La disciplina dell'attenzione

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

«Quello ch'Io vi dico nelle tenebre, ditelo voi nella luce; e che quel che udite dettovi all'orecchio, predicatelo sui tetti» (Matteo 10:27)

A volte Dio ci fa passare per la disciplina dell'oscurità per insegnarci a dedicarGli la nostra attenzione.
Si insegna a cantare agli uccelli tenendoli al buio; Dio ci mette all'ombra della Sua mano per educarci ad udirLo.

"Quello che Io vi  dico nelle tenebre...".

Osserva dove ti mette Dio, quando ti pone nelle tenebre, e una volta là, taci. Stai forse vivendo adesso un momento in cui ti trovi al buio per ciò che riguarda le circostanze della tua vita, o i tuoi rapporti con Dio?

Allora stattene quieto, in silenzio.

Se cominci a parlare quando sei al buio, lo farai in condizioni di spirito sfavorevoli; l'oscurità è il momento dell'ascolto. Non parlare ad altri dello stato in cui ti trovi, non cominciare a leggere libri per cercare la ragione dell'oscurità, ma mettiti in ascolto con estrema attenzione.

Se parli ad altri, non potrai contemporaneamente udire quello che Dio dice. Quando sei nell'oscurità, ascolta; e Dio ti darà un messaggio che si rivelerà poi di gran valore per altri, quando sarai tornato alla luce.

Dopo ogni periodo di oscurità, ne segue uno dove si mescolano insieme gioia e umiliazione (se vi fosse soltanto gioia, vi sarebbe da dubitare che abbiamo veramente sentito la voce di Dio); abbiamo udito parlare Dio,  e questo ci fa gioire; ma siamo soprattutto umiliati:"Quanto tempo è passato prima che io sentissi quello che Dio diceva! Come sono stato lento a capire! Eppure in tutti questi giorni, in tutte queste settimane, Dio non faceva altro che ripetermelo".

E' Dio che ti dà in dono questa umiliazione, perchè essa porta alla mitezza del cuore, il quale sarà ora sempre pronto ad ascoltare Dio.

Tratto dal libro: "L'impegno per l'Altissimo"  di  Oswald Chambers  edizioni GBU

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In questo studio desideriamo esaminare, dal punto di vista della Parola di Dio, quali siano le caratteristiche, le cause e le conseguenze delle prove e delle tentazioni.
     
    Chi di noi è immune da questo genere di realtà? Chi di noi può affermare di non aver mai vissuto un periodo di difficoltà o di non aver mai dovuto affrontare una tentazione?
  • Sono diverse le “vie” che siamo chiamati a percorrere nel nostro pellegrinaggio sulla terra. La loro diversità ­­è dovuta allo scorrere del tempo (giovinezza e vecchiaia) o alle situazioni interiori (dubbio, tentazione, insicurezza) ed esteriori (afflizione, persecuzione) in cui veniamo a trovarci. Dio ci esorta a percorrere ognuna di queste “vie” con il canto sulle labbra. Per ogni figlio di Dio, è questa la vera arma di vittoria!

    Un consiglio unico ed insolito 

  • "Ed ecco passava l'Eterno... un vento forte e impetuoso squarciava i monti e spezzava le rocce davanti all'Eterno, ma l'Eterno non era nel vento. Dopo il vento il terremoto, ma l'Eterno non era nel terremoto dopo il terremoto un fuoco, ma l'Eterno non era nel fuoco, dopo il fuoco una voce come un dolce sussurro..." (1 Re cap. 19 v. 12 )
  • E' un onore poter riscrivere la mia testimonianza ed avere l'opportunità di dare, grazie a Dio, speranza e incoraggiamento a chi ne avesse bisogno.
    Mi chiamo Davide, vivo a Sesto San Giovanni (Milano) sono nato il 22/09/1971 e dall'età di 16 anni, cioè dal 3/07/87 convivo, abbastanza bene, con una emiparesi sinistra causata da un trauma post-operatorio dovuto ad un'asportazione tumorale (gangliglioma - 17 casi in Italia) nella zona cerebrale destra.
    Da allora la mia vita è cambiata!
  • ,
    Nella vita può succederci di trovarci davanti ad ostacoli umanamente difficili da superare, così come apparivano insuperabili le mura di Gerico agli occhi di Giosuè.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri