1 Giovanni 4:1-6 Verità vs errore: come capire? - Andy Hamilton

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

"Una delle caratteristiche del vero credente è saper discernere ciò che è vero da ciò che è falso" - 1° Gv 4:1-6 - Viviamo nell’epoca delle fake news. Siamo sommersi da una marea di notizie dalla tv, radio, internet e social media. Un tempo dovevamo ricercare le informazioni oggi ce ne dobbiamo difendere. È importante saper distinguere tra notizie vere e notizie false. È ancora più importante saper distinguere tra ideologie vere e ideologie false.

Come fare quando c'è una corsa a vestirsi anche di simboli religiosi pur di conquistare consensi? Come fare a riconoscere ciò che è giusto da quello che è sbagliato? Scopriamo in questo brano che la chiave per distinguere ciò che è vero da ciò che è falso è:

  • avere la Bibbia aperta nelle nostre mani
  • e lo Spirito attivo nel nostro cuore e nella nostra mente.

Andy Hamilton
Roma 16 giugno 2019

fonte: Chiesa Eavangelica Borgata Finocchio - RM

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Interessante editoriale di Ezio Mauro di oggi, 11 aprile 2022, su Repubblica. L'abitudine alla bugia, permette di sceglere la verità che vogliamo, anche se contraddice l'evidenza. Un ulteriore esempio di preparazione di quelli che la Bibbia chiama "ultimi tempi" dove non solo si sceglierà di credere alla menzogna, ma Dio manderà una "potenza d'errore" affinchè chi decide di credere alla bugia ne sarà pienamente convinto essendo ingannato ed ingannando..

La guerra Russia-Ucraina e l'inversione morale

La barbarie va fermata in nome della democrazia e della libertà, aggredite a Kiev e Mariupol, proprio perché siamo occidentali e questi valori sono la nostra identità. Invece assistiamo a un uso reticente dell'evidenza, con una procedura ipocrita: si liquida la condanna dell'invasore in una riga, per poi rovesciare dubbi e critiche sul Paese invaso e sull'Occidente che lo sostiene.

Cos'è dunque successo in questi anni, per impedirci di distinguere l'aggredito dall'aggressore? Raramente una guerra si è incaricata di un compito pedagogico palese come il conflitto tra Russia e Ucraina, mostrando l'evidenza delle responsabilità del Cremlino nella scelta bellica, rivelando la pretestuosità delle accuse che Mosca rivolge a Kiev, certificando dove sta il diritto e dove invece domina l'abuso.

https://www.repubblica.it/editoriali/2022/04/10/news/guerra_russiaucrain...

Potrebbe interessarti..

  • E' notizia di questi giorni (marzo 2017) che il presidente Donald Trump, con la sue proverbiali parole arroganti, si è attivato per togliere dei vincoli ambientali nella produzione di energia, vincoli che limitavano le emissioni di gas serra e cose simili, vincoli sviluppati e introdotti nell'era Obama. Tali restrizioni trovavano giustificazione nel tentativo di ridurre l'impatto ambientale nella produzione e nel consumo di energia degli USA, primo inquinatore mondiale e seguito da tutte le altre potenze economiche.

  • Alcune cose sono vere ed altre sono false: per me questo è un assioma, una verità così evidente da non aver bisogno d'essere dimostrata. Ci sono però molte persone che evidentemente non la pensano così. Oggi infatti va per la maggiore dire: "Alcune cose sono o vere o false secondo la prospettiva dalla quale le guardi. Il bianco è bianco e il nero è nero secondo le circostanze, e non importa molto come lo chiami. La verità, naturalmente, è vera, ma sarebbe scortese, di cattivo gusto, dire che l'opposto è menzogna.
  • 1 Gv 5:14-21 - Il fratello Emiliano conclude la serie di sermoni sulla 1° lettera di Giovanni, cominciando nel ricordandoci gli obiettivi principali che questa lettera si pone:

    1° Punto - Incoraggiare i fedeli in Cristo avendo una vita consacrata

    2° Punto - Incoraggiare ad amare i fratelli

    3° Punto - Occhio alle contraffazioni

    Emiliano Gattulli

    Roma 7 luglio 2019

  • , ,

    Le tre scimmie sagge sono un motto illustrato giapponese. Queste tre scimmie insieme danno corpo al principio proverbiale del "non vedere il male, non sentire il male, non parlare del male". I loro nomi sono "Mizaru", “scimmia che non vede”, "Kikazaru", “scimmia che non sente il male” e "Iwazaru", “scimmia che non parla del male”.  Con il fratello Johan Soderkvist, direttore dei GBU (Gruppi Biblici Universitari) verioficheremo come questo proverbio mal si addice al cristiano.

  • Oggi mi ha ben colpito la lucidità e chiarezza di un post di Lorenzo Tosa che riporto integralmente appena sotto alcune mie considerazioni dal valore di 50 cents. E' da qualche giorno che riflettevo di come sia diventato inutile impegnarsi in processi di Fact-checking. Ovvero quel processo che vorrebbe smascherare con dati, verifiche, logica, la validità di una notizia.

    Sembra che se qualcuno vuole credere ad una bugia continuerà a farlo, anche davanti alla dimostrazione del contrario.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta