WURMBRAND Richard, 14 anni in prigione perchè cristiano

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

14 anni in prigione perchè cristiano. Senza suoni, senza colore, senza luce, senza bibbia, senza fratelli...
 
Una testimonianza struggente di chi soffriva segretamente sotto il regime comunista fino a qualche anno fa, una riflessione senza paragoni per noi che viviamo nell'agio della "libertà religiosa".
 
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Pace
Cerco in lingua italiana il libro scritto di Richard Wurmbrand, il racconto de la sua testimonianza in prigione.
Grazie

Ritratto di alex

Ritratto di alex

(1 Giovanni 4:7, 8;    Matteo 5:44)

 

Mi trovavo in prigione per la mia fede, ed ero gravemente malato; di fianco a me c’era un pastore di nome Iscu.

Era stato selvaggiamente picchiato e torturato perché cristiano.

Era in agonia, tuttavia era calmo.

Iscu si trovava alla mia destra.

Coricato a sinistra, c’era l’uomo che lo aveva torturato a morte e che più tardi era stato arrestato e malmenato dai suoi stessi compagni. Anche lui stava per morire.

Una notte si svegliò e chiamò Iscu: “Pastore, per piacere, di’ una preghiera per me; i crimini che ho commesso sono così atroci che non riesco nemmeno a morire”.

Iscu, anch’egli molto sofferente, chiamò gli altri due carcerati, di appoggiò a loro, passò accanto al mio letto, si sedette sul letto del suo carnefice e gli accarezzò la testa.

Era uno spettacolo straordinario.

Non dimenticherò mai quella scena, quel gesto d’amore verso un uomo che lo aveva colpito così brutalmente e che era responsabile della sua prossima morte.

Al suo gesto, aggiunse queste parole: “Ti ho perdonato di cuore, ti amo. Ma Gesù, il Figlio di Dio, Lui, l’amore incarnato, ti ama ancora di più e può cancellare per sempre i tuoi peccati. Pregalo, ti sta aspettando. Vuole perdonarti, basta che tu ti penta”.

In quella cella di prigione, sono stato testimone della confessione sincera di un carnefice che riconosceva tutti i suoi omicidi davanti a Dio e davanti a Colui che aveva torturato.

Pregarono insieme e si abbracciarono.

Il pastore tornò a fatica nel suo letto.

Morirono entrambi la stessa notte, in pace con il loro Salvatore.

R.Wurmbrand

 

Tratto dal calendario “IL BUON SEME”  - edizioni “il Messaggero Cristiano” - Via Santuario, 26 - 15048 Valenza (AL)  -  www.messaggerocristiano.it

Potrebbe interessarti..

  • Taher* è diventato cristiano dopo la guarigione miracolosa di sua figlia. Come cristiano ex-musulmano in Iran, sapeva bene che la sua scelta di seguire Gesù sarebbe stata messa alla prova in poco tempo. E così è stato.

    Una mattina, mentre si trovava al lavoro in una fabbrica tessile, Taher ha ricevuto una telefonata: “Devi tornare a casa, subito!” ha detto una voce profonda e sconosciuta. Era la polizia segreta e stava chiamando proprio da casa sua.

  • "La mia famiglia fu poi torturata per tre giorni e tre notti. Non ci hanno permesso di dormire. Hanno picchiato i miei genitori e poi i bambini davanti a loro per forzarli a rinnegare Cristo, ma nessuno di noi lo fece"

    Porte aperte
    Al servizio dei cristiani perseguitati

  • Mentre la cristianità in occidente (certamente buona parte di quanti si definiscono tali) è coccolata dal peccato, dilaniata dalle divisioni.
    Mentre le bacheche di noi cristiani sono pieni di dileggio ai politici, piuttosto che di preghiere per loro, mentre le nostre vite sono piene di invidia, gelosia e i nostri occhi ricolmi di adulterio,  la chiesa perseguitata... non ci sta chiedendo elemosina

    .... piuttosto ci indica la via: Gesù! Testimoniando Gesù
    --- Grazie Gesù! ----

  • nord_corea

    Dal Congresso Internazionale di Evangelizzazione Losanna III (Città del Capo 2010). Testimonianza di una studentessa nord coreana.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta