Atti 3:12-16 - Il nome di Dio: più che una manifestazione anagrafica

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Atti 3:12-16 - "Ti prego svelami il tuo nome" - I nomi nel periodo della Bibbia avevano specifici significati e venivano assegnati per motivi specifici. Accadeva poi, in caso di eventi particolari nel corso della propria vita, che il nome veniva cambiato. Nella Scrittura il nome è più che un identificatore  anagrafico, come lo è nella nostra cultura, ma vuole essere l'spressione dell'essenza del carattere, della natura e della missione della persona. Con questa breve premessa il fratello ci spiega l'importanza per gli Ebrei, ma per tutta la Scrittura, sul nome di Dio. Proprio se abbiamo capito l'importanza che in quella visione Biblica ha il nome capiamo l'importanza del nome di Dio.  Il nome di Dio costituisce una rivelazione della Sua natura. Quando Dio rivela il Suo nome (Capitolo 3 di Esodo) è come se dalla Sua inaccessibilità Lui apre un varco verso l'Uomo manifestando qualcosa di se stesso e di cui l'Uomo può appropriarsi.

Discorso di Pietro nel tempio
12 Pietro, visto ciò, parlò al popolo, dicendo: «Uomini d'Israele, perché vi meravigliate di questo? Perché fissate gli occhi su di noi, come se per la nostra propria potenza o pietà avessimo fatto camminare quest'uomo? 13 Il Dio di Abraamo, di Isacco e di Giacobbe, il Dio dei nostri padri ha glorificato il suo servo Gesù, che voi metteste nelle mani di Pilato e rinnegaste davanti a lui, mentre egli aveva giudicato di liberarlo. 14 Ma voi rinnegaste il Santo, il Giusto e chiedeste che vi fosse concesso un omicida; 15 e uccideste il Principe della vita, che Dio ha risuscitato dai morti. Di questo noi siamo testimoni. 16 E, per la fede nel suo nome, il suo nome ha fortificato quest'uomo che vedete e conoscete; ed è la fede, che si ha per mezzo di lui, che gli ha dato questa perfetta guarigione in presenza di voi tutti.


---- una parola ai Testimoni di Geova, ma non solo ---
Roma 10 novembre 2013

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Testimoni di Geova, un popolo molto dedito alla dottrina che hanno abbracciato. Molto tempo dedicano alla sua divulgazione, allo studio, alla meditazione. Numerose, però, le differenze che ci separano, lecito quindi analizzarle.

    Uno studio del fratello Giuseppe Martelli dedicato alla “fratellanza” e, forse ancor di più, agli amici Testimoni di Geova che con cuore sincero hanno il "coraggio" di analizzare e meditare tesi confutatorie.

  • Paolo, l'apostolo, intraprende il suo terzo viaggio missionario. Dopo aver ricevuto aiuto da Aquila e Priscilla comincia l'opera ad Efeso, avendo lasciato Apollo a Corinto. Si troverà ad affrontare questioni delicate come delle fedi non ancora "perfezionate" o, addirittura, contraffatte.
    Atti degli Apostoli capitolo 19 dal versetto 1 al 21.

  • Ho ritrovato questi documenti conseganti ad un vecchio amico, purtroppo perso di vista, quando abitavo nel comune di Labico, in provincia di Roma (anno 2005)

     

    Al mio amico aspirante TdG:

    - Lo Spirito Santo è Dio ?

    - Divinità di Cristo, Come saremo, 144.000

    - Prima di ogni cosa, la piena conoscenza del Signore Gesù

  • Autore: Luca.
    Data di composizione: circa 63.
    Termini caratteristici: parola, parlare, predicare, dare testimonianza, chiesa, Gentili, apostolo, credere, battezzare.
    Note varie:

  • Predicazione audio tratto dal capitolo 14 degli Atti degli Apostoli. Ci troviamo davanti al racconto del primo viaggio missionario dell'Apostolo Paolo e del team che lo accompagnava.
    Scopriamo quali sono state le caratteristiche di questo viaggio

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri