Discepoli di Cristo

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

La parola “discepolo” deriva dal termine latino discipulus che significa “alunno, scolaro”, il quale a sua volta richiama il sostantivo greco mathetès e il relativo verbo manthàno, i quali rendono l’idea di “imparare” (come d'altronde il corrispondente vocabolo ebraico talmid).

Il concetto fondamentale, dunque, è quello dell'alunno che impara dal suo maestro. In tal senso, d'altronde, si esprime anche qualsiasi comune vocabolario della lingua italiana che, alla voce “discepolo”, riporta definizioni come questa: “Colui che professa i princìpi appresi, direttamente o indirettamente, da un maestro, al quale si sente legato da particolari motivi di affinità spirituale

Nella Parola di Dio vi sono numerosi brani che parlano di “discepoli”. Nel Nuovo Testamento, in particolare, l'attenzione del lettore verrà sicuramente attratta dalle figure dei “discepoli di Cristo” e, soprattutto, dei “dodici discepoli” che Egli scelse ad un certo punto della sua missione terrena, i quali vissero esperienze straordinarie al seguito del Figlio di Dio.

Come testimoniò uno di loro, i Dodici udirono con le loro orecchie parole meravigliose, videro coi loro occhi miracoli eccezionali, toccarono con le loro mani e contemplarono con il loro spirito qualcosa[1] della Parola della Vita (cfr 1 Gv 1:1)… Per questo, essi non poterono fare a meno di annunciare il Vangelo anche agli altri uomini, perchè questo era il messaggio della vita eterna, che permetteva la vera comunione con Dio e anche tra coloro che si erano convertiti a Lui (cfr. vv. 2-3).

I “discepoli di Cristo” sono i seguaci dell'Agnello di Dio che ha tolto il peccato del mondo e, in quanto tali, sono dei tralci legati alla Vite (cfr Gv 15:5) affinchè possa fluire in loro, e attraverso di loro, la vita stessa di Gesù Cristo. Perciò è necessario che essi dipendano completamente dal loro Maestro e che si nutrano costantemente della Sua Parola, perseverando in essa (cfr Gv 8:31). Se ciò accadrà, dovunque si troveranno, i “discepoli di Cristo” saranno a loro volta testimoni della Verità e indicheranno a tutti gli altri uomini l'unica Via da seguire affinchè possano anch'essi diventare “discepoli” di Gesù Cristo, l'unico Dio vivente (cfr Mt 28:19).



[1] Effettivamente, se solo pensiamo alle parabole che I Dodici ascoltarono, ai miracoli che essi videro, alla lavanda dei piedi cui assistettero... Per non parlare dell'esperienza di alcuni di loro durante la trasfigurazione e ancor più al Getsemani…. O ancora di ciò che accadde con la morte, la resurrezione e l'ascensione del Dio incarnato...

Perchè questo studio?

Molti libri e molti articoli sono stati scritti su quest'argomento[2] e il semplice fatto di riflettere e di meditare sugli aspetti che ho appena citato mi ha convinto di cominciare una ricerca biblica concernente la figura generale del discepolo nella Bibbia e quella più specifica del discepolo del grande Maestro, Gesù Cristo.

L'impostazione di fondo

La mia intenzione, in questa ricerca, non è stata quella di aggiungere un ulteriore manuale di discepolato ai tanti (ottimi) testi in circolazione. E neppure ho voluto parlare di “discepoli di Cristo” in senso generale, trattando il tema da un punto di vista dottrinale o teologico, magari con dotte citazioni desunte da scienze umane come la psicologia o la sociologia.

Il mio desiderio è stato, molto più semplicemente, quello di esaminare i dati biblici inerenti la parola “discepolo” e da quelli trarre degli insegnamenti che fossero utili per la vita quotidiana dei cristiani del XXI secolo. Per un tema così importante come quello del discepolato di Cristo Gesù, infatti, non potevamo attestarci su un piano puramente teorico ma era assolutamente necessario delineare delle conseguenze pratiche per la nostra esistenza quotidiana!



[2] Fra i tanti libri in materia, in questa sede ricordiamo il classico testo di W. MAC DONALD, “Il vero discpolo”, ed. Centro Biblico, Napoli, 1988; oltre ai più recenti testi di M. GOLDSMITH, Le relazioni interpersonali di Gesù, ed. Gruppi Biblici Universitari, Chieti, 2003; e di R. DIPROSE, Per essere discepoli, ed. Soli Deo Gloria, Piacenza, 2014. Fra i tanti articoli monotematici apparsi su riviste cristiane, citiamo qui il recente scritto di F. Flacone, “Discepolato e salvezza”, in Il Cristiano, Arezzo, n. 10, 2014, pp. 480ss.

Continua qui

AllegatoDimensione
PDF icon discepolo.pdf351.84 KB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Cristiano, cristianesimo. Parole molto usate. Ma cosa vuol dire essere cristiano?

    Far parte di una religione? Essere nato in uno Stato cristiano? Partecipare a rituali, etc?

  • In che cosa credono i cristiani evangelici? Sovente ci viene posta questa domanda, e noi sentiamo la responsabilità di rendere testimonianza con la massima lealtà della nostra fede in Cristo. Siamo lieti di esporre chiaramente alcuni dei nostri punti fondamentali di fede e t' invitiamo ad interessarti di questo e a cercare nell' evangelo se la nostra fede è secondo le sacre scritture oppure no!

  • Ascoltiamo il fratello Andy che, prendendo spunto da una attrazione turistica, vedi la foto, spiega come facilmente potremmo, sopratutto se nati in un tale ambiente, adattarci a vivere in una casa sottosopra, in un mondo sottosopra. Solo una voce da fuori, da sopra, può aiutarci a comprendere che la nostra prospettiva è spesso sbagliata...

    Andy Hamilton
    Roma 19 luglio 2015

     

  • Il testo del nostro studio lo troviamo in Filippesi 3:20:
    “Quanto a noi, la nostra cittadinanza è nei cieli, da dove aspettiamo anche il Salvatore, Gesù Cristo, il Signore”.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri