Genesi 3 - Osservò che era bello, desiderabile e buono - Fu l'inferno

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Genesi 3 - Servire il mentitore oppure il Creatore? - Per quanto sia antico il nemico dell'Uomo e antiche le sue tecniche di schiavizzazione restano sempre attuali ed efficaci. L'intento fu quello di corrompere la corona della creazione dell'Eterno. Non potendola distruggere direttamente, fece in modo che si distruggesse da sola. Conoscere, o ricordare, i fatti di quel fatidico giorno ci aiuta a conoscere, o ricordare, con chi abbiamo a che fare e quali fili sa muovere della nostra mente per.... mancare l'obiettivo (peccare).
L'offerta promessa, spesso, è mantenuta, il brivido, l'emozione, il godimento, lo sfogo, trova realizzazione. Il costo? La sete rimane, la fame non è sopita, siamo stati ingannati.

Gesù Cristo ha resistito, a differenza dei nostri progenitori e di noi stessi. Gesù Cristo ha vinto il serpente.
Questa vittoria è a disposizione, approfittane! Più di uno spot pubblicitario, più di una promessa vuota, la pace con Dio. La condanna pagata da un Altro, l'inferno scampato, la vita con Dio! Già da oggi. Cambia padrone, scegli il Creatore!

--- Maurizio Todaro ---
Roma 03 settembre 2017

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Il peccato, quello "geneticamente" ereditato oppure quello prodotto dai nostri pensieri e dalle nostre azioni è, insieme ad altri "attori" che scopriremo, l'origine delle sofferenze.
    --- Alvaro Pietrageli ---
    Roma 10 novembre 2002

  • "Ma esortatevi gli uni gli altri tutti i giorni, finché si può dire: «Oggi», onde nessuno di voi sia indurito per inganno del peccato" (Ebrei 3:13)  
    Qualcuno ha detto: "se non vuoi comprare la merce del diavolo non entrare nel suo negozio", indicando con queste parole il grande pericolo della superficialità. Il cuore dei credenti dovrebbe vigilare e cercare la guida del Signore per ogni decisione che è chiamato a compiere.
  • Il peccato fallisce sempre l'obiettivo. Si prefige di soddisfare e dare gioia, manca sempre questo traguardo pur illudendoci, tavvolta, con forti emozioni e brevi piaceri ma che, alla resa dei conti, non sono mai gioia.
  • Romani 6 - Predica tratta dal capitolo sei della lettera di Paolo ai Romani - Quale sarà la tua risposta d'amore ad un Dio d'amore?

  • "Sono libera di fare le mie scelte", "io mi appartengo", "mi costruisco da me", "decido io cosa è buono", "faccio solo quello che mi piace". Peccato: parola ormai svalutata senza significato, tanto da farla sembrare una cosa buona, dolce, desiderabile da concquistare a tutti i costi. Molte pubblicità case discografice multinazionali esaltano il peccato e i peccati della carne... eppure l'amara esperienza che non sono così dolci come sembrano è nascosta...

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri