Resistete: Incisa sul muro di una prigione

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Su una pietra della celebre torre di Costanza, una mano pia ha inciso, oltre 250 anni fa, una parola che sfida il tempo: RESISTETE.

Con una straordinaria eloquenza, nella sua brevità, questa parola rappresenta il riassunto di tutto ciò che i martiri cristiani sopportarono in quel tempo.

Quella parola fu incisa da Maria Durand, una contadina francese, probabilmente con un ago, mentre era in carcere a causa della sua fede in Cristo.

L’esortazione era rivolta alle sue compagne di prigionia che sarebbero rimaste dopo di lei nella torre, ma è rivolta anche a noi.

Per la grazia di Dio, nel nostro paese non siamo in circostanze tali da dover resistere a una dittatura che perseguita.

Il diavolo non viene da noi sempre come “un leone ruggente cercando chi possa divorare” (1 Pietro 5:8). Spesso si presenta sulla nostra strada come un serpente (Apocalisse 12:9) seduttore, astuto e ingannatore. Sotto questa forma è ancora più pericoloso. Egli spia le nostre piccole debolezze per servirsene e condurci alla rovina; scruta attentamente per vedere se socchiudiamo la porta dei nostri cuori verso lui per potersi introdurre subdolamente.

Né l’età, né l’esperienza ci mettono al riparo dagli attacchi del diavolo; nemmeno il nostro zelo.

L’apostolo Pietro, che aveva conosciuto parecchi assalti da parte di quel temibile nemico, ci dà questo saggio consiglio: “Resistetegli, stando fermi nella fede” (1 Pietro 5:9). E Giacomo ribadisce: “Resistete al diavolo ed egli fuggirà da voi” (Giacomo 4:7).

(1 Pietro 5:8-9)

Tratto dal calendario “IL BUON SEME”  - edizioni “il Messaggero Cristiano

Via Santuario, 26 - 15048 Valenza (AL)

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • "Quante volte, mio Dio, ho aperto le porte al peccato a ciò che per te è abominio, così per noia o per legami adolescenziali, e ho permesso la distruzione delle mia famiglia e dei miei figli, perdonami"
    La pornografia uccide moralmente e psichicamente milioni di persone, specialmente giovani. Questo libretto insegna come liberarsene e lo fa in modo chiaro, conciso ......
     
  • SIGNORE PROTEGGIMI
    DALLE FORZE IMPROVVISE
    DI NEFASTI PENSIERI
    QUANDO INQUIETUDINE PERVADE IL SONNO
    MARTELLANDOMI LA MENTE
    NON DANDOMI QUIETE

    SII TU IL CUSTODE DEL MIO DORMIRE
    SOLO LA NOTTE PORTA QUIETE E PACE
    QUANDO TUTTO INTORNO TACE
    POI L' AURORA POGGIA
    I PIEDI ALL' ORIZZONTE

    S' AFFLIGGE IL MIO ANIMO
    UN NUOVO COMBATTIMENTO
    ALLE VOLTE SON STANCO
    IN SILENZIO INNALZO UN PIANTO

  • In questo studio desideriamo esaminare, dal punto di vista della Parola di Dio, quali siano le caratteristiche, le cause e le conseguenze delle prove e delle tentazioni.
     
    Chi di noi è immune da questo genere di realtà? Chi di noi può affermare di non aver mai vissuto un periodo di difficoltà o di non aver mai dovuto affrontare una tentazione?
  • Tentazione. Una parola non più di moda nella geografia dell'anima; una parola sempre più di moda nella pubblicità. E capovolta, ad indicare qualcosa di positivo, di allietante, di necessario. Eppure, se il peccato non esiste, tutto è indifferente. Se il peccato non esiste, l'anima stessa, più che un enigma, è un delitto. Se tutto si equivale, niente vale.
    (Ermes Ronchi)
  • Vanessa, ve la ricordate?, ha deciso. Di film porno non se ne sarebbe parlato assolutamente mai più. Però le rimaneva un senso di insicurezza.

    Come la considerava adesso Dio? La vedeva ancora sporca come si sentiva lei? Era scontento? L’avrebbe punita?

    Si confidò con la sua vecchia maestra della scuola domenicale che le aveva insegnato i rudimenti della fede, quando era bambina.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri