Giovanni 12 - Gesù doveva morire in croce… E quindi?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Il brano di Giovanni 12:23-50 è incentrato sulla necessità che Gesù Cristo, prima di essere glorificato alla destra del Padre e di portare frutto alla Sua gloria, doveva soffrire e morire in croce. Proprio come un granello di frumento che, se non muore, non potrà mai diventare una spiga di grano. La crocifissione di Gesù, quindi, fu necessaria per cancellare i peccati di tutti gli uomini e per consentire a ciascuno di credere in Lui e di avere la vita eterna. Ma la croce è anche uno spartiacque: Gesù attirerà tutti a Sè ma solo chi crede e gli ubbidisce sarà liberato dalla potenza di Satana, mentre chi non vorrà credere resterà nelle tenebre e nella schiavitù del peccato. E chi crederà sarà chiamato a morire al mondo proprio come muore un granello di senape, e sarà chiamato anche a seguire e a servire Cristo, costi quel che costi. La croce di Cristo è uno spartiacque, che divide l'umanità in due gruppi: i salvati che vivono in eterno con Cristo e i perduti che sono giustamente destinati all'inferno…

Da che parte stai tu?"

Giuseppe Martelli
Roma 30 settembre 2018

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri