettare per la ripresa delle celebrazioni liturgiche alla presenza dei fedeli a partire dal 18 maggio. Scarica qui il protocollo.

  • Andrà tutto bene… In questi giorni di emergenza, ripetiamo spesso questa frase, a voce, su un post, o dalla finestra di casa. È una frase che ci aiuta a tenere sù il morale, a vedere le circostanze drammatiche con ottimismo e con fiducia, sperando in un domani migliore. Sì, perché la speranza ci aiuta a superare le incertezze, il dolore, anche la paura… - qui il volantino in pdf

  • Brano: Ef 2:19-22; 1Pt 2:1-10 Tema: La circostanza attuale, che ha costretto molti fratelli del nord d’Italia a dover rinunciare al consueto incontro domenicale, a causa di un’ordinanza finalizzata a prevenire la diffusione del contagio da coronavirus, induce tutti noi a riflettere sulle ripercussioni che una tale ingiunzione avrebbe, qualora non dovesse r

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri