Preghiera teologicamente corretta?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

"Non è sufficiente che il credente cominci a pregare né che preghi correttamente. Né è sufficiente che continui a pregare per un tempo. Dobbiamo perseverare in preghiera con pazienza e fede finchè otteniamo una risposta. Inoltre non dobbiamo solo perseverare in preghiera fino alla fine, ma dobbiamo anche credere che Dio ci ascolti e che risponderà alle nostre preghiere. Il più delle volte falliamo perché non continuiamo a pregare fino a quando otteniamo la benedizione e non ci aspettiamo la benedizione. Coloro che sono discepoli del Signore Gesù dovrebbero lavorare con tutte le loro forze nell'opera del Signore, come se tutto dipendesse dai loro sforzi. Tuttavia, avendo agito così, non dovrebbero confidare minimamente nel loro lavoro e nei loro sforzi né nei mezzi che usano per la promulgazione della verità, ma soltanto in Dio. Dovrebbero cercare con ogni serietà la benedizione di Dio in preghiera con perseveranza, pazienza e fede. Qui sta il grande segreto del successo, caro lettore cristiano. Lavora con tutte le tue forze per la benedizione di Dio, ma lavora allo stesso tempo con ogni diligenza, con ogni pazienza, con ogni perseveranza. Prega, quindi, e lavora. Lavora e prega. E di nuovo prega e poi lavora. E così via, tutti i giorni della tua vita. Il risultato sarà sicuramente una benedizione abbondante. Sia che tu veda molto o poco frutto, questo tipo di servizio sarà benedetto.
Signore Gesù, chiedo che la Tua benedizione su tutto ciò che farò oggi. Ti servirò con tutto il mio cuore, ma so quanto è sbagliato confidare nei miei sforzi. Se il Tuo Spirito Santo non soffia la vita su queste fatiche, esse resteranno morte e prive di frutto. Soffia su di loro, Spirito di Dio, e possa Gesù essere esaltato oggi affinché altri Lo vedano. Amen."

George Muller, Sulla fede

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Cerchiamo la benedizione di Dio ogni giorno ringraziamolo x quello che ci dona minuto x minuto.Noi senzo il suo alito di vita non esisterremmo ma se questo alito di dio non lho rinnoviamo rimaniamo morti dentro.Invochiamo il suo spirito il.suo  aiuto.E tutto andrà bene.Noi questa generazione vogliamo tutto e subito.Mi racconta una mia amica evengelica che suo fratello in tempo di guerra non scrisse x sei mesi pensavano il peggio sua madre donna di fede pregava sempre e aveva fiducia nel Signore invocava lo spirito santo di  portagli il figlio a casa.Lei non sapeva che il figlio era in un campo di concentramento in Germania q.Il Signore ascoltò la sua preghiera un aereo americano bombardo in campo e cosi suo figlio scappo con altri prigioneri tra tante vicessitudini che non sto qui a raccontare arrivo a casa.Due anni fa ha avuto una medaglia x quell impresa che sua sorella ha definito miracolo.Oggi abbiamo il  telefono la tv i compiuter x comunicare con il mondo ma abbiamo dimenticato come si comunica con Dio LA  PREGHIERA  CHE NON HA COSTI  E SEMPRE PRONTA NON CADE LA LINEA NON C'È DA COMPORRE NUMERI DIO ASCOLTA SEMPRE E CI DA LA RISPOSTA.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri