Il mio rifugio

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Oggi voglio richiamare alla mente a chi appartengo. Oggi voglio ricordare dove ed in chi ho riposto la mia speranza, desidero che il mio cuore riceva la Sua Parola ed il Suo abbraccio pienamente, senza tralasciare la più minuscola parte per me, ma desidero riceverLo con tutta me stessa...
Ed allora è qui che riesco a sentire la Sua voce, è qui che arriva dolcemente il Suo conforto.
Il Signore conosce i nostri cuori, sa quali sono i nostri desideri, Egli sa cosa pensano e come agiscono... Egli conosce le loro lacrime ed è disponibile ad asciugarle, sempre.

Qui, da sola con Lui, mi esamino...lascio a Lui scrutare ogni cosa...lascio nelle Sue mani ogni mio sentimento con la certezza che Lui se ne prenderà cura.
Oggi può essere per ognuno di noi il giorno di una nuova e completa arresa, un arresa piena di fiducia perché ci è stata fatta la grazia di conoscere Dio personalmente per chi Egli È, e questo ci basta come consolazione, ci basta perché capiamo che se pur miseri, deboli, fragili, mancanti, Dio... Dio! Ci ha amato e ci amerà sempre di un amore eterno.
Dio, grande in tutto, il solo onnisciente, onnipotente ed onnipresente!
Dio, Dio è Colui che fortifica i nostri cuori.
"O SIGNORE, tu esaudisci il desiderio degli umili;
tu fortifichi il cuor loro"(Salmo 10:17)
Via ogni turbamento, ogni ansietà, ogni dubbio, ogni tristezza in mano di Dio diventano lacrime di speranza certa in Colui che da sempre è grande in forza ed in prodigi...in Colui che opera solo meraviglie ed in Colui che non lascia mai le cose a metà ma che le porta sempre a termine.
Oggi, desidero ricordare questo..
dunque...
"Perché ti abbatti, anima mia?
Perché ti agiti in me?
Spera in Dio, perché lo celebrerò ancora;
egli è il mio salvatore e il mio Dio."
Gloria al nostro Dio.
Dio ci benedica insieme

Elisabeth
Il Mio Rifugio
Vedi anche:

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Riflessione sul testo di Giovanni 8: 1-11.

    In questo brano ci viene raccontato l’incontro di Gesù con l’adultera. Alcuni scribi e farisei avevano intenzione di lapidare questa donna, ma il Messia dice agli accusatori: “Chi è senza peccato scagli la prima pietra”.

    Possiamo analizzare questo evento sotto tre aspetti:

  • Nel cap.8.2 di Luca, troviamo scritto: “E certe donne, che erano state guarite da spiriti maligni e da infermità: Maria, detta Maddalena, dalla quale erano usciti sette demoni,“. Il primo giorno della settimana, la mattina presto, Maria di Màgdala va verso la tomba, mentre è ancora buio, e vede che la pietra è stata tolta dall’ingresso. Allora corre da Simon Pietro e dall’altro discepolo, il prediletto di Gesù, e dice:

    – Hanno portato via il Signore dalla tomba e non sappiamo dove l’hanno messo!

  • Mogli, il modo migliore di amare i nostri figli è di amare i nostri mariti.  Sheila, l’autrice del blog “To Love, Honor, and Vacuum”, ha un post dove parla dell’importanza di prioritizzare la relazione fra marito e moglie.

  • "Perché tu sei prezioso ai miei occhi,
    sei stimato e io ti amo, io do degli uomini al tuo posto,
    e dei popoli in cambio della tua vita." - Isaia 43:4

    Una promessa per Israele che ricorda anche la promessa per tutte le donne e gli uomini in Cristo Gesù, infatti:

    "Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna" - Giovanni 3:16

  • Ho una compagna molto sgradevole, me stessa....

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri