Sono convinto da Cristo?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Pure, non vi rallegrate se gli spiriti vi son sottoposti, ma rallegratevi perchè i vostri nomi sono scritti nei cieli (Luca 10:20)

In altre parole, Gesù dice: Non ti rallegrare per il successo del tuo ministerio, ma rallegrati perchè sei unito a Me nel modo giusto. L'insidia del lavoro cristiano è di rallegrarsi per il servizio che ha successo, per il fatto che Dio si sia servito di noi. Ma non si può fare una valutazione di quello che Dio opererà per il nostro tramite, se la nostra relazione personale con Gesù Cristo è fondata sulle basi giuste. E quindi, se tu mantieni questa relazione nelle condizioni ottimali, in qualunque circostanza ti trovi e chiunque siano coloro che incontrerai giorno dopo giorno, Egli farà sgorgare fiumi d'acqua viva dal tuo seno. Ma è un Suo atto di misericordia non fartelo sapere. Ricordati che, se sei nella giusta posizione con Dio per mezzo della salvezza e della santificazione, ovunque tu ti trovi ci sei perchè Dio ti ci ha posto; e con la reazione che la tua vita avrà alle circostanze nelle quali ti troverai, compirai il piano di Dio, fino a tanto che ti manterrai nella luce come Dio è nella luce.

Oggi si tende ad esaltare il servizio cristiano. Diffida di coloro che fanno della loro utilità la base del loro appello. Se l'utilità deve essere un criterio di valutazione, allora Gesù Cristo fu il più grande fallito che sia mai esistito. La stella polare del credente è lo stesso Dio, e non un successo ben calcolato. Quello che conta è il lavoro che Dio fa attraverso di noi, e non quello che noi facciamo per Lui. Il Signore Gesù si cura di una sola cosa nella vita di una persona: che la relazione personale che essa ha con Lui si mantenga degna del Padre Suo. Gesù sta portando molti figli alla gloria.

Tratto dal libro: "L'impegno per l'Altissimo"  di  Oswald Chambers  edizioni GBU

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri