"Sì" alla famiglia tradizionale, cristiani in festa a Roma

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

ROMA - È stato un evangelico ad aprire la manifestazione "Difendiamo i nostri figli", che sabato 20 giugno ha portato in piazza a Roma centinaia di migliaia di persone da tutta Italia in difesa della famiglia tradizionale tutelata dalla Costituzione e contro l'indifferentismo di genere. Giacomo Ciccone, presidente dell'Alleanza evangelica italiana, chiamato a inaugurare la serie di interventi dal palco di piazza San Giovanni, ha ribadito che il matrimonio è «una unione di un uomo e una donna che scelgono pubblicamente di portare avanti insieme un progetto condiviso, in solidarietà e fedeltà, e aperto alla genitorialità», un progetto che non è stato "inventato dal il cristianesimo" ma che «è impresso da Dio nella creazione. Quindi il matrimonio esiste da sempre e per sempre fintanto che ci sarà questo mondo».

Il presidente Aei nel suo intervento ha inoltre espresso «preoccupazione per il disegno di introdurre un pensiero unico segnato dall’indifferentismo sessuale e di genere, dalla ridefinizione surrettizia del matrimonio, dall’invasione di campo dello Stato nella responsabilità all’educazione sessuale e dell’affettività che compete ai genitori. Pluralismo non significa indifferentismo e società aperta non significa che tutto va bene».

La presenza in piazza dell'Aei e di centinaia di evangelici, tra cui si contavano esponenti del mondo della cultura e delle istituzioni, testimonia sulla tematica della famiglia tradizionale una «sintonia con il comune sentire degli evangelici - precisa una nota dell'Alleanza -, la stragrande maggioranza del protestantesimo italiano».

A margine della manifestazione gli organizzatori hanno espresso «soddisfazione per la riuscita della splendida manifestazione di ieri a San Giovanni»; Massimo Gandolfini, del comitato "Difendiamo i nostri figli", parla di «una piazza di luce e di verità, senza nessun accento di tipo omofobico o discriminatorio» e ribadisce il «no deciso ai matrimoni omosessuali, alle adozioni gay, all’educazione gender nelle scuole di ogni ordine e grado».

La massiccia partecipazione segna un risultato particolarmente significativo, riflette il comitato, per un'iniziativa messa in piedi in appena venti giorni e che, viene anticipato, potrebbe venire riproposta: «se necessario - rimarca Toni Brandi, presidente di ProVita Onlus - riscenderemo in piazza qualora le nostre voci non verranno ascoltate dai politici».

fonte: http://www.evangelici.net/notizie/1434910676.html

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Sto leggendo LA SFIDA DELL'AMORE... dal film FIREPROOF, consiglio questo libro diario x chi ha problemi o difficolta nella vita di coppia.E spettacolare...con l'aiuto del Signore, nostro DIO....Succedono cose che nella vita senza Dio sarebbero impossibili..Bacio
  • Gazebo evangelistico Mariano Comense (CO)

  • Alla cortese Att.ne del Pastore/Responsabile di Chiesa

    La presente per invitare la vs Chiesa a partecipare al progetto del 2° Campionato Nazionale Cristiano e a condividere questo progetto con i vostri contatti .

    La 1° edizione del Campionato Cristiano Nazionale ha visto la partecipazione di oltre 140 chiese di tutte le denominazioni: A.D.I, Chiese Elim , Chiesa Apostolica , Chiese Dei Fratelli, Chiesa Battista, Chiese Avventiste, Chiese Pentecostali, ecc..

  • Appunti dell'insegnamento di Eunice Randall ad un convegno di sorelle. Brani di riferimento: 1 Timoteo 3:1-12; Tito 2:1-5

    Versetto chiave: 1 Timoteo 3:11.
    "Allo stesso modo siano le donne dignitose, non maldicenti, sobrie, fedeli in ogni cosa."

    Le parole "allo stesso modo" fanno comprendere che il riferimento è alle qualità descritte prima (si vedano in particolare i vv. 5 e 7).

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri