Può un discepolo dimenticare Gesù? - Spurgeon C.H.

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Fate questo a ricordo di Me - 2 Timoteo 2:8; Apocalisse 2:4-5; 1 Corinzi 11:24 «Possono i cristiani dimenticare Cristo? Si direbbe di sì perché, se così non fosse, non ci sarebbe bisogno di questa tenera esortazione. Sembra quasi impossibile che coloro che sono stati riscattati dal Sangue di Gesù, e che sono stati amati di un amore eterno dal Figlio eterno di Dio, possano dimenticare il loro Salvatore.

Ma per quanto strano possa sembrare, questo è un caso frequente. L’esperienza purtroppo ce lo conferma. Ma come si può dimenticare chi non ci ha mai dimenticati?

Dimenticare chi ci ha amati fino alla morte e ha versato il Suo Sangue per i nostri peccati? Per te il Signore è un ospite fisso o è come uno di passaggio, che deve trascorrere la notte o qualche giorno a casa tua e poi andarsene?

Tu, non hai mai dimenticato Gesù?

Forse altre persone o altre cose si sono impadronite del tuo cuore. Gli affari terreni occupano la tua mente e così il tuo sguardo perde di vista la croce e si fissa su cose effimere che non danno né sicurezza né pace. È la continua agitazione del mondo, la costante attrazione delle cose della terra che allontanano le nostre anime da Cristo».

C. H. Spurgeon  (1834-1892)

Tratto dal calendario “IL BUON SEME”  - edizioni “il Messaggero Cristiano” - Via Santuario, 26 - 15048 Valenza (AL)  - www.messaggerocristiano.it

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • La Cena del Signore è un soggetto di grande importanza; fra gli aspetti che hanno a che fare con la fede e con la vita cristiana è sicuramente, insieme al battesimo, quello che suscita il maggior interesse, anche per le degenerazioni e la varietà d’interpretazioni che ha subìto nel corso della storia della Chiesa. Ci sono però anche persone che lo ritengono argomento di scarsa importanza, dal momento che nel Nuovo Testamento se ne parla piuttosto raramente.

  • Il dogma della transustazione - Cosa significano le parole di Gesù Cristo: "Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita etarna"? (Giovanni 6:50-58) - In teologia, transustanziazione o transubstanziazione (lat. trans-substantiatio) è il termine indicante la conversione:
    • della sostanza del pane nella sostanza del corpo di Cristo e
    • della sostanza del vino nella sostanza del sangue di Cristo,
  • "Fate questo in memoria di me" (1 Corinzi 11:24). 
    Sembra, dunque, che i Cristiani possano dimenticare Cristo. Il testo implica la possibilità di dimenticare Colui che gratitudine e affetto dovrebbero far loro ricordare.
  • La vita dell’uomo medievale: intreccio di cultura e liturgia, di fede e superstizione

    Questa festa è celebrata dalla chiesa cattolica romana per

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri