Cosa significare vivere per fede

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
"Egli è pieno d'orgoglio, non agisce rettamente; ma il giusto per la sua fede vivrà." (Abacuc 2:4).

La frase che qui sto enfatizzando è familiare ad ogni cristiano in tutto il mondo. Per secoli "vivere per fede" ha motivato le decisioni giornaliere nei credenti di ogni generazione.

La profezia di Abacuc è la prima citazione del concetto di vivere per fede; più oltre nel Nuovo Testamento l'apostolo Paolo cita tre volte questa stessa frase.
Oggi Abacuc 2:4 continua ad essere uno dei testi più predicati delle Scritture; ha formato le basi dottrinali di molte chiese. "Vivere per fede"ci parla di come siamo giustificati e santificati, di come troviamo pace e gioia, di come otteniamo vittoria sul peccato. Queste sono meravigliose applicazioni della potente verità espressa da Abacuc.

Eppure voglio inquadrare il contesto storico di questo passo. Quando Abacuc parlava di "vivere per fede", voleva aiutare Israele a sapere come affrontare una crisi imminente; dava una verità eterna per aiutare il popolo a superare una calamità che stava per abbattersi su loro; era stata data loro durante un tempo molto simile al giorno d'oggi.

Abacuc aveva ricevuto il terribile peso dal Signore a proposito di una distruttiva calamità nel futuro d'Israele. In quel tempo le leggi di Dio erano ignorate e disprezzate; i giudici emettevano sentenze in favore dei malvagi. Il ricco usava la legge di Dio per derubare il
povero e costruirsi delle fortune attraverso pratiche fraudolente; la cupidigia era divenuta una pubblica ossessione.

Abacuc era profondamente addolorato da tutto quello che Dio gli aveva mostrato; le Scritture dicono "Il carico che il profeta Abacuc vide"(Abacuc 1:1- vers. Diodati).

La mondanità si era infiltrata nella chiesa; la moralità era venuta a mancare nelle nazioni circostanti.
Quando Abacuc vide tutto questo, invocò: "Signore, perché tutta questa iniquità? Perché i malvagi trionfano sui giusti?"

"Perché mi fai vedere l'iniquità e tolleri lo spettacolo della perversità? Mi stanno davanti rapina e violenza; ci sono liti, e nasce la discordia. Perciò la legge è senza forza, il diritto non si fa strada; perché l'empio raggira il giusto e il diritto ne esce pervertito." (Abacuc 1:3-4).

Abacuc chiese al Signore quanto a lungo avrebbe permesso a tale perversità di perdurare: "Tu, che hai gli occhi troppo puri per sopportare la vista del male, e che non puoi tollerare lo spettacolo dell'iniquità, perché guardi i perfidi e taci quando il malvagio divora l'uomo che è più giusto di lui? (Abacuc 1:13). "Fino a quando griderò, o SIGNORE, senza che tu mi dia ascolto? Io grido a te: Violenza!» e tu non salvi." (Abacuc 1:2).

E quando il profeta venne sopraffatto da tale carico, Dio gli diede un'incredibile visione.

"Guardate fra le nazioni, guardate, meravigliatevi e siate stupiti! Poiché io sto per fare ai vostri giorni un'opera, che voi non credereste, nemmeno se ve la raccontassero." (Abacuc 1:5).

Il Signore disse ad Abacuc: "Sto per alzare una verga di correzione per dare un giudizio sulla terra, sarà la mia opera. Se ti dicessi quanto rapidamente verrà e quanto sarà orribile, non lo crederesti".

Questa è a parola che Abacuc ricevette sulla verga di correzione di Dio: "Perché, ecco, io sto per suscitare i Caldei, questa nazione crudele e impetuosa, che percorre tutta la terra, per impadronirsi di dimore che non sono sue."(Abacuc 1:6).

Tale terribile visione scosse Abacuc fin nel profondo. Egli ci dice: "Ho udito e le mie viscere fremono, le mie labbra tremano a quel rumore; un tarlo mi entra nelle ossa, io tremo a ogni passo; aspetto in silenzio il giorno dell'angoscia, quando il nemico marcerà contro
il popolo per assalirlo."(Abacuc 3:16).

Adesso Abacuc stava riflettendo sulla sua chiamata ad essere profeta; sapeva che il santo rimanente che era in Israele sarebbe venuto a chiedergli: "Come faremo a superare queste terribili cose che stanno per venire? Se la nostra nazione e quelle che ci circondano sono sotto il castigo di Dio, cosa potremo fare? Come vivremo? Cosa si aspetta Dio da noi?"

Ho ascoltato la stessa domanda fatta a Dio anche in questi tempi, mentre il nostro mondo affronta una calamità crescente; lo scompiglio che stiamo vedendo è sicuramente opera di Dio. Ancora una volta Egli
si erge per affrontare la cupidigia e la perversità come quella di Sodoma. Egli ha anche alzato la sua verga contro l'avido ladrocinio verso le vedove e la frode contro i poveri.

[CONTINUA...]

PER LEGGERE IL MESSSAGGIO COMPLETO CLICCA SUL SEGUENTE COLLEGAMENTO:
http://www.worldchallenge.org/it/node/6902

Di David Wilkerson
9 febbraio 2009

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Ricevo e pubblico con il suo permesso e molto piacere lo studio del fratello Giuseppe Martelli dell'assemblea di Finocchio (RM).

    ----------

  • Fortificati in ogni cosa dalla sua gloriosa potenza, per essere sempre pazienti. (Colossesi 1:11) Quando dovrai attraversare le acque, io sarò con te... quando camminerai nel fuoco, non ne sarai bruciato, e la fiamma non ti consumerà. (Isaia 43:2)
     
    LA NOSTRA FEDE: UN ACCIAIO TEMPRATO
  • E' opinione comune che le leggi dell'universo scoperte dalla scienza siano in conflitto con quelle imperscrutabili di Dio. La contrapposizione tra fede e scienza rappresenta uno dei dilemmi più laceranti del nostro tempo; un dramma che conobbe il suo primo controverso atto con Galileo Galilei.
    Zichichi, smentisce e ribalta tale contrapposizione: "Non esiste alcuna scoperta scientifica che possa essere usata al fine di mettere in dubbio o di negare l'esistenza di Dio"
  •  

    Sabato 14 febbraio 2015, alle ore 16.00, si è tenuta a Roma una tavola rotonda sul tema “Fede e coscienza civile. ‘Non prego che tu li tolga dal mondo’”, organizzata dalla chiesa cristiana avventista del settimo giorno di Lungotevere, in collaborazione con il dipartimento Affari Pubblici e Libertà religiosa dell’Unione avventista italiana.

  • Mio nonno doveva essere un gran bel tipetto! Integerrimo e tutto d’un pezzo. Non faceva preferenze fra gli studenti, a cui insegnava greco e latino, e non accettava raccomandazioni. Perciò i presidi dei licei, ogni tanto, chiedevano che fosse trasferito. Perciò passin passino arrivò a insegnare fino in Sicilia, che nell’800 era un posto abbastanza difficile.

    Mia nonna mi ha raccontato, quando io avevo circa sette anni, questa storia e la mia è tradizione orale. Se c’è qualche inesattezza, non è colpa mia.

    Una mattina, mentre il nonno era a

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri