Filippesi 3 - Quale identità per il cristiano di oggi?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Quanto a noi, la nostra cittadinanza è nei cieli, da dove aspettiamo anche il Salvatore, Gesù Cristo, il Signore, che trasformerà il corpo della nostra umiliazione rendendolo conforme al corpo della sua gloria, mediante il potere che egli ha di sottomettere a sé ogni cosa. Perciò, fratelli miei cari e desideratissimi, allegrezza e corona mia, state in questa maniera saldi nel Signore, o diletti! - Filipesi 3

-----------------

Roma 28 giugno 2015

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • La chiesa di Filippi fu la prima fondazione di Paolo sul continente europeo, avvenuta durante il suo secondo grande viaggio apostolico, verso l’anno 50-51 d.C....

    Fonte:  

    Meditazione sulla lettera di Paolo ai filippesi di Andrea BELLI.

    Tratto, con permesso, dal suo sito web:  http://salvezzapergrazia.wikispaces.com

  • In che cosa credono i cristiani evangelici? Sovente ci viene posta questa domanda, e noi sentiamo la responsabilità di rendere testimonianza con la massima lealtà della nostra fede in Cristo. Siamo lieti di esporre chiaramente alcuni dei nostri punti fondamentali di fede e t' invitiamo ad interessarti di questo e a cercare nell' evangelo se la nostra fede è secondo le sacre scritture oppure no!

  • Con dei bastoni particolari (nel viterbese è chiamato "curiato") le squadre dei contadini battevano ritmicamente sulle piante raccolte in modo che la spiga violentemente battuta lasciasse cadere i chicchi di grano a terra.

  • La parola “discepolo” deriva dal termine latino discipulus che significa “alunno, scolaro”, il quale a sua volta richiama il sostantivo greco mathetès e il relativo verbo manthàno, i quali rendono l’idea di “imparare” (come d'altronde il corrispondente vocabolo ebraico talmid).

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta