Esaurimento.. spirituale

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
L'Eterno è l'Iddio d'eternità

Non lo sai tu? non l'hai tu udito? L'Eterno è l'Iddio d'eternità, il creatore degli estremi confini della terra. Egli non s'affatica e non si stanca; la Sua intelligenza è imperscrutabile (Isaia 40:28)

L'esaurimento è il segno che le forze vitali si sono logorate.
Quando si è esauriti spiritualmente, ciò non avviene a causa del peccato, ma a causa del servizio; e l'essere o non essere esauriti dipende da dove si prendono le riserve di energia.
Gesù disse a Pietro: "pasci le mie pecore", ma non gli dette nulla per nutrirle.
Il processo che ti fa essere pane spezzato e vino versato per gli altri consiste nel fatto che tu devi essere il loro nutrimento, fino a che non imparino a prenderlo da Dio. Essi arriveranno a consumarti fino in fondo; tu, da parte tua, abbi cura di procurarti il nutrimento, altrimenti presto o tardi ti troverai esaurito completamente.

Prima che altre anime imparino a trarre direttamente la loro forza dal Signore Gesù, dovranno farlo attraverso di te; dovranno letteralmente "succhiarti", prima di arrivare a nutrirsi da Dio.
Il nostro dovere verso Dio è di fare il meglio che possiamo, sia per Lui sia per i Suoi agnelli e le Sue pecore.
Il tuo modo di lavorare al servizio del Signore ti ha sfinito fino all'esaurimento?

Allora riesamina i tuoi stati d'animo, riesamina i motivi che ti hanno spinto al lavoro.
Sono forse state tue inclinazioni personali o tue simpatie personali?
O hai veramente agito sulla base della redenzione di Gesù Cristo?
Controlla continuamente su che cosa si fondano i desideri del tuo animo e ricordati dove sta la fonte della tua forza. Non hai il diritto di dire: "O Signore, sono tanto stanco!" Egli ti ha salvato e santificato anche perchè tu sia consumato. Quindi, per Lui, sii pronto ad essere consumato, ma ricordati che il tuo nutrimento viene da Lui.
"In Te saranno le fonti che mi rinnovano".

Tratto dal libro: "L'impegno per l'Altissimo" di Oswald Chambers edizioni GBU

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Di recente sono andato in preghiera davanti al Signore con un cuore molto pesante, carico di molte preoccupazioni. Ho iniziato a supplicare il mio caso di fronte a Lui:

    “Oh Signore, non sono mai stato così affaticato in tutta la mia vita; a malapena riesco a tirare avanti! La mia mente è così stanca, non credo di poter ricevere un altro messaggio. Devi venire ad aiutarmi con questi carichi pesanti che Tu hai messo in me, nel mio ministerio e nella mia vita; ho bisogno di ottenere forza da Te. Signore ti prego, aiutami!”

  • Aggeo 1:1-15 - Non mettere la vita in pausa aspettando un ipotetico tempo futuro in cui sarà più semplice servire il Signore. Oggi siamo chiamati a servire il Signore. Questo è il momento giusto. Quindi... basta scuse, ricalibriamo le nostre priorità e mettiamoci a lavoro! - Scarica qui le domande di applicazione.

    Roma 15 marzo 2020
    Andy Hamilton

  • "Il mio cuore ardeva dentro di me; mentre meditavo, un fuoco s'è acceso; allora la mia lingua ha parlato" (Salmo 39:3)
    Gesù definì Giovanni una "lampada ardente e splendente" per mostrare quanto fu fervente in pietà e santità e "pieno di Spirito Santo fin dal grembo di sua madre" (Luca 1:15, 16). Il suo cuore ardeva d'amore per Gesù.
     
  • Ho meditato a lungo su che tipo di persona dovrebbe essere il servitore se egli fosse davvero qui per Cristo.

    Il servitore è chiamato a un posto solenne; egli deve vivere per Dio prima, e poi agire verso gli uomini. Non è tanto quello che fa, quanto quello che egli è. "Sii di esempio ai credenti, nel parlare, nel comportamento, nell'amore, nella fede, nella purezza" (1 Timoteo 4:12, N.R.). Come una stella nel cielo, egli è qui per Dio.

  • «Chiunque vorrà essere grande tra voi, sarà vostro servitore; e chiunque, tra di voi, vorrà essere il primo sarà servo di tutti. Poiché anche il Figlio dell'uomo non è venuto per essere servito, ma per servire, e per dare la sua vita come prezzo di riscatto per molti» (Marco 10:43-45).

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri