Samuele - Un esempio di intercessione - C.H. Spurgeon

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

"Quanto a me, non sia mai che io pecchi contro l'Eterno smettendo di pregare per voi; anzi vi mostrerò la buona e diritta via" ( 1Sam 12:23 ). - E' un grande privilegio avere il permesso di pregare per i nostri consimili. Nel singolo caso di ogni uomo, la preghiera deve iniziare per forza da una richiesta personale, perché fino a che l'uomo stesso non é accettato da Dio, non può intercedere per gli altri: qui é insita parte dell'eccellenza della preghiera di intercessione, perché per l'uomo che la esercita è segno della grazia interiore e della bontà che ha ricevuto dal Signore. Puoi stare sicuro che il tuo Re ti ama, quando ti permette di dire una parola in favore dei tuoi amici. Quando il cuore è pieno di suppliche sincere per gli altri, allora può cessare ogni dubbio riguardo all'essere accettati personalmente da Dio: colui che ci spinge ad amare, certamente ci ha dato quell'amore e quale altra prova migliore del suo favore vogliamo?

Superiamo con disinvoltura le paure e l'ansietà per la salvezza della nostra anima, quando spostiamo la nostra egoistica attenzione da noi stessi per concentrarla più generosamente sull'anima di un fratello. Chi ha visto altri salvati e benedetti in risposta delle proprie suppliche, può considerare ciò come un pegno dell'amore divino e rallegrarsi nella grazia accondiscendente di Dio. Queste preghiere salgono più in alto di quelle per noi stessi, perché solo chi è nel favore di Dio può azzardarsi di chiedere per gli altri.
La preghiera di intercessione è un atto di comunione con Cristo perché Gesù supplica per i figli degli uomini. É parte
del suo sacerdozio intercedere per il suo popolo. Egli è asceso al cielo per questo scopo ed esercita il suo ufficio continuamente dietro la cortina. Quando preghiamo per i nostri consimili, siamo in sintonia con il nostro divino Salvatore che intercedette per i peccatori. Queste preghiere sono di inestimabile valore per le persone in questione.
Molti di noi possono far risalire la propria conversione alle preghiere di alcune persone timorate di Dio. In innumerevoli casi le preghiere dei genitori sono servite a portare i giovani a Cristo. Altri dovranno benedire insegnanti, amici e pastori che pregano. Persone poco in vista, confinate nei loro letti, sono spesso i mezzi per salvarne altre centinaia con le loro continue suppliche a Dio. Il libro della vita svelerà il valore di queste persone nascoste a cui la massa dei cristiani pensa poco. Come il corpo é unito da tessuti e muscoli, da nervi e vene che si intrecciano, così è l'intero corpo di Cristo convertito in un'unità vivente di preghiere reciproche: hanno pregato per noi e adesso, in cambio, noi preghiamo per gli altri. Non solo la conversione dei peccatori, ma anche il benessere, la preservazione, la crescita, il conforto, l'utilità dei santi è promossa attraverso le preghiere dei propri fratelli: ecco perché gli evangelici dicono, "fratelli, pregate per noi".

Colui che era la perfezione dell'amore, disse, "preghate gli uni gli altri affinché siate guariti" e il nostro Signore e Capo concluse la sua carriera terrena con un'incomparabile preghiera per quelli che il Padre gli diede.

AllegatoDimensione
PDF icon samuele_un_esempio_di_intercessione.pdf3.12 MB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Una delle tante possibilità per studiare con profitto la Bibbia, il Libro che Dio ha lasciato per far conoscere Sé stesso dall'umanità, è quella di esaminare uno dei sessantasei libri in cui essa è composta, e di meditare sul suo contenuto.

  • La storia biblica è costellata di personaggi che, per il limitato spazio che viene loro concesso, vengono comunemente chiamati "minori". Epafra è indubbiamente uno di questi. Ma bastano i pochi riferimenti che il Nuovo Testamento ci offre, relativamente alla sua vita, per farci capire che ci troviamo davanti ad un uomo di grande spessore spirituale il cui impegno nel servizio e nella preghiera possono esserci di esempio! 

  • Nel presente lavoro abbiamo scelto il personaggio di Boaz, del quale parla soprattutto il libro biblico di Rut. Il metodo da noi adoperato è consistito nell'analisi di tutti i brani biblici che trattano di questo personaggio, cui è seguita l'individuazione della sua posizione sociale e l'esame della sua principale attività descritta nella Bibbia: l'esercizio di un diritto di riscatto.
     
    Come parte applicativa, abbiamo infine esaminato alcune peculiarità del suo carattere e dei suoi atti come prefigurazioni della persona e
  • Quando Daniele seppe che il decreto era firmato, andò a casa sua; e, tenendo le finestre della sua camera superiore aperte verso Gerusalemme, tre volte al giorno si metteva in ginocchio, pregava e ringraziava il suo Dio come era solito fare anche prima (6:10).
    Daniele prosperò immensamente nelle cose materiali, ma prosperò anche la sua anima. Spesso l'avanzamento esteriore coincide con una decadenza interiore. Decine di migliaia di uomini sono stati contaminati dal successo.

  • Vi sono nel Nuovo Testamento alcune figure di discepoli, non molto considerate perché esterne alla ristretta cerchia dei dodici, ma con una vita significativa e, per certi aspetti, esemplare per noi. Quanto di loro ci dice la Parola è sufficiente a raccogliere una indubbia ricchezza di insegnamenti e di esempi pratici attravero i quali il Signore vuole incoraggiare il nostro cammino come discepoli di Cristo.

    Chiunque segue Cristo è un discepolo

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri