Felicità ed infelicità - Dietrich Bonhoffer

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Bonhoeffer Felicità e infelicità  (Glück und Unglück) una delle sue dieci poesie, scritte nella prigione nazista e nell’ultimo anno della sua breve vita. Questa poesia potrebbe essere la seconda che scrisse, in ordine cronologico; di certo viene dopo quella intitolata Passato. E in questa sua prima composizione, il tema di Bonhoeffer è appunto il passato, che nella sua condizione di prigioniero, con pochissime possibilità di salvarsi, gli viene sottratto;  o meglio, il tema è la vita passata, pienamente vissuta, se non addirittura felice, che ora gli è stata sequestrata, espropriata. Quella vita passata che ritorna con i volti e le parole delle persone care – i genitori, la giovane fidanzata, il suo amico fraterno e interlocutore teologico Eberhard Bethge, che aveva sposato una sua nipote; torna nelle brevi e rare visite che sono loro concesse e negli scambi epistolari. Il problema di Bonhoeffer non è solo quello che avrebbe afflitto ogni uomo nella sua situazione – come vivere questa devastazione della propria esistenza, come sopportarla – ma è il problema dell’uomo Bonhoeffer che è inseparabile dal credente e dal teologo: come interpretare e come vivere teologicamente la sua tragica condizione, ossia come viverla in relazione con Dio. Che parte aveva avuto il Signore nella vita pienamente vissuta fino al giorno dell’arresto e che parte aveva ora nella sua esistenza di carcerato, forse prossimo alla morte? Ecco la poesia che non ci fornisce la risposta ma interessanti spunti di riflessione.

Felicità ed infelicità
Che rapide ci colgono e ci dominano
Esse sono, all’inizio
Come il caldo e il freddo al primo contatto
Così vicine da non distinguersi quasi
Come meteore
Scagliate da distanze ultramondane
Percorrono luminose e minacciose il loro corso
Sopra il nostro capo
Chi ne è colpito sta, sbigottito,
davanti alle macerie
della sua quotidiana, grigia esistenza.
Grandi e sublimi,
distruttrici, vittoriose,
felicità e infelicità,
invocate o no,
fanno il loro solenne ingresso
tra gli uomini sconvolti,
ornano e rivestono
coloro che colpiscono.
 
Da lontano, da vicino,
accorre gente intorno, guarda
a bocca aperta,
parte con invidia, parte con orrore
il portento
nel quale l’ultraterreno,
portando insieme benedizione e annientamento,
si offre come sconcertante, inestricabile
spettacolo terreno.
 
Che cos’è la felicità, che cos’è l’infelicità?
Solo il tempo le separa
Quando l’evento improvviso
Che avviene incomprensibilmente
Si muta in durata spossante, tormentosa
Quando le ore del giorno che scorrono lentamente
Ci svelano la vera immagine dell’infelicità
Allora i più si allontanano
Delusi e annoiati
Stanchi per la monotonia
Dell’infelicità ormai di lunga data
 
Questa è l’ora della fedeltà
L’ora della madre e dell’amata
L’ora dell’amico e del fratello.
La fedeltà rischiara ogni infelicità
E la ricopre delicatamente
Di dolce
Ultraterreno splendore.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Ti aspetto mio Sposo
    Il mondo dal peccato eroso
    Perchè tardi ad arrivare?
    Sò non è un abbandonare

    La tua Sposa langue
    Nel mondo di Te esangue
    Anelo nell'incontrarTi
    Al più prresto non sia più tardi
    L'attesa che coltiviamo

    E' voluttà che vogliamo
    Speranza non porti all'impazienza
    Dammi più fede più sapienza
    Son adorna di rose mio Sposo
    Vieni aspetto il Tuo giorno glorioso

    SdP

  • La morte non ha età
    Senz'animo senza pietà
    Mai ebbra mai stanca
    All'improvviso si spalanca
    Scaglia frecce
    Senza minacce
    Senz'avviso falcia
    Inodore ma sa di feccia
    Viscida infame
    Puzzo di letame
    Mai sonnecchia
    Lascia la macchia
    Incute terrore
    All'animo tremore
    Avvolta in nero scialle
    Ha un tallone d' Achille
    Perché non e indelebile
    Anche lei è debole
    L'ho vista morire
    Il suo predire?
    Resuscitò il terzo giorno
    Alla morte fece scherno

  • All'animo ho dato input
    Arrivando nell'universo all'Azimut
    Meravigliato io
    Ho incontrato Dio
    Mi sposto al Nadir
    Per meglio capir
    Di nuovo meravigliato io
    Ho rincontrato Dio
    Spostandomi più distante
    Estrema punta del Levante
    Ancor meravigliato io
    Riecco la presenza di Dio
    Scivolo verso Ponente
    Ancor più sorprendente
    Attonito sempre io
    Eternamente la presenza di Dio
    Con occhi mi son tuffato
    Un atomo ho guardato
    Neuroni protoni ed elettroni

  • C'è gente sorda
    Vorrebbe udire
    A gesti si esprime
    C'è gente muta
    Vorrebbe parlare
    A gesti si esprime
    C'è gente cieca
    Vorrebbe vedere
    A gesti si esprime
    Sanare altrui difetti?
    In noi son più perfetti
    Spirito come vento mutevole
    Spazza queste grige nuvole
    Esse opprimono l'animo
    Dimenticando ciò che eravamo
    Ti prego mio Dio
    Sana il mio io

    SdP

  • Dormendo la notte
    Profondo sonno
    Mi sveglierò il giorno?
    Domani ci sarò ancora?
    Vedrò ancora l'aurora?
    Sarò io pronto
    Al viaggio senza ritorno?

    Non sono oggi
    Di giorni retaggi
    Vivrò a lungo
    Al nuovo dì mi accingo
    Quanto miglioreremo?
    Nuove colpe aumenteremo
    Essere preparati alla morte
    Verrà come un ladro di notte

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta