1 Corinzi 11:17-34 - La cena del Signore come ricordo e stimolo alla vera comunione

Versione stampabileSend by emailVersione PDF


Proseguiamo lo studio di Corinzi 1, questa volta analiziamo le istruzioni di un'altra simbologia istituita dal Signore Gesù. Quella che chiamiamo: La Cena del Signore. Il fratello Giuseppe ci invita a focalizzare il significato che il Signore ha voluto dare a questa pratica che raffigura realtà spirituali importanti. Un momento nel quale ogni discepolo di Gesù è chiamato ad analizzare se stesso in rapporto a questo immenso gesto di Grazia del Padre e, quindi, a riconsiderare e riaccordare la propria vita e la relazione con gli altri figli di Dio. 1° Corinzi 11:17-34

------------------

Roma 13 marzo 2016

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Durante la festa dei battesimi si celebra il ricordo di quello che ha fatto il SIgnore. Un simbolo che ci fa guardare lo stesso Dio anche oggi e ci aiuta ad un momento di riflessione nella nostra coerenza.

  • La Cena del Signore è un soggetto di grande importanza; fra gli aspetti che hanno a che fare con la fede e con la vita cristiana è sicuramente, insieme al battesimo, quello che suscita il maggior interesse, anche per le degenerazioni e la varietà d’interpretazioni che ha subìto nel corso della storia della Chiesa. Ci sono però anche persone che lo ritengono argomento di scarsa importanza, dal momento che nel Nuovo Testamento se ne parla piuttosto raramente.

  • L'esercizio della mia libertà in Cristo come influenza le persone accanto a me? Continuiamo lo studio della prima lettera di Paolo ai Corinzi traendo spunto sulla questione delle carni sacrificate agli idoli per applicare principi utili anche per i nostri giorni. 1° Corinzi 8

  • L'ateismo più pericoloso non è quello dei "grandi" pensatori di questa "fede" ma, piuttosto, quello degli atei di fatto. Cioè di quanti, pur confessandosi cristiani, vivono una vita come se Dio non esistesse.

  • Il dogma della transustazione - Cosa significano le parole di Gesù Cristo: "Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita etarna"? (Giovanni 6:50-58) - In teologia, transustanziazione o transubstanziazione (lat. trans-substantiatio) è il termine indicante la conversione:
    • della sostanza del pane nella sostanza del corpo di Cristo e
    • della sostanza del vino nella sostanza del sangue di Cristo,

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri