1 Giovanni 1 - L’annuncio della diretta testimonianza apostolica: sola fonte della nostra comunione con Dio - Nicola Berretta

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

1 Giovanni 1:1-4 - L’annuncio della diretta testimonianza apostolica: sola fonte della nostra comunione con Dio -

Ci troviamo sul finire del I° sec d.C., quando nelle chiese dell’asia minore cominciavano a prender piede eresie che negavano l’opera salvifica di Gesù Cristo attraverso la sua incarnazione e morte sulla croce, trasmettevano una fede svincolata dall’esigenza di un cambiamento di vita, e rendevano i credenti succubi di sedicenti depositari di conoscenze superiori. In questo contesto l’apostolo Giovanni richiama i credenti al messaggio della Parola della vita, frutto dell’esperienza diretta vissuta dagli apostoli e a loro trasmessa.

Anche oggi tutti noi siamo invitati a ritornare costantemente alla testimonianza apostolica trasmessaci nella Parola di Dio, per avere comunione col Padre e con suo Figlio, Gesù Cristo.

Roma 14 aprile 2019
Nicola Berretta

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • ,

    Ricevo e pubblico con il suo permesso e molto piacere lo studio del fratello Giuseppe Martelli dell'assemblea di Finocchio (RM).
    Lo studio di Giuseppe è allegato in formato word ed è liberamente scaricabile.

    ----------

  • 1 Gv 2:28-3:10 - Può sembrare una domanda strana, forse anche fuori del tempo, ma sono sicuro che diversi di voi che state leggendo se la sono fatta e magari hanno avuto difficoltà a dire con certezza se Tizio o Caio sono dei figli di Dio… Ebbene, il Signore ci fornisce delle chiare indicazioni in molti passi della Bibbia, compreso quello di 1 Gv 2:28-3:3, nel quale l'apostolo Giovanni, ispirato dallo Spirito Santo, svela alcuni segreti per riconoscere delle persone nate di n

  • "La felicità è come la salute: quando la possiedi, non te ne accorgi"

  • , ,

    Le tre scimmie sagge sono un motto illustrato giapponese. Queste tre scimmie insieme danno corpo al principio proverbiale del "non vedere il male, non sentire il male, non parlare del male". I loro nomi sono "Mizaru", “scimmia che non vede”, "Kikazaru", “scimmia che non sente il male” e "Iwazaru", “scimmia che non parla del male”.  Con il fratello Johan Soderkvist, direttore dei GBU (Gruppi Biblici Universitari) verioficheremo come questo proverbio mal si addice al cristiano.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri