Felicità ed infelicità - Dietrich Bonhoffer

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Bonhoeffer Felicità e infelicità  (Glück und Unglück) una delle sue dieci poesie, scritte nella prigione nazista e nell’ultimo anno della sua breve vita. Questa poesia potrebbe essere la seconda che scrisse, in ordine cronologico; di certo viene dopo quella intitolata Passato. E in questa sua prima composizione, il tema di Bonhoeffer è appunto il passato, che nella sua condizione di prigioniero, con pochissime possibilità di salvarsi, gli viene sottratto;  o meglio, il tema è la vita passata, pienamente vissuta, se non addirittura felice, che ora gli è stata sequestrata, espropriata. Quella vita passata che ritorna con i volti e le parole delle persone care – i genitori, la giovane fidanzata, il suo amico fraterno e interlocutore teologico Eberhard Bethge, che aveva sposato una sua nipote; torna nelle brevi e rare visite che sono loro concesse e negli scambi epistolari. Il problema di Bonhoeffer non è solo quello che avrebbe afflitto ogni uomo nella sua situazione – come vivere questa devastazione della propria esistenza, come sopportarla – ma è il problema dell’uomo Bonhoeffer che è inseparabile dal credente e dal teologo: come interpretare e come vivere teologicamente la sua tragica condizione, ossia come viverla in relazione con Dio. Che parte aveva avuto il Signore nella vita pienamente vissuta fino al giorno dell’arresto e che parte aveva ora nella sua esistenza di carcerato, forse prossimo alla morte? Ecco la poesia che non ci fornisce la risposta ma interessanti spunti di riflessione.

Felicità ed infelicità
Che rapide ci colgono e ci dominano
Esse sono, all’inizio
Come il caldo e il freddo al primo contatto
Così vicine da non distinguersi quasi
Come meteore
Scagliate da distanze ultramondane
Percorrono luminose e minacciose il loro corso
Sopra il nostro capo
Chi ne è colpito sta, sbigottito,
davanti alle macerie
della sua quotidiana, grigia esistenza.
Grandi e sublimi,
distruttrici, vittoriose,
felicità e infelicità,
invocate o no,
fanno il loro solenne ingresso
tra gli uomini sconvolti,
ornano e rivestono
coloro che colpiscono.
 
Da lontano, da vicino,
accorre gente intorno, guarda
a bocca aperta,
parte con invidia, parte con orrore
il portento
nel quale l’ultraterreno,
portando insieme benedizione e annientamento,
si offre come sconcertante, inestricabile
spettacolo terreno.
 
Che cos’è la felicità, che cos’è l’infelicità?
Solo il tempo le separa
Quando l’evento improvviso
Che avviene incomprensibilmente
Si muta in durata spossante, tormentosa
Quando le ore del giorno che scorrono lentamente
Ci svelano la vera immagine dell’infelicità
Allora i più si allontanano
Delusi e annoiati
Stanchi per la monotonia
Dell’infelicità ormai di lunga data
 
Questa è l’ora della fedeltà
L’ora della madre e dell’amata
L’ora dell’amico e del fratello.
La fedeltà rischiara ogni infelicità
E la ricopre delicatamente
Di dolce
Ultraterreno splendore.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Cielo grigio e asfalto bagnato malinconia che repiro nell'aria.
    Tristezza nei colori invernali?
    Nulla è più triste di ciò che si può celare nell'animo umano.
    Ho sentito parole di rabbia da gente senza pace,
    e nominano Dio solo per loro errori.

    Mondo cieco, affamato e si sazia di niente; ha sete e rifiuta acqua pura.

    Menti nutrite di spazzatura televisiva,
    credenti di dei immaginari. Seguaci del dio web
    e di giochi elettronici che annebbiano
    coscienze innocenti.

  • Respiro il soffio che emana
    La bocca della Tua Parola
    Contemplo ogni di
    La Sua bellezza
    Ed il mio animo accarezza
    Odo la Tua dolce voce Signore
    Simil ad un canto melodioso
    Rendendomi pago e gioioso
    Affinchè il Tuo Spirito
    Entri nel mio.

    SdP

  • Ignari dei cataclismi
    Scagliamo esorcismi
    Pianeti paralleli
    Strideranno i cieli
    Aumento di calura
    Dei sigilli l'apertura
    Si mangia si beve
    Si cambia allieve
    Uomini molto amici
    In atteggiamenti equivoci
    Strane voglie
    Prestandosi moglie
    Abbattendo i muri
    Viva atti impuri
    Tutto divenuto lecito
    Meglio più esplicito
    Tutto è permesso
    Papaveri vino e sesso
    Il senso del peccato
    E' morto... seccato
    Sempre più negli abissi

  • Con Dio vorrei parlare
    Un modo dovrò trovare
    Ecco! un IPAD o un TABLET
    Forse un telefonino
    Sentirò la voce più vicino
    Meglio onde radar
    O pulsazioni quasar
    Trovato! Alfabeto morse
    Chissà...? Forse...
    No! No! Una ricetrasmittente
    Mi risponderà certamente
    Oppur urlando nella valle della eco
    Rimbalzerà il suo nome di sbieco
    Pensavo come fare
    Con Lui dialogare
    D'improvviso ha dolcemente
    Sussurrato nella mente
    Al vespro quasi sera:

  • SIGNORE IN TE ADDORMENTARMI
    E NON PIU' SVEGLIARMI
    CIRCONDATO DA UN MONDO MISERABILE
    DAL MALE INGUARIBILE
    ALLA SBANDO IN CONFUSIONE
    DA CHI VENDE ILLUSIONE

    UN MONDO CHE CHIEDE QUIETE PACE
    MA NEL FANGO GIACE
    SI ROTOLA SEMPRE PIU'
    AFFONDANDO PIU' GIU'

    TANTI FALSI CRISTI FALSI PROFETI
    PROMETTON VITA E GIORNI AMENI
    E...NON SI ACCORGE IL MONDO
    CON LORO VA' A FONDO

    O...FORSE PIAN PIANO
    NON CI ACCORGIAMO
    CHE NOI AL MONDO CI CONFORMIAMO?
    IN UN BOZZOLO CI CHIUDIAMO

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta