1 Pietro 1:3-9 - Nelle prove ... prova le medicine della lode e della fede

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Chi di noi non ha mai passato (o forse sta passando proprio ora) dei periodi di prova? Anche i credenti ai quali scriveva Pietro erano travagliati e perseguitati, ma l'apostolo li esorta ad affrontare le loro prove lodando Dio ed avendo fede in Lui... Sì, la medicina della lode è fondamentale per distogliere lo sguardo dai nostri problemi e fissarli su Colui che ci ha fatto nascere di nuovo e che possiamo adorare perchè ha avuto misericordia di noi, dandoci una speranza viva per il presente e per l'avvenire, custodendo con la sua potenza una eredità che nessuno potrà modificare e che attende in Cielo i figli di Dio.
La medicina della fede, poi, ci fa vivere nel modo giusto le svariate prove e le sofferenze in cui spesso ci troviamo, poichè per fede crediamo nel fatto che esse sono permesse dal Dio sovrano e sono necessarie per la nostra crescita, oltre ad essere utili per sperimentare davvero il Dio vivente ed entrare in quella dimensione sovrannaturale in cui il Signore dimora... Quanti motivi per vivere diversamente la prossima prova, o magari la tempesta che proprio ora stai sperimentando... Allora, vuoi prendere già da ora le medicine della lode e della fede?

Giuseppe Martelli
Roma 20 settembre 2020

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Ricevo e pubblico con il suo permesso e molto piacere lo studio del fratello Giuseppe Martelli dell'assemblea di Finocchio (RM).

    ----------

  • Rimaneva ancora un altro numero da provare. Quando composi questo  numero, non nascondo che ero parecchio preoccupato ma non dimenticherò mai il cambiamento che avvenne in me quando anche questo tentativo andò a vuoto.
     
    Improvvisamente mi sentii di essere nelle mani del buon Padre celeste. Non c'era più niente che io potessi fare ma proprio per questo motivo sentivo una grande pace. Avevo esaurito ogni mia possibilità così non avevo altra scelta se non di affidare le sorti di tutti noi al Signore che può ogni cosa.....
  • "Verso la mezzanotte Paolo e Sila, pregavano e cantavano inni a Dio; e i prigionieri li udivano" (Atti degli Apostoli 16:25). - Che splendore meraviglioso aleggia sulla storia della Pentecoste. Lo Spirito di Dio si rivela in maniera imponente, gli apostoli si presentano sulla scena con grande gioia, la gente confluisce a migliaia e molti credono.
    La gioia del giorno di Pentecoste, emanata dagli apostoli in maniera particolare, non era per niente scontata. Infatti

  • Nella Parola di Dio mi viene detto di credere, ma in cosa devo credere? Mi viene detto di cercare, ma cosa devo cercare? Qual è l'oggetto della mia speranza, della mia fiducia e del mio credere?
     
    La risposta è semplice: l'oggetto della fede, per ogni peccatore, è Gesù Cristo. Tanti commettono l'errore di pensare che devono credere in Dio Padre, invece questa è la conseguenza della fede in Cristo.
  • Un dialogo conil teologo valdese Paolo Ricca. Sabato, 05 aprile 2014. Domande sulla fede cristiana
    Un colloquio sulla disaffezione nei confronti del cristianesimo, sull’ateismo, i nodi che dividono le confessioni e il futuro dell’ecumenismo e del dialogo interreligioso.
    Bibliografia: Paolo Ricca

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri