Isaia 1 - Il tuo peccato è come sbattere la porta in faccia a Dio!

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Isaia 1:1-9 - Il profeta Isaia ci trascina in tribunale e ci confronta con la gravità del nostro peccato. Immagine dopo immagine l'orrore del nostro peccato è esposto. Il peccato non è solo violare la legge di Dio ma è sbattere la porta in faccia al nostro Padre amoroso. Il peccato non è solo avere un piccolo graffio ma equivale ad avere una malattia infettiva dalla testa ai piedi. La cura però c'è. Mediante le lividure del Signore Gesù noi siamo stati guariti.

Roma 26 gennaio 2020
Andy Hamilton

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

- E se non si può tornare indietro?
- Pregate per me io già da un po lo sto rifacendo. Che Dio mi ridia la forza che mi ha dato una volta. E dopo che ho ricevuto tanto. Gli ho sbattuto la porta in faccia e a volte anche rinnegandolo. Non testimoniandolo ma prendendomi io il merito facendo accrescere il mio ego.

Ritratto di alex

E' vero ci sono peccati irrimediabili con i loro effetti, si pensi alle bugie dette, adulteri e che dire degli omicidi? Probabilmente non ci sono peccati in cui in un modo o nell'altro non ci siano ripercussioni eterne. Ma è porprio questa l'opera del Signore: "io mi dimenticherò", cioè come se non li avessimo mai commessi.

Ovviamente il problema del peccato è che offendiamo Dio, qualsiasi peccato produce questo effetto.
Ed è con Dio che dobbiamo mettere in ordine le cose. E' l'aspetto più importante. Indubbiamente un cuore contrito e pentito, ravveduto, proverà, li dove possibile, a rimediare e a stare in allerta per il futuro.

Riapri la porta. Quando riaprirai la porta troverai il Signore che ti accoglierà a braccia aperte pronto a perdonarti. A volte i peccati hanno conseguenze inevitabili. Il peccato è orribile! Ma allo stesso tempo la grazie è meravigliosa. Per quanto noi siamo stati "bravi" a rovinarci il Signore è più "bravo" nel salvarci.
La grazia vince!!! Ovviamente laddove ci sia vera contrizione come mi sembra di cogliere nel tuo caso.

Se non hai una chiesa, trova una chiesa...

 

Potrebbe interessarti..

  • qui il file

    Uno studio del fratello Andrea Belli (ricordo con piace l'occasione in cui ho potuto conoscerlo personalmente in un campo evangelico).

    Tratto, con permesso, dal suo sito web:  http://salvezzapergrazia.wikispaces.com/

    ____________

  • Romani 6 - Predica tratta dal capitolo sei della lettera di Paolo ai Romani - Quale sarà la tua risposta d'amore ad un Dio d'amore?

  • "Sono libera di fare le mie scelte", "io mi appartengo", "mi costruisco da me", "decido io cosa è buono", "faccio solo quello che mi piace". Peccato: parola ormai svalutata senza significato, tanto da farla sembrare una cosa buona, dolce, desiderabile da concquistare a tutti i costi. Molte pubblicità case discografice multinazionali esaltano il peccato e i peccati della carne... eppure l'amara esperienza che non sono così dolci come sembrano è nascosta...

  • Genesi 9:18-29 - Dopo il diluvio l'umanità ha l'opportunità di ripartire con il piede giusto. Ma proprio sul più bello abbiamo una nuova caduta. Il peccato è vivo e vegeto nel nuovo mondo. Noè, che doveva essere il punto di partenza per il nuovo mondo, si trova ubriaco fradicio e nudo nella sua tenda. Una storia bizzarra che non solo ci ricorda il pericolo costante e gli effetti devastanti del peccato ma che ci spinge anche alla ricerca di una soluzione definitiva.

  • Negli ultimi giorni verranno tempi difficili; perchè gli uomini saranno egoisti... senza amore per il bene... amanti del piacere anzichè di Dio.
    2Timoteo3:1-4

    L'essere umano, dal primo peccato di Adamo ed Eva, ha sempre cercato di liberarsi dagli obblighi e da ogni imposizione. Mai come ora, la nostra società cerca in ogni modo di affrancarsi dalle regole morali dettate da Dio e crede, così facendo, di ottenere quella che definisce " libertà ", ma che altro non è che la "schiavitù del peccato".

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri