Poesie

Oggi Dio è morto (nei cuori)

Tu Signore dimenticato
In cassetto stipato
Cancellato dalla mente
Di botto intenzionalmente
Con calma selezionato
Tu? Scartato
Compresso illeggibile
Non più disponibile
Piacere della reminiscenza
Scartato con dolce violenza
Amiamo dio mondano
Desideri ci circondano
Soddisfiamo piacere terreni
Tuffandoci in mondi ameni
Assetati da greve vanità
Illusi sia vera verità
Ecco perché il mondo
Nel letame va a fondo
Mio Dio
Sei all'oblio.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Giacobbe lotta con Dio

“Una lotta nella notte dei tempi.
la mano Santa benedice e tocca l’umana carne
che non lascia il divino
non si contenta alla grazia e misericordia.

Giacobbe vuole il tocco di Dio!
Mentre la luce dell’alba manda via la notte
benedici Signore, Giacobbe il forte e coraggioso
la tua mano vuole sentire.
Il nuovo giorno manderà via le sue lotte
Israele sarà benedetto
il suo cammino non sarà più claudicante.

Armando Sansone

facebook icona twitter iconawhatapps icona

CHe senso ha la vita?

Ogni giorno vedo
La patina del tempo
Lambire il mio volto
Da paure travolto
Chiedendomi il senso
Di questa vita il responso?
Dov'ero prima di nascere
L'anima tornerà in quali viscere
Dove andrò dopo?
Viver senza scopo?
Questo passaggio quest'esistenza
Da una zolla di terra coperta?
I miei occhi insoluti
Da nulla evoluti?
Perchè son nato? Perchè ho vissuto?
Perchè ho riso? Perchè ho pianto?
Peerchè ho sofferto? Perchè ho amato?
Perchè sopratutto ho peccato?
Nessuna risposta ai perchè.
Questo ha un senso?
Quale sarà il compenso?

facebook icona twitter iconawhatapps icona

COme bambini

Se dovessi parlare ai bimbi
di Gesù subito chinerebbero
il capo e mani giunte in atto
di preghiera di animo puro
innocente dalle loro labbra
sentiremmo : Gesù ti amo
perché tu sei buono.
Se dovessi parlare di Gesù
ai così detti grandi di scribi
farisei teologi intellettuali
si intonerebbe un lungo discorso
filosofico astrologico tematico
ermeneutico teologico che
non finirebbe mai.
Strano... gli stessi bimbi
con il tempo si sono guastati.

Matteo 18,1-5

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Preludio a Dio

Brilla il sol di buon mattino
Rende il ciel adamantino
Destasi la natura
D'aria fresca...pura
Rosei cirri capricciosi
Singhiozzi di cinguettii gioiosi
Come non si puo amare il creato
Come non pensar che Dio sia stato
Come non pensare
Alla vista dell'infinito mare
Che Lui non sia stato a creare
Il mormorio dell'onde
La riga dell'orizzonte
Il ciel di nuvole solcato
Dio sia eternamente lodato

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Quello che voglio non faccio

O mio Signore
Se avessi lo stesso ardore
Di come sparlo sul prossimo
In modo abilissimo
Avresti già sulla terra
Una chiesa quasi perfetta
O mio Signore
Se predicassi con lo stesso fervore
Di come rotea la lingua
E di piacevoli frasi essa si intinga
Avresti più anime convertite
Che anime perdute
Signore ti chiedo perdono
A volte sono asincrono
Prometto questo prometto quello
Poi abbandono il duello
Divengo di volontà apatica
Signore la mia fede fortifica
Con preghiere e devozione
A te vero unico Signore

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Il profumo del silenzio

Restare solo con Te Signore
In silenzio a parlar per ore
Sguardo all'alto
Improvviso salto
Chiedo alle stelle
Lapislazzuli lucenti
Chi vi ha incastonato
Nel cielo infinito?
Guardo il cobalto manto
Odo un movimento
Lo sguardo mi distrae
Il mare che mi attrae
Tu dove attingi
Tale forza e spingi
L'onde maestose
Bianche spumose?
Il creato che incanto
Tu Signore l'hai dipinto
Un respiro profondo
Gaudio al mio spirito
Incanto a mirabile bellezza
L'animo accarezza
Questo silenzio un incantesimo
Respiro il Tuo profumo

sdp

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Il raccolto

Ho seminato discordia
Senza misericordia
Ho seminato invidia
Compagna la perfidia
Ho seminato alterigia
Mista a cupidigia
Ho seminato orgoglio
Mescolato con imbroglio
Ho seminato arroganza
Ben vestita con eleganza
Ho seminato prepotenza
Gonfio di onnipotenza
Ho seminato bugie
Suoni di dolci melodie
Ho seminato ironia
In perfetta sincronia
Ho seminato non so altro
Credendo sono più scaltro
Dal seminato stolto
Zizzania ho raccolto
Solo ora piango
Perchè raccolgo fango
Se ho seminato vento
Raccoglier tempesta son destinato

facebook icona twitter iconawhatapps icona

E' tempo di tornare

sfuggevole il tempo

come carezze non date

non c'è scampo

amate e presto a me tornate

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Tutti farisei

Signore sei diventato
A piacere interpretato
Oggetto di separazione
Ognuno propria interpretazione
Si nomina strano
Il Tuo nome invano
Uno dall'altro separato
Nel proprio io murato
Dal fratello distinguermi
Nella mia convinzione chiudermi
Divenuti secessionisti
Oratori protagonisti
Da chi distinguersi?
Da cosa diversi?
Alla fine risponderei:
Siam tutti Farisei

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Pagine

Abbonamento a Poesie

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri