Vorrei che Dio mi parlasse

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Dio, dopo aver anticamente parlato molte volte e in svariati modi ai padri per mezzo dei profeti, in questi ultimi giorni ha parlato a noi per mezzo di suo Figlio, che egli ha costituito erede di tutte le cose, per mezzo del quale ha anche fatto l'universo. Egli, che è lo splendore della sua gloria e l'impronta della sua essenza e che sostiene tutte le cose con la parola della sua potenza, dopo aver egli stesso compiuto l'espiazione dei nostri peccati, si è posto a sedere alla destra della Maestà nell'alto dei cieli, ed è diventato tanto superiore agli angeli, quanto più eccellente del loro è il nome che egli ha ereditato.

Infatti, a quale degli angeli disse mai: «Tu sei mio Figlio, oggi ti ho generato»? E di nuovo: «Io gli sarò Padre, ed egli mi sarà Figlio»? E ancora, quando introduce il Primogenito nel mondo, dice: «E lo adorino tutti gli angeli di Dio». Ma degli angeli dice: «Dei suoi angeli fa dei venti, e dei suoi ministri una fiamma di fuoco»; del Figlio invece dice: «O Dio, il tuo trono è per i secoli dei secoli, lo scettro del tuo regno è scettro di giustizia. Hai amato la giustizia e odiato l'iniquità; perciò Dio, il tuo Dio, ti ha unto con olio di letizia al di sopra dei tuoi compagni».

E ancora: «Tu, o Signore, nel principio fondasti la terra e i cieli sono opera delle tue mani. Essi periranno, ma tu rimani; invecchieranno tutti come un vestito, e li avvolgerai come un mantello e saranno cambiati; ma tu sei lo stesso, e i tuoi anni non verranno mai meno». E a quale degli angeli disse egli mai: «Siedi alla mia destra, finché io abbia posto i tuoi nemici come sgabello dei tuoi piedi»? Non sono essi tutti spiriti servitori, mandati a servire per il bene di coloro che hanno da ereditare la salvezza?

Perciò bisogna che ci atteniamo maggiormente alle cose udite, che talora non finiamo fuori strada. Se infatti la parola pronunziata per mezzo degli angeli fu ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione, 3 come scamperemo noi, se trascuriamo una così grande salvezza?

Dai primi versetti della lettera agli Ebrei

- Qui puoi ascoltare la Bibbia

- Qui un piano di lettura giornaliero

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Il cibo è necessario ed essenziale per la vita del nostro corpo. Certamente non è una notizia nuova. Eppure accade che uomini e donne senza nessuna carenza di cibo e beni non trovino pace. Qualcuno giunge perfino a distruggere e terminare la propria vita. Accade anche a quelle persone, definite dalla società "star" che, pur mancando di nulla, sembrano mancanti di tutto.

  • La Bibbia è un libro talmente meraviglioso e così infinitamente pieno di ricchezze, che non finirò mai di studiarlo, né di stupirmi abbastanza per l'immenso dono che il Signore ci ha dato con la Sua Parola.

    Presento la versione aggiornata al settembre 2010 della mia introduzion alla Bibbia.

    http://www.studibiblici.eu/introduzione%20alla%20bibbia.htm

  • Dio disse: "L'uomo guarda all'apparenza, ma l'Eterno guarda al cuore". Come sviluppare un cuore che Dio gradisce e benedica, mediante la meditazione giornaliera, è l'importante argomento trattato in questo libretto.

  • Video che illustra una visione d'insieme del Nuovo Testamento. Analizzando l'intera struttura letteraria del Nuovo testamento, questo video ne evidenzia la continuità e la coerenza narrativa con le scritture ebraiche Fonte: BibleProject - Italian

    Vedi anche le panoramiche su:

  • qui il file mp3

    Convegno organizzato dalla Chiesa Cristiana Evangelica di via Carlo Marx, 605

    Oratore: RODRIGO SCARFAGNA, della chiesa di Dragona (Roma), tema svolto: "IL  TESORO PIÙ GRANDE".

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri