1 Gv 2:28-3:10 - Sai riconoscere un figlio di Dio?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

1 Gv 2:28-3:10 - Può sembrare una domanda strana, forse anche fuori del tempo, ma sono sicuro che diversi di voi che state leggendo se la sono fatta e magari hanno avuto difficoltà a dire con certezza se Tizio o Caio sono dei figli di Dio… Ebbene, il Signore ci fornisce delle chiare indicazioni in molti passi della Bibbia, compreso quello di 1 Gv 2:28-3:3, nel quale l'apostolo Giovanni, ispirato dallo Spirito Santo, svela alcuni segreti per riconoscere delle persone nate di nuovo: i figli di Dio, infatti, non possono vivere nel peccato, perché la natura santa del Signore è entrata in loro. Possono peccare (e talvolta lo fanno, purtroppo) ma non possono persistere nel peccato, perché lo Spirito Santo dimora in loro e li porta a vivere in modo puro e giusto, lontano dalle false dottrine (quelle contrarie alla Bibbia) e con una vera fede in Dio, che arriva sino alla certezza della vita eterna alla Sua presenza. Ti rispecchi in queste caratteristiche? In quale di esse hai maggiormente bisogno del Signore per crescere nelle Sue Vie? Ma invece, se vivi nel peccato, cioè violando la Legge di Dio, e non sei tranquillo ma senti il bisogno di cambiare vita…

Vai alla croce di Cristo e getta lì i tuoi pesi, confessando i tuoi peccati: Lui li perdonerà e ti darà una nuova vita!

Il Signore ti benedica!

Giuseppe Martelli
26 maggio 2019

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri