Tu sei il mio Dio - Martyn D. Lloyd-Jones

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

"O Dio, tu sei il mio Dio, io ti cerco dall'alba; di te è assetala l'anima mia, a le anela il mio corpo languente in arida terra, senz'acqua. Così ti ho contemplato nel santuario, per veder la ttta forza e la tua gloria. Poiché la tua bontà vale pùì della vita, le mia labbra ti loderanno". (Salmo 63:1-3)
Prima di iniziare la nostra analisi di questo Salmo, ricordiamo che cos'è un Salmo. È una canzone, una specie di poema; dunque un messaggio completo in sé. Possiamo concentrarci su parti di esso, ma dobbiamo averne sempre
una considerazion,e complessiva. Questo Salmo è completo nella sua forma. E uno dei Salmi grandi e gloriosi. Tutti
sono bellissimi ed è da stolti fare differenza fra l'umo e l'altro, ma questo, in particolare, è stato sempre uno dei favoriti dalla gente di Dio. Era usato come inno mattutino da alcuni dei primi credenti, ed era uno dei favoriti di un grande predicatore del passato, Giovanni Crisostomo,
l'oratore dalle 'labbra d 'oro', così com'era conosciuto. Sappiamo anche che Teodoro di Beza, uno dei personaggi più in vista della Riforma Protestante, non riusciva a dormire e recitava questo Salmo a se stesso; in questo modo, anche se restava sveglio, era comunque pregno dello !!_pirito di gioia e di esultanza.

Continua qui

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In questo studio desideriamo esaminare, dal punto di vista della Parola di Dio, quali siano le caratteristiche, le cause e le conseguenze delle prove e delle tentazioni.
     
    Chi di noi è immune da questo genere di realtà? Chi di noi può affermare di non aver mai vissuto un periodo di difficoltà o di non aver mai dovuto affrontare una tentazione?
  • Un salmo profondamente messianico, nel senso tecnico del termine. Tuttavia resta, insieme alla stupefacente profezia, l'esperienza di un uomo, Davide, in una dura prova. Come reagisce? Cosa possiamo imparare? Da un incontro tra fratelli la meditazione del salmo 22.

  • "Ed ecco passava l'Eterno... un vento forte e impetuoso squarciava i monti e spezzava le rocce davanti all'Eterno, ma l'Eterno non era nel vento. Dopo il vento il terremoto, ma l'Eterno non era nel terremoto dopo il terremoto un fuoco, ma l'Eterno non era nel fuoco, dopo il fuoco una voce come un dolce sussurro..." (1 Re cap. 19 v. 12 )
  • E' un onore poter riscrivere la mia testimonianza ed avere l'opportunità di dare, grazie a Dio, speranza e incoraggiamento a chi ne avesse bisogno.
    Mi chiamo Davide, vivo a Sesto San Giovanni (Milano) sono nato il 22/09/1971 e dall'età di 16 anni, cioè dal 3/07/87 convivo, abbastanza bene, con una emiparesi sinistra causata da un trauma post-operatorio dovuto ad un'asportazione tumorale (gangliglioma - 17 casi in Italia) nella zona cerebrale destra.
    Da allora la mia vita è cambiata!
  • ,
    Nella vita può succederci di trovarci davanti ad ostacoli umanamente difficili da superare, così come apparivano insuperabili le mura di Gerico agli occhi di Giosuè.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri