Salmo 131 - La pace: cos'è, quale sono i suoi nemici, qual'è la fonte?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

La pace! Quante volte spesso invocata, dichiarata eppure, a ben guardare intorno a noi e dentro noi, relegata al ruolo di chimera. E' possibile che tutte le problematiche della società e della Persona, a cui spesso diamo svariati nomi (femminicidio, omofobia, cristianofobia, terrorismo, bullismo, etc) sono soltanto gli effetti di questa fondamentale questione: la mancanza di pace?

Ascoltiamo il fratello Simon, irlandese, che, attraverso la guida dello Spirito Santo ci ricorda, con un'analisi del breve ma intenso salmo 131, come il discepolo di Gesù, cioè coLui che ha deciso di seguire Gesù il Cristo, trova la fonte della pace.

Vengono anche evidenziati i nemici della pace che, spesso, albergano nella mente del discepolo..

Simon Mawhinney
____________________
Roma 24 luglio 2015

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Il Signore è con noi  noi stessati e ansiosi ma lui ci da riposo e ristoro così il nosto cuore si acquieta  come un bimbo in bracciio alla mammA.  

Potrebbe interessarti..

  • Pace. Forse una delle parole più abusate, insieme ad amore.
    Quante volte ascoltiamo questo termine in televisione, lo leggiamo sui giornali. Sembra che il Mondo sia impegnato quotidianamente in un processo di "pacificazione" e amore.

    Inutile dire come le cose non stiano così. L'ipocrisia umana, l'ingordigia, la cupidigia, la bramosia di potere, insomma il peccato che contamina ogni uomo rende il concetto di pace una utopia.

  • Salmo - 126 - Nella gioia delle cose che il Signore ha già fatto possiamo oggi ricordare per avere speranze per il futuro.
    Da una serata condivisa con i fratelli della Chiesa, meditando il Salmo 126

    Nicola Berretta
    Roma 12 giugno 2019

  • Da una serata tra fratelli e sorelle meditando il salmo 19. Scopriamo dal salmo di Davide come Dio si rivela all'Uomo attraverso tre fattori: Il Creato, la Sua Parola e la Sua Gloria.

    ------------------
    Roma 27 luglio 2016

  • Quante volte, come per Davide, ci troviamo distante e lontani dal Signore a causa del nostro peccato, magari dopo un periodo di benessere spirituale, ma, come su un'altalena, spesso ci troviamo in basso. Tanti sono i pericoli, sentirsi talmente in colpa da non voler più tornare nelle braccia di Papà. Altro pericolo è quello di sentirsi talmente schiacciati da non poter alzare gli occhi. E' straordinario come Dio ascolta un cuore contrito e pentito. Tuttavia il Signore ci offre la Sua mano per scendere dall'altalena ed andare oltre!

    Andy Hamilton
    Roma 29 luglio 2018

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri