Romani - 4

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

La giustificazione attraverso la fede: esempio di Abraamo e di Davide

(Ge 15:5-6; 17:9, ecc.) Ga 3:6-9, 29; Sl 32

- 4:1 Che diremo dunque che il nostro antenato Abraamo abbia ottenuto secondo la carne?

- 4:2 Poiché se Abraamo fosse stato giustificato per le opere, egli avrebbe di che vantarsi; ma non davanti a Dio;

- 4:3 infatti, che dice la Scrittura? «Abraamo credette a Dio e ciò gli fu messo in conto come giustizia».

- 4:4 Ora a chi opera, il salario non è messo in conto come grazia, ma come debito;

- 4:5 mentre a chi non opera ma crede in colui che giustifica l'empio, la sua fede è messa in conto come giustizia.

- 4:6 Così pure Davide proclama la beatitudine dell'uomo al quale Dio mette in conto la giustizia senza opere, dicendo:

- 4:7 «Beati quelli le cui iniquità sono perdonate

e i cui peccati sono coperti.

- 4:8 Beato l'uomo al quale il Signore non addebita affatto il peccato».

- 4:9 Questa beatitudine è soltanto per i circoncisi o anche per gl'incirconcisi? Infatti diciamo che la fede fu messa in conto ad Abraamo come giustizia.

- 4:10 In quale circostanza dunque gli fu messa in conto? Quando era circonciso, o quando era incirconciso? Non quando era circonciso, ma quando era incirconciso;

- 4:11 poi ricevette il segno della circoncisione, quale sigillo della giustizia ottenuta per la fede che aveva quando era incirconciso, affinché fosse padre di tutti gl'incirconcisi che credono, in modo che anche a loro fosse messa in conto la giustizia;

- 4:12 e fosse padre anche dei circoncisi, di quelli che non solo sono circoncisi ma seguono anche le orme della fede del nostro padre Abraamo quand'era ancora incirconciso.

Ga 3:8-18, 26-29; Eb 11:8-19

- 4:13 Infatti la promessa di essere erede del mondo non fu fatta ad Abraamo o alla sua discendenza in base alla legge, ma in base alla giustizia che viene dalla fede.

- 4:14 Perché, se diventano eredi quelli che si fondano sulla legge, la fede è resa vana e la promessa è annullata;

- 4:15 poiché la legge produce ira; ma dove non c'è legge, non c'è neppure trasgressione.

- 4:16 Perciò l'eredità è per fede, affinché sia per grazia; in modo che la promessa sia sicura per tutta la discendenza; non soltanto per quella che è sotto la legge, ma anche per quella che discende dalla fede d'Abraamo. Egli è padre di noi tutti

- 4:17 (com'è scritto: «Io ti ho costituito padre di molte nazioni») davanti a colui nel quale credette, Dio, che fa rivivere i morti, e chiama all'esistenza le cose che non sono.

- 4:18 Egli, sperando contro speranza, credette, per diventare padre di molte nazioni, secondo quello che gli era stato detto: «Così sarà la tua discendenza».

- 4:19 Senza venir meno nella fede, egli vide che il suo corpo era svigorito (aveva quasi cent'anni) e che Sara non era più in grado di essere madre;

- 4:20 davanti alla promessa di Dio non vacillò per incredulità, ma fu fortificato nella sua fede e diede gloria a Dio,

- 4:21 pienamente convinto che quanto egli ha promesso, è anche in grado di compierlo.

- 4:22 Perciò gli fu messo in conto come giustizia.

- 4:23 Or non per lui soltanto sta scritto che questo gli fu messo in conto come giustizia,

- 4:24 ma anche per noi, ai quali sarà pure messo in conto; per noi che crediamo in colui che ha risuscitato dai morti Gesù, nostro Signore,

- 4:25 il quale è stato dato a causa delle nostre offese ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri