Quando gli eccessi di carnalità ti fanno retrocedere nella vita spirituale - C.H. Spurgeon

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

"Le vacche di brutta apparenza e scarne, divorarono le sette vacche di bella apparenza e grasse" (Genesi 41:4). Il sogno del Faraone è stato troppo spesso la mia esperienza. I miei giorni di pigrizia hanno rovinosamente distrutto tutto ciò che avevo fatto nei tempi di zelante operare; i miei periodi di freddezza hanno spento tutto il calore dei tempi di fervore ed entusiasmo; e i miei accessi di carnalità mi hanno fatto retrocedere dai miei progressi nella vita divina.
Quanto è importante che ci guardiamo dalle preghiere scarne, dalle lodi scarne, da uno scarno operare, e dal fervore scarno, poiché essi divoreranno il grasso del mio conforto e della mia pace. Se trascuro la preghiera anche solo per un tempo, perdo tutta la spiritualità che vi è nella mia vita; se non attingo al cielo per ricevere nuovi approvvigionamenti, il vecchio grano nel mio granaio presto è consumato dalla carestia che imperversa nell'anima.
Quando i bruchi dell'indifferenza, la cancrena della carnalità, e il marciume dell'accondiscendenza con se stessi, lasciano il mio cuore completamente desolato, e fanno languire l'anima mia, tutta la mia precedente fertilità e crescita nella grazia non giovano più a nulla.
Quanto dovrei essere ansioso di non vivere più magri giorni di carnalità, né ore di brutta apparenza! Se ogni giorno camminassi verso l'obiettivo dei miei desideri dovrei raggiungerlo presto, ma la tiepidezza può tenermi molto lontano dal premio della mia alta chiamata, e derubarmi dei progressi fatti nel laborioso cammino. L'unico modo in cui tutti i miei giorni possono essere come le "vacche grasse", è nutrirli nei giusti pascoli, passandoli con il Signore, nel Suo servizio, nel Suo timore, e nelle Sue vie.
Perché ogni anno non dovrebbe essere più gioioso di quelli passati, più ricco in amore, e utilità, e felicità? Mi avvicino alle colline del cielo, ho avuto più esperienze con il mio Signore, e dovrei essere sempre di più come Lui.
O Signore, preservami dalla maledizione della magrezza dell'anima; fà che io non debba arrivare a gridare: "Scarno, scarno, guai a me!" ma che l'anima mia possa essere ben nutrita nella Tua casa, che io possa lodare il Tuo nome.

di C. H. Spurgeon
Meditazione del mattino del 3 luglio

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri