RICCA Paolo

Giovanni il vangelo - I dialogi i segni e gli Io sono di Gesù

Evangelo secondo Giovanni - I dialogi i segni e gli Io sono di Gesù.
Puntate andate in onda su Radio3 nel 2000 - Gabriella Caramore dialoga con Paolo Ricca

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Domande sulla fede cristiana - Paolo Ricca

Un dialogo conil teologo valdese Paolo Ricca. Sabato, 05 aprile 2014. Domande sulla fede cristiana
Un colloquio sulla disaffezione nei confronti del cristianesimo, sull’ateismo, i nodi che dividono le confessioni e il futuro dell’ecumenismo e del dialogo interreligioso.
Bibliografia: Paolo Ricca

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Alterità tra cristiani ed ebrei, compito e dono

Paolo Ricca, pastore valdese, da una tavola rotonda inerente l'argomento: Alterità tra cristiani ed ebrei, compito e dono.
Cosa accomuna, cosa distingue e cosa divide cristiani ed ebrei? Il dialogo ebraico cristiano.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Esodo 15:22-18:27 - Il cammino nel deserto - Paolo Ricca

Esodo 15:22 - 18:27 - Tre capitoli della Bibbia che raccontano la liberazione d'Israele dalla schiavitù dell'Egitto. Tuttavia essi non vengono subito introdotti nella Terra Promessa ma nel deserto. Il fratello Paolo sviluppa le interessanti argomentazioni così riassunte: Non basta essere liberati per essere liberi. Cioè si può essere schiavi fuori ma liberi dentro, ed il Nuovo Testamento ci parla molto di cristiani liberi dentro anche se schiavi, e si può essere liberi fuori ma schiavi dentro. Nel deserto il popolo di Dio si pone una domanda che, in ordine di importanza, è la seconda per l'inquietudine che essa porta con se: "Dio è con noi oppure no?".
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Dalla vita al Libro, dal Libro alla vita - Paolo Ricca

La Riforma ha rimesso la Parola al centro della vita della Chiesa. L’importanza della Parola non si riduce all’esaltazione di un libro. La Parola scritta nasce dall’“ascolto” di una Parola che si fa carne e sangue, e solo dopo essere stata scritta nel cuore e nella vita si veste d’inchiostro.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Matteo 28 - Ai piedi del risorto nasce la fede cristiana

Matte 28 - La risurrezione la più difficile da credere la più facile da dimenticare, perchè? Eppure non è la più bella notizia del mondo: la morte è vinta, le lacrime sono asciugate!
Omelia del pastore Paolo Ricca, della Chiesa Valdese, nella chiesa cattolica a Santa Maria in Trastevere, il 18 aprile 2017

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Giovanni 12:32 - Accogliere TUTTI - Il "folle" messaggio evangelico di Gesù Cristo - Paolo Ricca

Giovanni 12:32 - L'inferno è il luogo dell'esclusione - Gesù chiama TUTTI a se. Il sermone è preceduto da tre letture ed una preghiera. Versetto del sermone Giovanni 12:32 (Gesù parla): "e io, quando sarò innalzato dalla terra, trarrò tutti a me".

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Matteo 23 - Dico e non faccio, appaio ma non sono - Il pericolo mortale del cristiano

Matteo 23:1-12 - "Guai a voi" ripetuto sei, sette volte. A chi è rivolta questa parola? Quale contrasto con l'inizio del vangelo di Matteo nella beatitudine sul sermone della montagna con quel "beati voi".

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Genesi 4-5 - la prima nascita e la prima morte - Paolo Ricca

  • La prima nascita e la prima morte
  • Ogni donna si chiama Eva
  • Dio sceglie Abele e non Caino, può questo fatto essere ritenuto giusto?

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La Chiesa icona del volto di Dio

La Chiesa è il corpo di Cristo, cioè il Corpo di coLui che è per eccellenza l'immagine, l'icona, dell'invisibile Dio. E nella misura in cui è il corpo di quell'immagina è essa stessa l'immagine del volto di Dio, Questa è la Sua vocazione e missione. Essere lo spazio umano e comunitario nel quale si riflette il volto di Dio che è luce.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Pagine

Abbonamento a RICCA Paolo

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri