Amos 4:12 - Preparati ad incontrare il Tuo Dio

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Amos 4:12 - Nella vita si fanno tanti incontri: di lavoro, di affari, di viaggio, di famiglia, amorosi... A volte essi sono casuali, altre volte combinati. Possono essere fonte di gioia oppure recare tristezza, delusione, dolore... Nella Bibbia si parla di un incontro importante che nessuno potrà evitare, ed è quello con Dio, il Creatore.

Come prepararsi a questo inevitabile incontro? Se tu hai accettato nel tuo cuore il perdono offerto da Gesù sulla croce, allora sarà un incontro meraviglioso, ma se non ti sei curato di Dio e hai ritenuto di non aver bisogno di Lui e della Sua grazia, beh, allora sarà un incontro terribile perché dovrai subire il Suo irrevocabile giudizio. “E vidi i morti, grandi e piccoli, in piedi davanti al trono. I libri furono aperti, e fu aperto anche il libro della vita... E se qualcuno non fu trovato scritto nel libro della vita fu gettato nello stagno di fuoco” (Apocalisse 20:12,15). Ma sei ancora in tempo per prepararti!

Egli ti aspetta a braccia aperte per offrirti il Suo perdono e la Sua salvezza e scrivere il tuo nome nel libro della vita

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Autore: Amos, pastore e intagliatore di sicomori (i frutti dei sicomori, per diventare commestibili, dovevano essere tagliati in un preciso momento della loro crescita).
    Data di composizione: 760-755 a.C.
    Parola chiave: punizione, castigo.
    Versetto chiave: “Preparati, o Israele, a incontrare il tuo Dio” (4:12).
    Messaggio centrale: Il peccato del popolo porta al giudizio del popolo.
    Note varie:

  • Amos 1-2 - Dopo un’introduzione generale sul contesto storico e spirituale in cui profetizza Amos, il profeta pastore, vedremo nei primi due capitoli di questo libro un aspetto di Dio spesso trascurato, forse perché reputato incompatibile con la sua immagine amorevole e misericordiosa, il fatto cioè che Dio giudica.

  • Con il capitolo 3 Amos non introduce solo il suo primo oracolo, ma in qualche modo l’intero suo ministero profetico, indicando il suo destinatario. Un destinatario che non si limitava all’Israele politico, cioè la nazione che aveva Samaria per capitale, ma l’Israele del Patto, coloro cioè che Dio aveva condotto fuori dall’Egitto (3:1), la casa di Giacobbe (3:13). Era dunque proprio in virtù di quel Patto speciale che Dio si apprestava a castigarli, in quanto avevano disatteso il suo presupposto ineludibile: camminare in sintonia col proprio Dio.

  • Amos 9 - Un Dio imparziale che elargisce privilegi. - Essere depositari di privilegi mal si concilia con l’idea di eguaglianza, eppure Dio mostra di poter stabilire un Patto, cioè una relazione privilegiata, pur restando giusto e imparziale.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri