1 Giovanni 1 - L’annuncio della diretta testimonianza apostolica: sola fonte della nostra comunione con Dio - Nicola Berretta

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

1 Giovanni 1:1-4 - L’annuncio della diretta testimonianza apostolica: sola fonte della nostra comunione con Dio -

Ci troviamo sul finire del I° sec d.C., quando nelle chiese dell’asia minore cominciavano a prender piede eresie che negavano l’opera salvifica di Gesù Cristo attraverso la sua incarnazione e morte sulla croce, trasmettevano una fede svincolata dall’esigenza di un cambiamento di vita, e rendevano i credenti succubi di sedicenti depositari di conoscenze superiori. In questo contesto l’apostolo Giovanni richiama i credenti al messaggio della Parola della vita, frutto dell’esperienza diretta vissuta dagli apostoli e a loro trasmessa.

Anche oggi tutti noi siamo invitati a ritornare costantemente alla testimonianza apostolica trasmessaci nella Parola di Dio, per avere comunione col Padre e con suo Figlio, Gesù Cristo.

Roma 14 aprile 2019
Nicola Berretta

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • ,

    Ricevo e pubblico con il suo permesso e molto piacere lo studio del fratello Giuseppe Martelli dell'assemblea di Finocchio (RM).
    Lo studio di Giuseppe è allegato in formato word ed è liberamente scaricabile.

    ----------

  • 1 Gv 2:28-3:10 - Può sembrare una domanda strana, forse anche fuori del tempo, ma sono sicuro che diversi di voi che state leggendo se la sono fatta e magari hanno avuto difficoltà a dire con certezza se Tizio o Caio sono dei figli di Dio… Ebbene, il Signore ci fornisce delle chiare indicazioni in molti passi della Bibbia, compreso quello di 1 Gv 2:28-3:3, nel quale l'apostolo Giovanni, ispirato dallo Spirito Santo, svela alcuni segreti per riconoscere delle persone nate di n

  • "La felicità è come la salute: quando la possiedi, non te ne accorgi"

  • , ,

    Le tre scimmie sagge sono un motto illustrato giapponese. Queste tre scimmie insieme danno corpo al principio proverbiale del "non vedere il male, non sentire il male, non parlare del male". I loro nomi sono "Mizaru", “scimmia che non vede”, "Kikazaru", “scimmia che non sente il male” e "Iwazaru", “scimmia che non parla del male”.  Con il fratello Johan Soderkvist, direttore dei GBU (Gruppi Biblici Universitari) verioficheremo come questo proverbio mal si addice al cristiano.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri