Guidati nella tempesta

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Siamo in Canada, sull'immensità gelata del lago Winnipeg.
Due slitte si sono appena allontanate dalla costa, quando le assale una tormenta di neve.
 
Improvvisamente la neve s'innalza in turbini e il vento diventa glaciale.
Arriva la notte, i viaggiatori sono colti da paura. Moriranno congelati prima del mattino se non riescono a raggiungere la riva. Ma questa dov'è?
 
Nella disperazione, gli uomini decidono di affidarsi all'istinto dei cani. Prendono Koona, un cane già vecchio e un po' fragile, e lo mettono il testa alle slitte. Diventato improvvisamente capo fila, Koona esita, ma alla fine si lancia e le slitte ripartono.
 
Per ore i convogli corrono nella notte; poi, ad un tratto, sentono degli scossoni: stanno lasciando il lago; penetrano nel bosco e si fermano vicino al fuoco di un accampamento indiano.
 
Anche noi, cristiani, dobbiamo imparare a camminare per fede.
Spesso dobbiamo avanzare per una via sconosciuta, ma possiamo credere nella bontà e nella provvidenza di Dio.
 
Infatti nel mondo splende una luce percepita solo dagli occhi della fede: è la conoscenza di Gesù Cristo.
Gesù è il testimone fedele, la luce, l'amore, la verità.
 
Intorno a noi non c'è che oscurità; con la nostra intelligenza non capiamo certe circostanze della vita, soprattutto se sono difficili; ma se consociamo il Signore, possiamo confidarci in Lui ed appoggiarci su di Lui.
Ci terrà stretta la mano e ci guiderà.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In questo studio desideriamo esaminare, dal punto di vista della Parola di Dio, quali siano le caratteristiche, le cause e le conseguenze delle prove e delle tentazioni.
     
    Chi di noi è immune da questo genere di realtà? Chi di noi può affermare di non aver mai vissuto un periodo di difficoltà o di non aver mai dovuto affrontare una tentazione?
  • Sono diverse le “vie” che siamo chiamati a percorrere nel nostro pellegrinaggio sulla terra. La loro diversità ­­è dovuta allo scorrere del tempo (giovinezza e vecchiaia) o alle situazioni interiori (dubbio, tentazione, insicurezza) ed esteriori (afflizione, persecuzione) in cui veniamo a trovarci. Dio ci esorta a percorrere ognuna di queste “vie” con il canto sulle labbra. Per ogni figlio di Dio, è questa la vera arma di vittoria!

    Un consiglio unico ed insolito 

  • Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunci a se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà. Che gioverà a un uomo se, dopo aver guadagnato tutto il mondo, perde poi l'anima sua? O che darà l'uomo in cambio dell'anima sua?

    Perché il Figlio dell'uomo verrà nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo l'opera sua.

  • ,
    Il Signore Gesù, prima di lasciare i Suoi discepoli, rivolse loro queste parole: "Nel mondo avrete tribolazione; ma fatevi coraggio, Io ho vinto il mondo" (Giovanni 16:33).
    Qual era in quel momento lo stato d'animo dei discepoli?
  • ,
    Nella vita può succederci di trovarci davanti ad ostacoli umanamente difficili da superare, così come apparivano insuperabili le mura di Gerico agli occhi di Giosuè.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri