Sea Watch, le chiese evangeliche: "Accogliamo noi i migranti. È un dovere civile di ogni democrazia"

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

"Accogliamo noi i migranti. È un dovere civile di ogni democrazia". E' l'appello lanciato dalle chiese evangeliche che si dicono pronte ad accogliere i migranti all'interno della Sea Watch 3. Le chiese protestanti tendono la mano ai migranti. "Mettiamo a disposizione le nostre strutture di accoglienza in Italia e le relazioni con le chiese sorelle d'Europa per approntare un piano di ricollocazione in Europa di una quota dei migranti soccorsi dalla Sea Watch". Lo dice il pastore Luca M. Negro, presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia. "Accogliere i migranti in fuga dalle persecuzioni - è dovere civile di ogni democrazia; ma per noi evangelici è anche un servizio al prossimo radicato nella tradizione biblica e un imperativo della nostra fede - spiega - tutte le chiese che compongono la Fcei hanno solide relazioni con le loro sorelle in Europa, molte delle quali sono attivamente impegnate in programmi d'accoglienza dei migranti.

Siamo convinti che la collaborazione tra governi nazionali, istituzioni europee e società civile sia essenziale per la costruzione di una politica di accoglienza efficace e rispettosa dei diritti umani".

Vedi anche:

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Open Arms, gli evangelici scrivono a Conte e Salvini
    Con una lettera al Premier Giuseppe Conte e al ministro Matteo Salvini, pubblicata dall’agenzia Nev.it il presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), pastore Luca Maria Negro, e il moderatore della Tavola valdese, pastore Eugenio Bernardini, hanno espresso la disponibilità ad accogliere i profughi soccorsi dalla nave Open Arms lo scorso 2 agosto.

  • Riceviamo e volentieri pubblichiamo: Schiavitù Mai Più - vi invita a partecipare a Raggiungere le Vittime della Tratta Sessuale:
    Programma:
    Incontro di Informazione
    Domenica 20 settembre 2015, ore 15:30
    Sala di Lettura GBU, Via Alfonso Borelli 7, Roma
    • L 'inquadramento del fenomeno: il mercato del sesso, la situazione globale e locale, l'aspetto legislativo, ecc.
    • L'azione: la spinta Biblica, .advocacy, coinvolgimento ind.ividuale e collettivo, uscite di strada, preghiera

  • A Teheran ed altre città dell'Iran nuova ondata di arresti di cristiani convertitisi dall'Islam. Le persone arrestate (25) hanno subito violenza fisica e verbale e sono state sottoposte ad interrogatorio. Tra loro cinque coppie con bambini molto piccoli. Undici persone sono  tornate in libertà ma solo dopo aver firmato un documento con il quale hanno dichiarato di non partecipare mai più ad attività cristiane. Le altre quattordici sono ancora in carcere.

  • Riceviamo e volentieri condividiamo: La Scuola a Distanza viene incontro a chiunque desidera studiare ma non ha la possibilità di seguire le lezioni in aula in una Scuola Succursale o nella Scuola Residenziale. Direttamente da casa, lo studente può intraprendere il percorso del Certificato di teologia.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri