Luca 17:11-19 - Grazie! La parola magica che ci apre le porte del cielo

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Luca 17:11-19 - Grazie. Una bellissima parola in apparenza così semplice, ma spesso tanto difficile da pronunziare. Soprattutto nei riguardi di Dio. Con essa infatti riconosciamo di ricevere qualcosa che non è un nostro diritto avere e che non saremmo stati in grado di ottenere facendo affidamento solo su noi stessi. Proprio per questo motivo, Grazie è quella parola indispensabile per poterci appropriare della salvezza, una sorta di “parola magica” che ci apre le porte del cielo. L’episodio narrato in questo brano vede infatti questa piccola parola come la protagonista indiscussa di una fede autentica.

Roma 26 dicembre 2021
Nicola Berretta

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • "Chi Mi offre come sacrificio il ringraziamento, Mi glorifica, dice Dio". (Salmo 50:23)

    Su questo argomento si hanno delle idee diverse e, a volle, contraddittorie. C'è chi dice che per ottenere una grazia da Dio bisogna fare, in cambio, qualche sacrificio. In questo mondo tu e io non saremmo mai completamente sicuri di riuscire, con i nostri sacrifici, a conquistare completamente la grazia salvifica di Dio.

  • La storia di un funzionario corrotto. Gerico, un sicomoro e Zaccheo, una storia che i bambini imparano dalle monitrici - Luca ha simpatia per i diversi, per le persone che non sono in armonia con gli usi, costumi e abitudini normali. Infatti dedica il suo vangelo ad un pagano (Teofilo). Luca mostra come Gesù non si fa condizionare dai pregiudizi umani, quei pregiudizi che ci condizionano tutti. Condizionano anche me e te.

  • Ascoltiamo il fratello Andy che, prendendo spunto da una attrazione turistica, vedi la foto, spiega come facilmente potremmo, sopratutto se nati in un tale ambiente, adattarci a vivere in una casa sottosopra, in un mondo sottosopra. Solo una voce da fuori, da sopra, può aiutarci a comprendere che la nostra prospettiva è spesso sbagliata...

    Andy Hamilton
    Roma 19 luglio 2015

     

  • qui il file mp3

    Sulle tracce di Gesu' 130

  • Il piano del Signore è incontrare la Sua creatura. Per realizzare questo incontro ha fatto una "pazzia" che si chiama croce. Ma ora è richiesto un tuo atto di volontà dal nome: "ringraziamento", uno degli aspetti del ravvedimento.

    Alessandro Ceralli
    Roma 26 maggio 2019

     

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri