Rimetti a noi i nostri debiti - Cosa significa?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Gesù ci dice in Matteo 16: Nel pregare non usate troppe parole come fanno i pagani, i quali pensano di essere esauditi per il gran numero delle loro parole.  Non fate dunque come loro, poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate. Voi dunque pregate così:
"Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà anche in terra come è fatta in cielo.  Dacci oggi il nostro pane quotidiano; rimettici i nostri debiti come anche noi li abbiamo rimessi ai nostri debitori; e non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno."
 
Ma cosa significa "rimettici i nostri debiti?"
 
E’ bello scoprire come certe espressioni  che diamo per scontate assumano significati importanti non appena ci soffermiamo a guardarle meglio.
 
Osserviamo anche il Vangelo di Luca 11:4 «e perdonaci i nostri peccati, perché anche noi perdoniamo a ogni nostro debitore;[...]».

 

  1. "Rimettere" si può intendere "perdonare";
  2. "Debiti" è riferito principalmente a "peccati";
  3. "nostri" perché si tratta di peccati volontari, che dipendono da noi stessi.

La frase allora, in un linguaggio corrente, sarebbe la seguente: "perdonaci i nostri peccati verso di Te, come noi perdoniamo i peccati degli altri verso di noi"

 

Il punto centrale della riflessione è Dio che perdona i nostri peccati. Da qui scaturisce in noi la possibilità di risiedere nella grazia e di manifestarla al prossimo.

L'uomo ha un debito verso Dio, che solo Dio può pagare; l'uomo non può perdonarsi da solo perché ogni trasgressione deve essere rimessa tramite un giudizio, un addossamento di una colpa, e quindi una manifestazione di condanna. L'uomo non potrebbe sollevarsi dalla sua colpa che gli ha portato la morte terrena. C'è voluto il Cristo che, tramite la croce, si è addossato della nostra colpa, facendoci ottenere il perdono dal Padre.

La frase ci fa riflettere su questo dono immeritato in cui Dio ci ha tolto la condanna riversandola sul proprio Figlio. IN CONSEGUENZA A QUESTO PERDONO ottenuto senza merito alcuno, anche noi dobbiamo voler perdonare chi ci ha offeso, pure se non lo merita. Noi abbiamo ottenuto il perdono da Dio e non ce lo meritavamo, perché allora non lo vogliamo concedere al prossimo?

Riporto qualche passaggio del commentario (Comment. esegetico-pratico dei quattro Evangeli di R. G. Stewart riveduto da E. Bosio)

«"come noi li rimettiamo ai nostri debitori": non ci facciamo illusione sul senso di queste parole. Non il perdono che concediamo ad altri ci salva, bensì il sangue prezioso di Cristo: e noi non abbiamo in noi stessi alcuna virtù che possa cancellare il nostro debito verso Iddio.

Ma chi serba rancore, o non è disposto a concedere il perdono ai suoi simili, prova in tal modo, che egli non ne ha veramente sentito il bisogno per se stesso, ed in tal caso, chiedendo perdono a Dio, lo schernisce. Nessun uomo che rifletta, s'immaginerà d'avere ottenuto perdono dal Signore, se, per abitudine e deliberatamente, egli lo ricusa al suo prossimo.

Non possiamo dunque domandare con fede il perdono dei nostri peccati, e l'ammissione nel regno di Dio, se non siamo disposti a perdonare ai nostri simili le loro offese, e se non possiamo dichiarare davanti a Colui che investiga i cuori, che lo facciamo sinceramente.»

 

Il perdono è un atto più complesso di quanto sembri; è semplice ma anche "impossibile" per chi non ha una vera fede. Il cristiano deve allenarsi ogni giorno a perdonare pure se non vi riesce.

Nei suoi fallimenti e nella sua durezza di cuore egli comprenderà sempre più di quanto abbia bisogno del perdono di Dio. Perdonando riceverà anche lui perdono e questa esperienza lo aprirà miracolosamente a perdonare. Le due azioni sono strettamente collegate; non a caso in Matteo 6, alla fine del "Padre nostro" Gesù dice: 14 Perché se voi perdonate agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; 15 ma se voi non perdonate agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Come rinunci ai tuoi crediti (rimetti i debiti), cosi' i tuoi debiti saranno rimessi da altri creditori. Dio non perdona ne' punisce a vanvera. Provare per credere.

Ritratto di alex

Ciao Cesare, la tua riflessione è interessante  e da provare, grazie per il suggerimento. Tuttavia non mi sembra in contrasto con quanto scritto prima...

Ritratto di alex

Al riguardo vedi qui, in pdf, il libricino:

- Il perdono che guarisce

Potrebbe interessarti..

  • Nella vecchia sala evangelica in Via Campo Bruno (Borgata Finocchio) il fratello Californiano Alan Scott illustra quali sono i conflitti interiori che sorgono nella mente del credente. Con l'aiuto della Bibbia scopriamo come risolverli.
    Alcuni dei temi affrontati:

  • Niente ti fa dimenticare, dolori, rancori, delusioni. Puoi arrivare al vertice della tua carriere, puoi ottenere tutto quello che desideri ma se nel tuo cuore c'è amarezza una sola è la cura: il perdono.

    Il fratello, con una rivisitazione veloce della storia di Giuseppe, ci illustra come il perdono è fonte di guarigione nel proprio cuore e fondamento dell'insegnamento di Gesù... il perdono apre gli occhi all'opera di Dio...

    Ascoltiamo, impariamo e.. pratichiamo...

    -------------
    Roma 14 giugno 2015

    Roma 13 maggio 2007 (Colossesi 3:12-17)

  • E' POSSIBILE PERDONARE?

    "Perdonare significa liberare un prigioniero e scoprire che quel prigioniero, forse sei tu" (Lewis B. Smedes)

  • Un vecchio contadino era in lite con un suo vicino da ben trent'anni a proposito della collocazione di un recinto. A causa di questa disputa nessuno dei due si decideva a riparare il recinto. Sul letto di morte, il vecchietto decise di mettere le cose a posto. Chiamò sua moglie e le disse: "Per favore, dì ad Abner che sto morendo e che desidero parlargli". Non passò molto che la moglie tornò a casa con il vicino Abner. Il vecchio contadino, tutto tremante, disse: "Abner, tu ed io abbiamo litigato per quel recinto per quasi trent'anni.
  • Matteo 18:15-35 - Ma tu, vuoi guadagnare tuo fratello? - Perdonare e chiedere perdono... Una delle cose più difficili in assoluto, specie se bisogna farlo "col cuore", come ci insegna Gesù... Ma tutto dipende dal mio rapporto con Dio: nella misura in cui ho compreso quale enorme debito il Signore mi ha condonato versando il Suo sangue sulla croce, non vedrò l'ora di riconciliarmi col fratello o con la sorella che ha peccato contro di me, di chiedergli perdono se me lo chiede, e di perdonarlo davvero!

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri