Matteo 22:23-33 - "Voi sbagliate!"

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Matteo 22:23-33 - No, non è bello sentirsi dire certe cose... Eppure è Gesù che un giorno disse queste parole a dei Sadducei, capi religiosi che non credevano nella resurrezione e in tutto ciò che non era dimostrabile razionalmente, come i miracoli, la vita eterna, l'esistenza degli angeli e dei demoni... I Sadducei erano molto religiosi, ma non credevano nel sovrannaturale e di fatto applicavano alla Parola di Dio i loro concetti materialistici e razionali: perciò sbagliavano di molto e dimostravano di non conoscere nè le Scritture nè la potenza di Dio! E oggi, io e te? Magari siamo dei bravi religiosi, che andiamo a messa o al culto ogni domenica, magari leggiamo pure la Bibbia e preghiamo, ma poi? Come affrontiamo la vita di tutti i giorni e le difficoltà che essa porta con sè? Ci affidiamo alla nostra logica, alla nostra razionalità o ci facciamo aprire gli occhi dello Spirito da Dio per combattere le battaglie spirituali che sono in corso e che, molto spesso, stanno dietro alle nostre vicende della vita, specie quelle più dure? Io non voglio che il Signore, un giorno, possa dire anche a me: "Tu hai sbagliato tutto! Hai messo da parte la Mia potenza e non hai voluto vivere le realtà sovrannaturali, continuando a confidare in te stesso e nei tuoi mezzi umani!". Io non voglio... E tu?

Roma 07 Novembre 2021
Giuseppe Martelli

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • "Perchè guardi la pagliuzza nell'occhio di tuo fratello e non scorgi la trave che è nel tuo occhio?" - Uno dei passi più famosi della Bibbia, ma cosa significa? Farsi i propri affari? Giudicare? Si, no? Scopriamo, per metterle in pratica, queste importante informazioni e comandamenti lasciati da Gesù ai suoi discepoli.

    Matteo 7 dal versetto 1 al versetto 14.

    --------------------
    Roma 16.12.2007

  • DIALOGHI SUL VANGELO DI MATTEO - prima parte con l' introduzione di Roberto MAZZESCHI il quale da inizio al convegno. Interverranno il prof. Fernando DE ANGELIS e il presidente dell'associazione EDIPI Ivan BASANA. Realizzazione video a cura di Giuseppe ESPOSTO.

  • Gesù ama e chiama a se gli stanchi con un appello diretto! -  "Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo. Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, perché io sono mansueto e umile di cuore; e voi troverete riposo alle anime vostre; poiché il mio giogo è dolce e il mio carico è leggero" - Matteo 11:28-30


    -----------------------
    Roma 7 agosto 2016

     

  • Matteo 24 - Con i tanti cambiamenti che in poco tempo avvengono viene a mancare il punto di riferimento della propria vita e si entra in shock, non sapendo come orientarsi, cambiando gli orizzonti in maniera repentina.
    In una conversazione di Gesù e i suoi discepoli il Signore illustra la storia di Israele e dell'Umanità che si sarebbe svolta di li in poi. Parole che arrivano anche ai nostri giorni carichi di tutta la loro importanza profetica direttamente dal Re della storia.

  • Matteo 18:15-35 - Ma tu, vuoi guadagnare tuo fratello? - Perdonare e chiedere perdono... Una delle cose più difficili in assoluto, specie se bisogna farlo "col cuore", come ci insegna Gesù... Ma tutto dipende dal mio rapporto con Dio: nella misura in cui ho compreso quale enorme debito il Signore mi ha condonato versando il Suo sangue sulla croce, non vedrò l'ora di riconciliarmi col fratello o con la sorella che ha peccato contro di me, di chiedergli perdono se me lo chiede, e di perdonarlo davvero!

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri