2 Timoteo 4:6-8 - Impariamo dagli atleti olimpici a vincere la gara più importante

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

2 Timoteo - 4:6-8 - Siamo stai tutti emozionati dalle immagini delle vittorie degli atleti olimpici a Tokyo di questi giorni. Ci pensi però che, se hai creduto in Gesù, ci sarà un giorno in cui anche tu sperimenterai una gioia e un sentimento d’incredulità ancora più grandi? Fratello, sorella, non scordare che oggi tu stai correndo una gara che ha come premio finale la vita eterna col Signore Gesù. Corrila con fedeltà e con perseveranza, fino all’ultimo metro, anzi, fino all’ultimo centimetro, senza perdere mai di vista il tuo traguardo.

Roma 8 Agosto 2021
Predicatore: Nicola Berretta

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Nella vecchia sala evangelica in Via Campo Bruno (Borgata Finocchio) il fratello Californiano Alan Scott illustra quali sono i conflitti interiori che sorgono nella mente del credente. Con l'aiuto della Bibbia scopriamo come risolverli.
    Alcuni dei temi affrontati:

  • Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun'altra cosa, fate tutte le cose alla gloria di Dio. Non date motivo di scandalo né ai Giudei, né ai Greci, né alla chiesa di Dio; come io stesso mi sforzo di essere gradito a tutti in ogni cosa, non cercando il mio proprio vantaggio ma quello di molti, affinché siano salvati. - 1° Corinzi

  • Dio ha determinato di portare a termine i Suoi obiettivi sulla terra attraverso uomini che hanno delle debolezze. Isaia, il grande guerriero della preghiera, fu un uomo sottoposto alle nostre stesse passioni - proprio come tutti noi - misero e debole.
     
    Davide, l'uomo che Dio aveva nel cuore, fu un assassino adultero che non aveva nessun diritto morale ad avere alcuna benedizione da parte di Dio.
  • Mentre leggerai la breve storia di questo uomo e le conseguenze delle sue scelte, non essere troppo severo nel giudizio, potresti, proprio ora, stare a camminare nella stessa via. - Quando lo zio e il nipote decisero di separarsi per evitare i litigi, la Scrittura ci dice: "E Lot alzò gli occhi e vide l'intera pianura del Giordano. Prima che l'Eterno avesse distrutto Sodoma e Gomorra, essa era tutta quanta irrigata fino a Tsoar, come il giardino dell'Eterno, come il paese d'Egitto.

  • Un richiamo forte alla coerenza della fede come via per comunicare l'evangelo. Giuseppe RIZZA alla conferenza "Comunciare Gesù" 2009.

    Qui il video

     

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri