"Sì" alla famiglia tradizionale, cristiani in festa a Roma

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

ROMA - È stato un evangelico ad aprire la manifestazione "Difendiamo i nostri figli", che sabato 20 giugno ha portato in piazza a Roma centinaia di migliaia di persone da tutta Italia in difesa della famiglia tradizionale tutelata dalla Costituzione e contro l'indifferentismo di genere. Giacomo Ciccone, presidente dell'Alleanza evangelica italiana, chiamato a inaugurare la serie di interventi dal palco di piazza San Giovanni, ha ribadito che il matrimonio è «una unione di un uomo e una donna che scelgono pubblicamente di portare avanti insieme un progetto condiviso, in solidarietà e fedeltà, e aperto alla genitorialità», un progetto che non è stato "inventato dal il cristianesimo" ma che «è impresso da Dio nella creazione. Quindi il matrimonio esiste da sempre e per sempre fintanto che ci sarà questo mondo».

Il presidente Aei nel suo intervento ha inoltre espresso «preoccupazione per il disegno di introdurre un pensiero unico segnato dall’indifferentismo sessuale e di genere, dalla ridefinizione surrettizia del matrimonio, dall’invasione di campo dello Stato nella responsabilità all’educazione sessuale e dell’affettività che compete ai genitori. Pluralismo non significa indifferentismo e società aperta non significa che tutto va bene».

La presenza in piazza dell'Aei e di centinaia di evangelici, tra cui si contavano esponenti del mondo della cultura e delle istituzioni, testimonia sulla tematica della famiglia tradizionale una «sintonia con il comune sentire degli evangelici - precisa una nota dell'Alleanza -, la stragrande maggioranza del protestantesimo italiano».

A margine della manifestazione gli organizzatori hanno espresso «soddisfazione per la riuscita della splendida manifestazione di ieri a San Giovanni»; Massimo Gandolfini, del comitato "Difendiamo i nostri figli", parla di «una piazza di luce e di verità, senza nessun accento di tipo omofobico o discriminatorio» e ribadisce il «no deciso ai matrimoni omosessuali, alle adozioni gay, all’educazione gender nelle scuole di ogni ordine e grado».

La massiccia partecipazione segna un risultato particolarmente significativo, riflette il comitato, per un'iniziativa messa in piedi in appena venti giorni e che, viene anticipato, potrebbe venire riproposta: «se necessario - rimarca Toni Brandi, presidente di ProVita Onlus - riscenderemo in piazza qualora le nostre voci non verranno ascoltate dai politici».

fonte: http://www.evangelici.net/notizie/1434910676.html

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Sto leggendo LA SFIDA DELL'AMORE... dal film FIREPROOF, consiglio questo libro diario x chi ha problemi o difficolta nella vita di coppia.E spettacolare...con l'aiuto del Signore, nostro DIO....Succedono cose che nella vita senza Dio sarebbero impossibili..Bacio
  • Davanti a te ci sono nuove sfide! I prossimi anni saranno fondamentali per il resto della tua vita. Sei pronto? La tua fede è solida per affrontare i prossimi passi che hai davanti?  Se vuoi rafforzare la tua identità nel Signore ed essere equipaggiato per servirlo ovunque Lui ti chiamerà allora l'avventura unica di IBEI potrebbe fare al caso tuo. 

    La vita comunitaria, la preparazione biblica, il servizio pratico e il percorso di crescita  caratteriale lasceranno un segno indelebile nella tua vita. Investire in un anno di scuola biblica è un'ottima scelta! Cosa aspetti?

  • Il documento biblico più antico al mondo ora è un ebook che si può leggere tutto intero sul pc o sul tablet. Basta collegarsi sul sito http://dss.collections.imj.org.il/, sfogliare le pagine digitalizzate e godersi un testo - tradotto - che non ha eguali.
     
    Fino a oggi vengono proposti al pubblico i primi cinque rotoli: dove si trova anche quasi tutto il libro di Isaia (66 capitoli), riprodotto da uno scriba nel 125 prima di Cristo.
  • Appunti dell'insegnamento di Eunice Randall ad un convegno di sorelle. Brani di riferimento: 1 Timoteo 3:1-12; Tito 2:1-5

    Versetto chiave: 1 Timoteo 3:11.
    "Allo stesso modo siano le donne dignitose, non maldicenti, sobrie, fedeli in ogni cosa."

    Le parole "allo stesso modo" fanno comprendere che il riferimento è alle qualità descritte prima (si vedano in particolare i vv. 5 e 7).

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta